Il giardino dei Finzi-Contini
by Giorgio Bassani
(*)(*)(*)(*)( )(7,341)
Un narratore senza nome ci guida fra i suoi ricordi d'infanzia, nei suoi primi incontri con i figli dei Finzi-Contini, Alberto e Micòl, suoi coetanei resi irraggiungibili da un profondo divario sociale. Ma le leggi razziali, che calano sull'Italia come un nubifragio improvviso, avvicinano i tre giovani rendendo i loro incontri, col crescere dell'età, sempre più frequenti. Teatro di questi incontri, spesso e volentieri, è il vasto, magnifico giardino di casa Finzi-Contini, un luogo che si imbeve di sogni, attese e delusioni. Il protagonista, giorno dopo giorno, si trova sempre più coinvolto in un sentimento di tenero, contrastato amore per Micòl. Ma ormai la storia sta precipitando e un destino infausto sembra aprirsi come un baratro sotto i piedi della famiglia Finzi-Contini.

All Reviews

587 + 27 in other languages
Francesca SSLFrancesca SSL wrote a review
12
(*)(*)(*)(*)(*)
ManuManu wrote a review
04
(*)(*)(*)(*)( )
Raffinato e malinconico.
In una Ferrara realistica e quasi palpabile, a tratti luminosa, come nelle calde giornate estive, a tratti avvolta nella nebbia tipica degli inverni della Pianura Padana, tra le famiglie dell’alta borghesia spicca quella dei Finzi-Contini, ebrei e benestanti, che vivono in una casa circondata da un magnifico giardino dalle dimensioni enormi. Il protagonista, anch’egli ebreo, ha qualche anno in meno dei figli dei Finzi-Contini, Alberto e Micòl. Verso la fine degli anni ‘30, con l’applicazione delle leggi razziali, Alberto e Micòl inviteranno un gruppo di ragazzi, compreso il protagonista, a giocare nel loro campo da tennis, creando così un gruppo coeso che nella bella stagione si ritroverà puntualmente nell’immenso giardino dei Finzi-Contini. In questo periodo tra Micòl e il protagonista inizia a nascere un sentimento che va oltre la semplice amicizia e darà una svolta alla trama, che si svilupperà tra giornate spensierate, amori dolorosi e discorsi politici, mentre sullo sfondo cresce il clima antisemita. La scrittura, inizialmente troppo ricercata e agghindata di una sfarzosità superflua, diventa via via più scorrevole e apprezzabile, facendo guadagnare interesse al romanzo, che dopo le prime cinquanta pagine risulta molto intrigante. Le descrizioni di luoghi e personaggi sono particolarmente ricercate ed accurate, fattore che aumenta il senso di coinvolgimento all’interno della storia. Non si può dire male di questo romanzo, nel complesso interessante, delicato e ben scritto, anche se, forse per le mie aspettative, speravo potesse avere una marcia in più.
tommytvstommytvs wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )