Il meglio della fantascienza - Volume primo
by Alfred Elton Van Vogt, Charles E. Fritch, Dorothy B. Hughes, Jack Matcha, Ray Bradbury, Ray Russell, Richard Matheson, Robert Bloch, William F. Nolan, William F. Temple, William Faulkner
(*)(*)(*)(*)( )(20)
Contiene:
Tempo nel tuo volo // Ray BRADBURY
Se stesso // A. E. VAN VOGT
La vendetta di Nitocris // Tennesse WILLIAMS
Venere più tre // Charles E. FRITCH
Crescendo // Richard MATHESON
Un messaggio da Morj // Ray RUSSELL
Al servizio dell'astronave // William F. NOLAN
La nonnina // Dorothy B. HUGHES
Spirito di competizione // Robert BLOCH
Deus ex machina // Richard MATHESON
Il bambino impara // William FAULKNER
Il giullare del re // Jack MATCHA
Il pianeta sconosciuto // William F. TEMPLE

All Reviews

1
Giurista81Giurista81 wrote a review
10
(*)(*)(*)( )( )
Antologia introvabile che acquistai per 1 euro in un negozietto di libri usati. L'opera raccoglie dodici racconti di grossi specialisti della sci-fi (abbiamo, tra gli altri, Bradbury, Faulkner, Van Vogt, Matheson e Bloch) quasi tutti di pregevole fattura.
Tra i migliori citerei "Venere più tre" di Charles Fritch, "Spirito di competizione" di Bloch e "Il pianeta sconosciuto" di Temple.
Fritch mette in scena una coppia di coniugi in missione su Venere per recuperare una pianta carnivora da portare sulla Terra. Guidati da un androide, i due si avventureranno nelle torride foreste venusiane, sfuggendo a piogge bollenti e a piante tentacolari. Intrappolati dagli uomini rana, riusciranno a liberarsi e a compiere la missione.
Siamo ancora in un pianeta extraterrestre con Bloch che propone un amministratore di un pianeta alieno intenzionato a civilizzare la popolazione indigena. La problematica risiede nel temperamento dei locali, abituati alle pratiche violente che caratterizzano la loro società, come il collezionismo delle teste decapitate ai propri simili rei di bighellonare nelle miniere. L’uomo decide così di introdurre lo sport per incanalare l’aggressività in un gioco basato sulla lealtà e la competitività. Organizza così una partita di calcio, senza però sapere che il pallone della partita sarà la sua testa (premio conteso dai giocatori).
Continuano le storie su altri pianeti con Temple. Qui siamo alle prese con un gruppo di astronauti operanti su Plutone con l’incarico di rapire un umanoide indigeno, a fini scientifici. La missione ha successo, ma sulla via di ritorno sorge un problema drammatico. La creatura dimostra di possedere poteri telepatici che ritorce contro l’astronave e i suoi occupanti. Per ragioni di sicurezza, si rende così necessaria l’espulsione del corpo nello spazio e l’aborto della missione.
Meno interessanti gli altri racconti, con un Matheson tra i peggiori del lotto.