Il duello dei neurochirurghi
by Sam Kean
(*)(*)(*)(*)(*)(24)
Il 30 giugno 1559, nel corso di una giostra cavalleresca, il re di Francia Enrico II viene colpito alla testa dal conte di Montgomery: morirà una decina di giorni dopo, nonostante convergano e 'duellino' nell'assisterlo un grande chirurgo militare come Ambroise Paré e un grande anatomista come Andrea

All Reviews

5
Dario VareseDario Varese wrote a review
02
(*)(*)(*)(*)(*)
“Il duello dei neurochirurghi – Il cervello: una storia di traumi, medici e follie”, titolo originale: “The Tale of the Duelling Neorosurgeons. The History of the Human Brain as Revealed by True Stories of Trauma, Madness and Recovery”, di Sam Kean, traduzione di Luigi Civalleri, edizioni Adelphi, ISBN: 978-88-459-3217- 5.
Altro bellissimo libro scientifico di Sam Kean che in questo caso tratta del cervello umano, del suo funzionamento e dei suoi tanti possibili disfunzionamenti.
La spiegazione si svolge in modo chiaro e progressivo. Si parte dai “semplici” ma meravigliosi meccanismi di trasmissione elettro-chimica fra singoli neuroni per poi addentrarsi sempre di più nelle funzionalità più complesse: connessioni, funzionamento dei sensi e del circuito nervoso; per addentrarsi infine nella modalità di costruzione e memorizzazioni del pensiero, nel funzionamento della mente e sulla formazione della coscienza.
Tutto spiegato partendo dalla storia delle ricerche medico-scientifiche e dalle osservazioni dei pionieri della materia, spesso condotte studiando casi e sindromi tragiche, grottesche o anche solo bizzarre; a cominciare dall’evento parafrasato nel titolo del libro che allude alle discussioni fra “dotti” riguardo alle condizioni del re di Francia Enrico II°, feritosi all’occhio durante una giostra cavalleresca e perito dopo un lunga ed allucinatoria agonia, per attraversare il tempo e gli eventi, spesso cruenti delle guerre dell’ottocento e del novecento con tutto il loro carico di mutilati, feriti e traumatizzati, per giungere infine ai giorni nostri e alle recenti scoperte sul funzionamento – malfunzionamento di vaste aree del nostro cervello.
Semplicemente bellissimo.
Da non perdere, del medesimo Autore:
“Il Pollice del violinista” 9788845930607 e, l’ancor più bello “Il Cucchiaino scomparso” 9788845927355
Jessica FletcherJessica Fletcher wrote a review
27
(*)(*)(*)(*)(*)
410
(*)(*)(*)(*)( )
Autore: statunitense. Saggio.

Divulgatore che non ha divulgato la sua età, un po’ indefinibile. Magro, barbetta francescana.
Nonostante il riferimento a Enrico II di Francia che nel 1559 si ruppe la testa in una giostra cavalleresca, si percorre storia più recente. La neurochirurgia è roba nuova, come lo studio del cervello. Elettrostimolazione e microscopio sono stati indispensabili, anche se vi sono stati dei precursori dediti all’osservazione e alla valutazione statistica.
Un po’ sarcastico con certe abitudini allegramente pragmatiche degli americani.
Interessante, ma il cucchiaino scomparso è stato il mio personale must.

Si discettava sulla telefonia, i famigerati 28 giorni, l’astuzia di un gestore che parla invece di 4 settimane, tanto sa che una bella percentuale di utenti non fa 4 per 7 uguale 28 …… e avete provato a cercare un contratto che non preveda sms e giga? o semplici contratti di semplice telefonia? Risparmiatevi la fatica: non esistono. Tutti con lo stesso supporto tecnico e con il medesimo utilizzo.
Un collega diverso tempo fa parlava della tecnologia e del libero mercato come una fata che avrebbe permesso all’utente una scelta ricchissima (si parlava soprattutto di televisioni, allora). Guardatevi attorno: non è vero. Percorriamo strade scelta da altri.
Ma mentre qualcuno plaude alla possibile eliminazione del canone tv, c’è grande agitazione per il costo sacchetti biodegradabili dei supermercati (da 1 a 2 cent per sacchetto), ma tutto tace per i costi fissi nelle bollette, che sono sui 120 euro l’anno per il gas o 180 per l’elettricità, ad esempio…
Forse gli uffici marketing non contemplano presenza di neurochirurghi, ma una certa competenza di neuroscienze è sicuramente apprezzata.
Mi rendo conto di aver fatto uno sproloquio, ma confido che l’età mi protegga.

06.01.2018