Il diavolo in corpo-Il ballo del conte d'Orgel
by Raymond Radiguet
(*)(*)(*)(*)( )(99)

All Reviews

6
Minnie33Minnie33 wrote a review
00
(*)(*)( )( )( )
LETTURA COLLETTIVA (BOOKAHOLIC) DI GENNAIO 2012 consigliato da Marycliath98/SFIDA DELL'ALFABETO 2012 (R)
Terminato a fatica e solo perchè odio lasciare i libri a metà.....
Di una noia mortale!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Lia ScutoLia Scuto wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
Il diavolo in corpo

Mai protagonista di un personaggio mi è risultato tanto odioso. Un giovane rampollo egoista, possessivo e viziato che vive il suo primo innamoramento in una relazione incestuosa. Passano gli anni ma i cicli si ripetono: individui stupidi che si invaghiscono perdutamente dell'indifferenza e della vaghezza altrui, vivendo storie masoghiste. Personaggi ciechi ed ingenui, disposti a perdere tutto, perfino la vita, per inseguire amori futili.
"Chi ama infastidisce sempre chi non ama", indi amare per non essere amati.
Comportamento assurdo, ma reale.
Radiguet, nonostante i suoi diciotto anni, è stato capace di descrivere tali meccanismi con la maturità di un uomo vissuto. Bel romanzo. Amara ma valevole lettura. 4 stelle.

Il ballo del Conte d’Orgel

Romanzo di minore rilevanza rispetto a Il diavolo in corpo . All’inizio si dilunga troppo nella descrizione della frivola vita mondana e dei fasti dell’alta società parigina, risultando troppo pomposo e sfarzoso.
Superato il tedioso ostacolo iniziale, le fila si disciolgono e riesce a diventare un pochino più intrigante, convincendo il lettore a farsi coraggio ed a non abbandonare la lettura. Ci si imbatte in un complicato triangolo amoroso. La moglie ama il marito; l’amico del marito, Francois, ama la moglie; il marito, Anne, fra tutti gli amici “prediligeva Francois, perché Francois amava la moglie”, ma manifesta solo sentimenti superficiali per lei; la moglie scopre di amare Francois. E mentre amico e moglie si struggono per i sentimenti provati l’uno per l’altra, il marito rimane indifferente, a tratti quasi compiaciuto. Troppo immerso nella figura frivola e puerile che si è creato. Troppo impegnato nell’organizzazione della sua vita mondana per poter prestare attenzione ad "una sconvenienza creatasi la cui gravità dipendeva dalla sua divulgazione". Volutamente cieco.
Nonostante la situazione ingarbugliata, la storia risulta estremamente sciapa ed a tratti noiosa. 3 stelle.