Home Body
by Rupi Kaur
(*)(*)(*)(*)(*)(48)
Una lettera d'amore verso noi stessi. In "Home body", Rupi Kaur accompagna i lettori in un viaggio intimo e profondo dentro di sé che ripercorre il passato, si sofferma sul presente e guarda al futuro. Riflettendo su se stessa, ricorda ai lettori di abbracciare il cambiamento, riempiendo ogni giorno la vita di amore, accettazione, comunità, famiglia. Anche attraverso illustrazioni, affronta i temi della natura e dell'educazione, della luce e dell'oscurità.

All Reviews

2
MorganaMorgana wrote a review
03
(*)(*)(*)(*)( )
dopo tanto tempo scollegati la mia mente e il mio corpo si stanno finalmente riunendo -home body
home body è il nuovo libro di poesie di Rupi Kaur che, dopo milk and honey e the sun and her flowers, torna in libreria con nuove poesie che come sempre arrivano a toccare le corde dell'anima con delicatezza e forza allo stesso tempo. Io amo le poesie di Rupi Kaur, le trovo particolarmente vere e spesso estremamente vicine a me. Forse è proprio perchè mi rivedo in molto di quello che scrive che le trovo così belle, così toccanti.
Anche questa volta la raccolta è divisa in diverse sezioni, 4 in tutto; abbiamo mente, cuore, riposo e veglia. E' un viaggio alla fine, un viaggio che partendo da un punto ci porta ad una nuova consapevolezza, la stessa consapevolezza che Rupi ha guadagnato scrivendolo. Le mie sezioni preferite sono mente e veglia, ma devo ammettere che è con mente che mi sono ritrovata spesso a leggere e a pensare che stesse parlando di me.

voglio un corteo
voglio musica
voglio coriandoli
voglio la banda che suona
per quelli che sopravvivono in silenzio
voglio una standing ovation
per ogni persona che
si sveglia e va verso il sole
pur avendo in sè un'ombra
che la trascina indietro

Le poesie ci parlano di passato, presente e sopratutto futuro. So bene che non tutti apprezzano questo genere di poesia che negli ultimi anni ha preso piede sempre più, e devo dire che anche io continuo a preferire la poesia classica. Rupi Kaur però è l'eccezione per me, perchè sia con questo volume che con quelli precedenti è riuscita a raccontare di cosa significhi essere una donna in un mondo che spesso ci è ancora fin troppo estraneo.
Questo volume è una lunga riflessione che Rupi fa su sè stessa e di riflesso spinge anche chi legge a pensare a sè, a comprendersi e ad accettarsi in un certo senso. In inglese si utilizza il termine embrace che credo renda molto meglio quello che Rupi cerca di dire. Embrace è accettazione, ma è anche abbraccio, è accoglienza. Questo è uno dei messaggi più belli della raccolta. Ma si parla di tanto altro, si parla del corpo, delle donne principalmente, di relazioni, di famiglia, di amore, per sè stessi e per gli altri, di comunità, di identità.
Come le precedenti raccolte, anche home body spazia tra diversi temi, con la solita delicatezza che a tratti si trasforma in una potenza dirompente che sembra bucare le pagine. home body viene definito una lettera d'amore verso noi stessi, ed è esattamente questo, perchè a volte abbiamo bisogno di ricordare che ci meritiamo di essere amati e che dobbiamo essere noi per primi ad amarci.