Il conte di Montecristo
by Alexandre Dumas
(*)(*)(*)(*)(*)(9,003)
Nel febbraio del 1815, a Marsiglia, il marinaio Edmond Dantès viene falsamente accusato di bonapartismo e arrestato nel giorno delle nozze, alle soglie di una brillante carriera navale. Durante la prigionia nel castello d'If, uno scoglio in mezzo al mare, affina un odio feroce per gli autori della s... More

All Notes

16
JejelillaJejelilla added a note
014
image
MARE
JejelillaJejelilla added a note
014
image
MARE
...... added a note
00
In Dumas la vita ha un sapore di totalizzante voluttà - è la voluttà dell'intrigo a farlo inesausto regista di romanzo. E si può capire come il paesaggio romano, scrutato col suo cannocchiale, lo stregasse. Come lo stregava ovviamente Parigi in quel voltarsi d'ordini sociali, finanziari, politici fra barbarie ed eleganza che la città, trascinando con sé tutta la Francia, fra caduta di Napoleone, Restaurazione e Rivoluzione borghese in crescita, inscenava.
Il quadro socio-storico, nel Conte di Montecristo, forse è la componente di maggiore rilievo: la facilità del guadagno, dello sperpero di danaro, delle corse irrefrenabili su per la scala sociale di affaristi spregiudicati e funzionari di mezza tacca che sapevano sfruttare la politica, le amicizie di qualità a unico profitto personale; quindi il precipizio in cui tante improvvise fortune finanziarie piombavano a terra con la velocità del suono, e travestimenti conseguenti, lacrime per alcuni e per altri gioie: questa la vera sostanza del romanzo. La storia era lo scenario dentro cui Dumas metteva in fusione la propria industria feuillettoniste, come sappiamo - lo fu per I tre moschettieri, lo fu per La Sanfelice. Ma nel Conte di Montecristo lui insegue la contemporaneità, quella contemporaneità canaille di cui conosceva tutto, tanto vi era immerso dentro, tanto se ne nutriva.
Il grande romanzo europeo lo hanno inventato nelle sue figurazioni propulsive dei marginali, gente che sarebbe stata disposta a correre ogni avventura, disposta a mettere a soqquadro tutte le righe dei comportamenti sociali, e che a tante velleità diede volto con l'inchiostro. Dumas, mulatto per via di madre, garibaldino (fornì una partita di moschetti ai Mille), con la sua albagia di spendaccione privo di ogni remora, nella crapula, nel sesso, di quei primitivi - artisti senza dubbio - seppe cantare, con note di trionfo, ma da scrittore per niente eccelso, l'epicedio. Del romanzo fece la slot machine del guadagno, per sé e i suoi aiutanti (fra cui Nerval). E nel Conte di Montecristo inventò il ritorno del vendicatore che vuole assaporare il più en ralenti possibile la propria vendetta per un sopruso ricevuto - una galera ingiustamente comminata e durissimamente scontata.
Nell'epos del romanzo europeo il protagonista del libro, il giovane Edmond Dantès e l'abate Faria, suo mentore imprevisto e ancora più imprevisto benefattore, costituiscono una leggenda. La galera che i due scontano in parallelo, il cunicolo che riescono a scavare congiungendosi per caso nelle viscere del Castello d'If dove sono ai ferri, il progetto di fuga che elaborano e che il solo Dantès riesce a mettere in atto ma usando il sacco-bara in cui l'altro, morto di vecchiaia, dovrebbe venir cucito, sono topoi d'eccezione nel romanzesco. Dopo questo evento ultimo - decisivo per il resto -, quanto accade, agnizioni inclassificabili, morti presunte, assassinii che torturano l'anima e che in effetti non sono mai avvenuti, sdoppiamenti di persona anche comici, avvelenatrici subdole, paralitici che dal proprio letto sventano delitti, giovani lesbiche in fuga d'amore, un armamentario rocambolesco che a riassumerlo nei suoi incastri si tinge di ridicolo, per le mani di Dumas, quelle mani che sanno come trovare il giusto equilibrio fra empireo e boulevard, guadagnano spazio nelle rubriche del credibile.
