Il libro delle terre immaginate
by Guillaume Duprat
(*)(*)(*)(*)(*)(61)

All Reviews

14 + 3 in other languages
VAle (anche su GR)VAle (anche su GR) wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
Martina FrammartinoMartina Frammartino wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
(…) Duprat si autodefinisce un cosmografo e un cercatore indipendente. Le sue ricerche, iniziate parecchi anni fa, riguardano il mondo e le sue rappresentazioni. Non importa che si tratti di mitologia, antropologia, religione o storia della scienza, tutte queste visioni lo affascinano e fanno parte del suo campo d’azione.Che siano proprie delle credenze sufi o Dogon, che appartengano alle filosofie presocratiche o che siano alla base dei viaggi compiuti dagli esploratori in epoca rinascimentale, tutte le descrizioni e le illustrazioni del Cosmo da lui trovate stanno confluendo in un ampio progetto definito Cosmologik.
In fondo, le domande di base sono sempre le stesse: qual è la forma dell’Universo? E qual è il posto occupato dall’uomo al suo interno?
La grande visione di Cosmologik è stata suddivisa per temi, a ciascuno del quali è dedicato un libro illustrato dall’autore stesso. Il primo ad essere pubblicato è stato Mondes. Mythes et images de l’univers e (…) indaga come le varie mitologie abbiano descritto la creazione e l’organizzazione del mondo.
Il libro delle Terre immaginate (…) ha vinto numerosi premi (…).Secondo l’autore i miti possono essere paragonati a degli specchi che riflettono la moltitudine delle credenze degli esseri umani. Sulla loro base si è interrogato sui vari modi d’immaginare il Mondo, indipendentemente dall’epoca o dal continente di nascita di un particolare mito.
Il risultato è un testo molto particolare, illustrato da Duprat stesso, legato dal filo conduttore della forma. E così ecco la catalogazione delle terre piatte e di quelle circolari, di quelle poligonali e di quelle sferiche.
Ogni immagine è contestualizzata grazie al lavoro di ricerca compiuto negli ultimi otto anni, con l’indicazione del popolo, del luogo e del periodo di origine del mito. (…)
Il primo capitolo è dedicato alle Terre-isole ed è suddiviso in Gli equilibristi (che contiene anche il mito Quattro elefanti, una tartaruga e un serpente ma anche Il Mondo è instabile e Un pesce gigante sotto la Terra), Altri mondi sotto la Terra (contenente, fra l’altro, Una Terra può nasconderne altre e Una Terra capovolta) e Gli elementi sotto la Terra (La Terra galleggia sull’acqua, Una Terra infinita e Terre sospese nell’aria).
Il secondo capitolo è dedicato alle Terre poligonali, a loro volta ripartite in Terre rettangolari, quadrate, poligonali e triangolari.
Il terzo si occupa delle Terre circolari, raggruppate sotto le voci Come uno scudo, Mappe circolari, Mappe ovali (Il Mondo alla rovescia), Un cerchio di montagne (Un albero in mezzo al cerchio, Un vassoio sul dorso di tori blu, Un palo al centro della terra, Il serpente che si morde la coda) e Terre circolari e convesse (Una ciotola capovolta, Una lenticchia).
Nel quarto vengono descritte le Terre sferoidali, distinte in Una sfera perfetta, Una piccola Terra, Una pera!, Dentro la Terra…, Non proprio tonda!, La disputa sulla forma della Terra e Una Terra cava?.
L’ultima parte è dedicata alla Terra oggi, con le considerazioni conclusive sull’esperienza immaginaria e sul viaggio all’interno della Terra. Chiude il volume una cronologia. (…)
È da poco uscito anche il terzo volume di Cosmologik, (…). Si tratta di Zodiaco. Una storia del cielo, e presenta le varie sfaccettature del Cosmo dalla sua primigenia “invenzione” alla rinascita moderna. Le immagini reali del cielo e della Via Lattea sono affiancate a quelle immaginarie delle costellazioni, così come le hanno osservate popolazioni diverse quali navajos, egiziani o cinesi, e filosofi come Platone e Aristotele hanno la stessa dignità e importanza di astronomi come Keplero e Copernico. Perché quello che conta, e che li accomuna, è la capacità di volgere gli occhi al cielo con sguardo incantato. (…)
L’articolo completo:
fantasymagazine.it/notizie/11378/il-libro-delle-terre-immaginate