Harry Potter e la camera dei segreti
by J. K. Rowling
(*)(*)(*)(*)(*)(31,812)
Harry Potter è ormai celebre: durante il primo anno alla Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts ha sconfitto il terribile Voldemort, vendicando la morte dei suoi genitori e coprendosi di gloria. Ma una spaventosa minaccia incombe sulla scuola: un incantesimo che colpisce i compagni di Harry uno dopo l'altro, e che sembra legato a un antico mistero racchiuso nella tenebrosa Camera dei Segreti. Harry e i suoi amici sfideranno oscure magie e terribili mostri, parleranno con i gufi e viaggeranno in automobili volanti, in un percorso magico dal ritmo incalzante e dalla sequenza infinita, come da scatole cinesi.

All Reviews

834 + 183 in other languages
Cento_bookCento_book wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)( )

Harry Potter è ormai celebre: durante il primo anno alla Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts ha sconfitto il terribile Voldemort, vendicando la morte dei suoi genitori e coprendosi di gloria. Ma una spaventosa minaccia incombe sulla scuola: un incantesimo che colpisce i compagni di Harry uno dopo l'altro, e che sembra legato a un antico mistero racchiuso nella tenebrosa Camera dei Segreti. Harry e i suoi amici sfideranno oscure magie e terribili mostri, parleranno con i gufi e viaggeranno in automobili volanti, in un percorso magico dal ritmo incalzante e dalla sequenza infinita. 


Ho da poco acquistato il cofanetto edito da Salani nell’edizione illustrata da Jim Kay, che contiene i primi tre volumi della saga: La pietra filosofale, La camera dei segreti, Il prigioniero di Azkaban. Il primo volume già l’avevo letto tempo fa e ricordo è stato un viaggio unico e indimenticabile nel mondo di HP, così mi sono buttato sul secondo e ho ritrovato il tratto inconfondibile di Kay che riesce ad allargare e impreziosire la narrazione del mondo di Hogwarts, conto di proseguire con il terzo volume della saga per continuare a vivere in questo mondo pieno di magia e sognare un po’ insieme a loro.

Finora è uscito nell’edizione illustrata curata da Jim kay come ultimo il quarto volume: Harry Potter e il calice di fuoco, che spero presto di riuscire a comprare (considerato anche che queste edizioni non sono proprie economicissime), si aspettano nei prossimi anni anche gli altri tre volumi che vanno a completare l’opera mondo di J.K. Rowling. 


ElisaElisa wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)( )
_chiarapanda__chiarapanda_ wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
Ogni mondo è paese
Le avventure di Harry Potter continuano e noi ci ritroviamo catapultati nel mondo più magico di tutti e nel castello più castelloso di tutti. Tra una strillettera, una partita a Quidditch e una scorpacciata di cioccorane, ci ritroviamo ad affrontare una nuova sfida. Sì, perché noi la viviamo insieme ad Harry, gioiamo più di lui quando riesce a non darla vinta a quel cattivone di Voldemort e gioiamo più di lui quando raccoglie i punti per i Grifondoro.
Le vicende di Harry si infittiscono. Non siamo più davanti a un maghetto che ha appena scoperto la sua natura. Qui Harry ha ormai preso piena consapevolezza delle sue doti e dei suoi nemici, contro cui dovrà utilizzarle. La trama è davvero ben costruita, l’idea della camera dei segreti esalta il concetto – che tra l’altro verrà ripreso in tutta la saga – di chi merita di essere mago e chi no. Cosa disonora un mago: da dove viene o dove decide di andare?
È nel secondo libro che nasce la vera storia di Harry Potter: mentre nel primo incontriamo il mondo della magia e scopriamo quali saranno i personaggi che ci accompagneranno in tutta la saga, nel secondo impariamo davvero a conoscerli, con tutte le loro doti e i loro difetti. Qui apprendiamo che il mondo magico non è poi tanto diverso da quello babbano: i forti vogliono prevaricare sui deboli, ma i deboli sono, in fondo, i più forti di tutti. L’idea del diario è davvero geniale, una diavoleria in tutti i sensi.
Così come nel primo, anche dal secondo libro nasce una trasposizione cinematografica abbastanza fedele. Piccolissime differenze su chi dice cosa, quale scena avviene prima e dove, ma fondamentalmente ci siamo.
Vera rivelazione di questo libro è, a parer mio, il personaggio di Gilderoy Lockhart (Allock nei film): un Narciso vittima della sua stessa fama, competitivo con chi gli ruba i riflettori, soprattutto se si tratta di Harry Potter – e privo di qualsiasi vero talento magico. Il suo personaggio è però frivolo al punto giusto, divertente nella sua infantile superficialità e goffo nella sua irrisoria vanità. Semplicemente perfetto.
ValentinaValentina wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
AgnolinaAgnolina wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)( )