Sono convinto, però, che tutto non andrebbe così al segno se al romanziere non riuscisse il colpo di vero genio che è l’invenzione di quel sacco-bara dentro cui è andato a farsi cucire Edmond al posto del povero abate Faria scambiandosi a lui con una mossa tanto astuta quanto pericolosa.
Dumas, a quel punto, ci racconta la seconda nascita del suo gagliardo protagonista. Quel sacco di tela, che dovrebbe essergli bara - perché a tanto sarebbe destinato se contenesse il cadavere del vecchio -, lanciato in mare, gli è, invece che sepolcro, vivificante sacco placentario…
Nel romanzo, dopo quel tuffo, si verifica una metamorfosi decisiva. Edmond, fatto accorto dai suggerimenti e dalla filosofia del saggio Faria - gli ha consegnato in mano la sua eredità, la mappa di un tesoro... -, lo ritroveremo, più in là negli anni, non più ragazzo soggetto alle ondate del destino, non più indifeso davanti alle invidie e alle perfidie altrui, non più piagato nella sua intimità: lo ritroveremo pari a un Proteo tenebroso e irresistibile, insindacabile regista degli eventi i più azzardati. Dapprima il romanzo gli veniva tessuto da altri sulla pelle: Edmond lo avevamo visto maciullato dalle mani del caso, straziato fino all'afasia. Adesso è lui a imporre, pure con ferocia, caso e destino a chiunque lo abbia incrociato o torni a incrociarlo. Lui il vero autore del proprio romanzo.
Il conte di Montecristo è la vicenda di una vendetta lungamente meditata e attuata a distanza di anni. È un prototipo saccheggiato da una schiera foltissima di imitatori, fra cui non ultimi Salgari e Carolina Invemizio; e saccheggiato con disinvoltura levantina anche da una caterva di sceneggiatori cinematografici. All'origine del topos è possibile intravedervi la figurazione esemplare del ritomo di Ulisse a Itaca, dell'ignoto giustiziere che fa man bassa, con un arco e frecce infallibili, di chi ha cercato di strappargli la donna e distruggergli il patrimonio. Quello che conta in Dumas è la complessità della costruzione …
Che leggesse avidamente Stendhal e Balzac, e che per certi versi ne volesse apparire, senza alcuna esitazione, il replicante è alla sostanza indubbio. Poi, va per conto suo. E la calibratura, alla sua costruzione, la dà attraverso la pittura d'una società - quella francese del 1830 - dove ragionare di morale era finanche delittuoso, e contro la quale oppone la forza d'un ricordo e d'una nostalgia Basti un nome per capaci: Napoleone. Figlio di un generale della grande armata Dumas coltiva romanzescamente la memoria di un tempo generoso, già calato nel marmo della gloria e in essa contro un presente devastato ma vitale, imprime un bisogno di verità e, diciamolo, di vendetta
Ecco quindi il tema della vendetta - quasi un sogno bonapartista - situarsi né troppo in atto né troppo in basso fra i valori uni ani: di sicuro momento passionale, ma estremamente razionale poiché per essere attuato fino in fondo necessita di una strategia militare attentamente meditata L'uomo che la può realizzare ha da essere un individuo superiore, capace di freddezza e lungimiranza: - Dumas disegna il suo Dantès adulto con le tinte presaghe del superuomo, del cavaliere senza macchia e senza paura, calando un profilo di dignità cavalleresca fra il letame della società dei borghesi arricchiti. È un cavaliere che ha perduto l'aureola sacrale di un Lancillotto, e certamente non è un puro folle come Parsifal, ma unisce in sé, quasi con kantiano rigore, imperativi etici e determinazione individuale - la sua vendetta è segno e realizzazione del bene, il suo fine non è il sangue ma la rimessa in sesto di quel che nella vita è andato fuori asse.
