I Bastardi di Pizzofalcone
by Maurizio de Giovanni
(*)(*)(*)(*)( )(1,484)
Gli agenti di un commissariato nel cuore di Napoli indagano non solo su una serie di crimini ma sull'anima stessa e le contraddizioni della città.

All Reviews

230 + 29 in other languages
Georgiana1792Georgiana1792 wrote a review
02
(*)(*)(*)(*)( )
Pur ricordando vagamente la storia dal primo episodio della serie TV, non ricordavo comunque chi fosse l'assassino della signora Cecilia De Santis, a riprova che nei gialli seriali quello che ci rimane impresso di più è comunque la trama orizzontale e non il caso specifico che si conclude nell'arco del romanzo (a questo proposito, Manzini è stato tanto bravo da inventare il caso che si spalma in orizzontale anche su più di due libri, per fidelizzare ancora di più il lettore, che diventa un autentico addicted, a giudicare dalle recensioni che leggo qui su Goodreads, OK, fine dell'excursus, qui stiamo parlando di De Giovanni).
I Bastardi di Pizzofalcone sono una squadra di poliziotti emarginati, esiliati in quel commissariato perché indesiderati negli altri. Anche il loro nome è un rifiuto riciclato di coloro che li hanno preceduti, dei poliziotti corrotti che hanno rimesso in circolazione droga sequestrata alla camorra per arrotondare, e che fa guardare a tutto il commissariato con sospetto, sebbene gli unici due reduci della vecchia squadra siano usciti pulitissimi dalle indagini.
Se l'ispettore Lojacono spicca per la sua arguzia (come già aveva fatto ne Il metodo del coccodrillo), gli altri, pur avendo problemi caratteriali e familiari, sono comunque altrettanto attivi nelle indagini, che non si limitano all'omicidio di Cecilia De Santis, e che ci permettono di affacciarci nelle loro vite, che costituiranno poi la trama orizzontale della serie. E forse, lavorare gomito a gomito con persone simili o diverse, li aiuterà a smussare gli angoli più duri e problematici dei loro caratteri.