I monti pallidi
by Carlo Felice Wolff
(*)(*)(*)(*)(*)(99)

-'s Quote

-- added a quotation
00
Laurino trasformò in pietra tutto il roseto e fece un incantesimo, che le rose non potessero vedersi nè di giorno nè di notte. Nell'incantesimo il re Nano aveva dimenticato il crepuscolo, che non è giorno e non è notte: così ogni sera, dopo il tramonto, si rivedono le rose rosse del giardino incantato.
Allora gli abitanti della montagna escono dalle capanne e guardano e ammirano, e, per un attimo solo, nelle loro menti inconsapevoli sorge una confusa intuizione del buon tempo passato, quando gli uomini non si odiavano nè si uccidevano e tutte le cose erano più belle e più buone. E quando il Rosengarten si spegne e le sue punte di pietra ridiventano chiare e fredde, gli uomini rientrano in silenzio, presi da indefinita tristezza, nelle loro capanne fumose.
-- added a quotation
00
Laurino trasformò in pietra tutto il roseto e fece un incantesimo, che le rose non potessero vedersi nè di giorno nè di notte. Nell'incantesimo il re Nano aveva dimenticato il crepuscolo, che non è giorno e non è notte: così ogni sera, dopo il tramonto, si rivedono le rose rosse del giardino incantato.
Allora
More