Diciamo che Dumas vorrebbe che il suo superuomo vivesse la libertà incontaminata di Zarathustra - ma ancora non sa chi sia Zarathustra, perciò abbandona la propria creatura nel cerchio di un'esistenza dove sono accumulati oggetti d'oro, diamanti, rubini miracolosamente scampati all'oblio del tempo; e il narghilè come panacea contro l'angoscia della vivere vi è vissuto come un miraggio da rinviare a poi, a un dopo che vediamo scivolare fino alle ultime pagine del romanzo, alle ultime righe…
...... added a note
00
In Dumas la vita ha un sapore di totalizzante voluttà - è la voluttà dell'intrigo a farlo inesausto regista di romanzo. E si può capire come il paesaggio romano, scrutato col suo cannocchiale, lo stregasse. Come lo stregava ovviamente Parigi in quel voltarsi d'ordini sociali, finanziari, politici fr... More
JejelillaJejelilla added a note
012
IL NOSTRO :-)
JejelillaJejelilla added a note
012
IL NOSTRO :-)
JejelillaJejelilla added a note
02
PADOVA 16 FEBBRAIO 2010
JejelillaJejelilla added a note
02
PADOVA 16 FEBBRAIO 2010
LLauraNLSLLauraNLS added a note
01
Ad alta voce - Rai Radio 3
LLauraNLSLLauraNLS added a note
01
Ad alta voce - Rai Radio 3
exsiliumexsilium added a note
01
exsiliumexsilium added a note
01
00
00
MartaDolomiaMartaDolomia added a note
02
image
MartaDolomiaMartaDolomia added a note
02
image
MethaphysMethaphys added a note
00
image
MethaphysMethaphys added a note
00
image
MethaphysMethaphys added a note
00
image
MethaphysMethaphys added a note
00
image
...... added a note
00
IL CONTE DI MONTECRISTO di Alexandre Dumas padre (1844), Edizione Oscar Mondadori
Nota di copertina: Vittima delle indisiose trame di due rivali e di un ambizioso magistrato, Edmond Dantès, un giovane ufficiale di marina, viene arrestato a Marsiglia il giorno stesso del suo matrimonio e rinchiuso per ben quattordici anni nel tenebroso castello di If. Ma fuggito avventurosamente dal carcere e divenuto ricchissimo grazie alla scoperta di un enorme tesoro, Dantès, che ha assunto il romantico nome di Conte di Montecristo, può finalmente portare a termine la sua terribile vendetta.
Pubblicato per la prima volta nel 1844, questo romanzo, caratterizzato da una trama movimentata e ricca di colpi di scena, divenne subito popolarissimo imponendosi come modello della narrativa d’avventura del secolo scorso.
Nota di recensione: Avvincente romanzone d’appendice di quasi mille pagine in corpo otto, che nonostante i miei diuturni impegni ho fatto fuori in meno di un mese, patendo, fra le fatiche, solo quella, in vero non lieve, del tenerlo in mano. Ma mi sono rigenerato, rinfrescato, appagato, corroborato e anche commosso. Mi è piaciuto molto, come mi erano piaciuti Guerra e Pace, i Miserabili e i Promessi Sposi, ove le trame si dipanano tra i percorsi della Storia e netta appare la distinzione tra il Bene e il Male.
E i personaggi - questa forse è la cosa che mi ha avvinto e incuriosito di più - vi dialogano sciorinando frasi così levigate e forbite, proposiziosi così articolate e complesse che, più che la caratteristica dell’improvvisazione verbale esse par che abbiano, anzi hanno, il gran pregio delle parole pensate e pesate a tavolino e messe insieme, dallo scriptor, dopo lunghe e meritorie meditatazioni.
Ma così si deve scrivere, così si dovrebbe parlare. Perché, come disse Joubert, cercando le parole si trovano i pensieri.
Della narrazione mi ha avvinto la grossa ma genuina facoltà inventiva, che associa, in un rapido susseguirsi, senza preoccupazioni di una trama ragionata e verosimile, le più straordinarie avventure, raccontate con l’ausilio di uno stile che non manca di agilità e movimento, anche se numerosi luoghi comuni (Dio, Dio, mon Dieu!) guastano la verità psicologica dei caratteri e la coerenza delle vicende.
Un romanzato romanzone per sartine e casalinghe con molto tempo a disposizione, un feuilleton che, pur non essendo io né una sartina e neanche (purtroppo) una casalinga, mi ha avvinto.
