Il 49esimo stato
by Stefano Amato
(*)(*)(*)(*)( )(44)
Con l'appoggio della mafia, la Sicilia viene annessa nel secondo dopoguerra agli Stati Uniti, diventando un avamposto strategico con cui gli americani controllano la minaccia comunista nel resto della Penisola e in Europa. Il romanzo narra le vicende tragicomiche di un gruppo di giovani di quegli stralunati anni settanta, Jeff, Harry, George e Lucky, che sognano di sfondare nella scena musicale punk internazionale grazie alla collocazione geopolitica dell'isola. Nel 1978 ricorre il trentennale dell'annessione della Sicilia: le celebrazioni prevedono un concerto dei Ramones, e i ragazzi sentono di dover trasformare le loro velleità in qualcosa di concreto per essere selezionati come gruppo di apertura. Quella di Amato, tuttavia, non è solo una storia di giovinezza scapigliata e irriverente; la sua Sicilia e il suo mondo immaginari offrono una lucida rappresentazione dell'egemonia culturale e politica degli Stati Uniti nei confronti dei paesi subalterni e, allo stesso tempo, mantiene viva l'attenzione verso i drammi dell'Italia nell'anno del rapimento di Aldo Moro e della strategia del terrore. Insieme alla data dell'audizione per il concerto, si avvicina il momento in cui la dimensione storico-politica farà breccia nella vita dei quattro giovani: l'equilibrio tra la nostalgia di un tempo in cui tutto sembrava possibile e la consapevolezza data dal senno del poi esplode irrimediabilmente.

10righedaiLIBRI's Review

10righedaiLIBRI10righedaiLIBRI wrote a review
00
prime 28 pagine del libro
10righedailibri.it/prime-pagine/49esimo-stato
1978
Parte prima
George è quello di noi quattro che non parla mai. Quando al jukebox suonano per l’ennesima volta Hotel California non fiata, si limita a infilare un indice in bocca e a premere il grilletto col dito medio. Poi si rituffa nel suo hamburger. “Vi avverto, se mettono di nuovo gli Eagles me ne vado,” dico io. Lo sciagurato di turno è un ragazzo ben piantato e coi capelli tagliati a spazzola. Indossa il giubbotto dello University College of Sicily (quello rosso a maniche gialle, sul petto una U, una C e una S intrecciate) e mentre torna al suo tavolo scambia un cenno del capo con Lucky, l’unico di noi a frequentare l’università. “Atleti del cazzo,” mormora Harry prima di bere un altro sorso di Bud.
10righedaiLIBRI10righedaiLIBRI wrote a review
00
prime 28 pagine del libro
10righedailibri.it/prime-pagine/49esimo-stato
1978
Parte prima
George è quello di noi quattro che non parla mai. Quando al jukebox suonano per l’ennesima volta Hotel California non fiata, si limita a infilare un indice in bocca e a premere il grilletto col dito medio. Poi si rituffa nel suo hamburger. “Vi avverto, se mettono di nuovo gli Eagles me ne vado,” dico io. Lo sciagurato di turno è un ragazzo ben piantato e coi capelli tagliati a spazzola. Indossa il giubbotto dello University College of Sicily (quello rosso a maniche gialle, sul petto una U, una C e una S intrecciate) e mentre torna al suo tavolo scambia un cenno del capo con Lucky, l’unico di noi a frequentare l’università. “Atleti del cazzo,” mormora Harry prima di bere un altro sorso di Bud.