14/4/1997
...... added a note
00
IL CONTE DI MONTECRISTO di Alexandre Dumas padre (1844), Edizione Oscar Mondadori
Nota di copertina: Vittima delle indisiose trame di due rivali e di un ambizioso magistrato, Edmond Dantès, un giovane ufficiale di marina, viene arrestato a Marsiglia il giorno stesso del suo matrimonio e rinchiuso pe
... More
00
Donazione D'Alessandro, Fondo Di Tursi
00
Donazione D'Alessandro, Fondo Di Tursi
marialaurinomarialaurino added a note
00
image
Libro bellissimo. Alcuni personaggi come Dantes, sono così reali che si fa fatica a chiudere il libro. È uno dei libri della vita ( come " la montagna incantata" o altri capolavori) . Da leggere.
marialaurinomarialaurino added a note
00
image
Libro bellissimo. Alcuni personaggi come Dantes, sono così reali che si fa fatica a chiudere il libro. È uno dei libri della vita ( come " la montagna incantata" o altri capolavori) . Da leggere.
...... added a note
00
mi sono sempre rifiutato di scriverne una recensione, sia perché sarebbe stato il caso di farlo a caldo e or son passati sei anni, sia perché so già che non posso esprimere cosa mi ha dato, il che è frustrante. ma mi ci sono rassegnato e del resto stimo che col passare del tempo il ricordo non può che indebolirsi ulteriormente, e pure che sarebbe ben peggio che non dicessi, per come posso, quello che sento. il mio libro d'elezione, quello che porterei sull'isola deserta, stante anche la sua ricchezza onnicomprensiva: giallo, rosa, nero, verde (speranza) e l'avventura che non so che colore abbia. [l'avventura; montecristo mi ricordava e dava le sensazioni del crusoe; la parentela più stretta è quella di faria, che schopp giustamente definisce come un robinson delle prigioni]. erudizione. dialoghi ore rotundo. più lo leggevo, più mi rattristavo che meno mi restava da leggere. in quel mentre ero consapevole ch'era di già diventato il mio preferito, tanto da star certo appetto a poe e fors'anche sopra. quando l'ho finito, avrei voluto non averlo mai letto per avere ancora quel piacere che si può avere solo alla lettura pristina[, la sola che blandisce con l'aspettativa e la sorpresa]. e dire che l'avevo cominciato solo per saggiarlo, senza pretesa di finirlo, e invece[, nonostante la mole,] l'ho divorato [ho fatto fuori in meno di un mese, patendo, fra le fatiche, solo quella, in vero non lieve, del tenerlo in mano]. e che venivo (periodo fortunatissimo! momenti aurei!) dalla lettura consecutiva di quelli che pure annovero tra i pochissimi libri preferiti: crusoe e morel. si apprezza di più in un momento di difficoltà, sia perché ci s'immedesima nel protagonista, sia perché il libro (un vero microcosmo fatto e fitto di luoghi, personaggi, situazioni: dumas genie de vie) è una realtà virtuale e parallela in cui rifugiarsi ed estraniarsi. [romanzo "d'evasione" nel doppio senso, per dantès e per il lettore]. il che non potrebbe aversi senza la pletora e la frastagliatura: il paradosso di montecristo. mi piacciono certi suoi grossolani difetti: la violenza delle emozioni che suscita. è la bomba atomica della letteratura mondiale. [un libro che vale il tesoro di faria]. dopo ci ho messo anni a disintossicarmi e riprendere gusto ad assaporare cose a confronto inevitabilmente più delicate. (ne ha fatte le spese il gattopardo, preso sol perché m'era venuta una crisi di astinenza, la smania di leggere subito qualcos'altro, rimanendo inevitabilmente deluso). c'è chi ama il caviale, chi la pizza. quindi direi che a me piace più la pizza, ma montecristo mi pare una mai vista pizza al caviale.
...... added a note
00
mi sono sempre rifiutato di scriverne una recensione, sia perché sarebbe stato il caso di farlo a caldo e or son passati sei anni, sia perché so già che non posso esprimere cosa mi ha dato, il che è frustrante. ma mi ci sono rassegnato e del resto stimo che col passare del tempo il ricordo non può c... More
00
843.8
DUM 16115
Letteratura Francese
00
843.8
DUM 16115
Letteratura Francese
00
843.8
DUM 16115
00
843.8
DUM 16115