Il metodo della fenice
by Antonio Fusco
(*)(*)(*)(*)( )(118)
Novembre, il mese dei morti e della pioggia. Una telefonata anonima sveglia la centrale di Valdenza alle prime luci dell'alba. Il commissario Casabona, che per via di uno scontro con sua moglie da un paio di giorni dorme in questura, è il primo a precipitarsi sul posto: sotto il vecchio ponte di Campanelle, ai confini del bosco dove vive appartata la misteriosa comunità degli Elfi, viene rinvenuto il corpo di una giovane donna, nudo e parzialmente carbonizzato. Un compito facile per la Scientifica, perché nelle vicinanze emergono subito indizi utili all'indagine. Troppi e troppo in fretta, pensa Casabona. Tanto più che il presunto colpevole viene trovato di lì a poco: in fondo al lago, al volante della sua auto; annegato in seguito a quello che risulta un banale incidente. Ma Casabona non ci sta: il suo istinto gli dice che dietro la storia delle due vittime - lei entraîneuse in un night club, lui pornoattore di fama locale - si nasconde qualcosa di molto più torbido. Qualcuno sta cercando di insabbiare verità scomode che premono per venire alla luce. E qualcuno vuole vedere il fuoco della vendetta ardere sino in fondo, perché è solo dalle ceneri che si rinasce a nuova vita. Per sciogliere il mistero, Casabona dovrà affondare le mani nel ventre molle della provincia italiana, dove l'unica cosa che conta è l'apparenza, eppure niente è come appare. Un'esperienza così sconvolgente e accecante da indurlo a dubitare persino dei suoi affetti più cari.

All Reviews

12
NiveaNivea wrote a review
00
BrontoloBrontolo wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
“Dov’è diretto il male?”
Questo è ciò che si domanda il commissario Casabona alla sua terza indagine.
Un Casabona più malinconico, disilluso e stanco. Le sue vicissitudini personali si sono trasformate in una grande tristezza che gli appesantisce le spalle.
Come recita la quarta di copertina“L’amore è la causa di tutto”, l’ingrediente essenziale del bene e del male.
E troppo spesso l’apparenza inganna, fuorviando e tradendo.
Un omicidio e un colpevole troppo facile da scovare: due entraineuse morte e un porno attore come possibile omicida. Tutto sembra svolgersi e risolversi come una morbosa vicenda nascosta nell’ombra della realtà di provincia, ma è una verità illusoria, che nasconde ben altro.
Un gioco di specchi, dove è difficile riconoscere la verità, ben celata dietro un muro di menzogne e false piste.
Solo la tenacia di Casabona, il suo non mollare mai e il suo istinto porteranno alla soluzione, che però non fermerà del tutto il percorso del male, perché anche lui, come la fenice, rinasce sempre, anche dalle proprie ceneri.
Le indagini e le vicende intime e famigliari del commissario si intrecciano ancora una volta, perché l’uomo è inscindibile dal suo lavoro, perché la storia personale, le esperienze, il carattere e l’indole fanno del commissario l’ uomo, il poliziotto che è. Anzi, troppo spesso un lavoro del genere può essere prevaricante, può rubare tempo e spazio alla vita personale, scombinando l’ ordine di importanza delle cose. Il rischio è quello di di non riuscire più a distinguere il bene dal male, di lasciarsi sopraffare dal cinismo, di diventare troppo duri pur di resistere al male a cui si deve assistere ogni giorno. Anche in questo ambito Casabona dovrà mettere ordine per vedere con chiarezza e ristabilire le giuste priorità.
La storia e il personaggio sono non solo assolutamente credibili, ma decisamente realistici. L’essere un poliziotto, fa sì che la descrizione delle indagini, delle procedure, delle difficoltà, e della delicatezza della gestione dei rapporti con i superiori e i media siano rese con estrema oggettività.
Personalmente ho riso molto quando racconta che parecchie reclute si sono spaccate le ossa per sfondare a spallate porte come si vede fare nei telefilm americani: solo che nei telefilm le porte non sono blindate…
01
(*)(*)(*)( )( )
alduccioalduccio wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
Incipit
Il colpevole era nudo. Giaceva privo di sensi sul pavimento della stanza. Il narcotico gli aveva fatto perdere conoscenza e non si era ancora ripreso. Il piccolo ambiente dalle pareti bianche era illuminato solo da una lampada d’emergenza. Non c’erano aperture che lasciassero filtrare la luce naturale, ...

Un uomo rinchiusa in una stanza della tortura con tante domande e senza più voce per aver gridato invano al suo carceriere.
Un corpo semi carbonizzato ritrovato in una discarica.
Un delitto che sembra risolversi in fretta, forse troppo in fretta …
Ma dietro la soluzione, facile, si apre uno spiraglio che porta dritto ad una comunità che si occupa di adolescenti senza famiglia e dentro cui è difficile avvicinarsi.

Questi tutti gli ingredienti del terzo noir del criminologo Antonio Fusco, con protagonista il commissario Casabona e i suoi colleghi della squadra Mobile della Questura di Valdenza, nome inventato di una cittadina di provincia, vicino Firenza.
Siamo nella bella e romantica provincia Toscana, regione che sa anche nascondere storie delittuose piene di sangue e violenza.
Il caso da cui parte tutta la storia è il ritrovamento, a seguito di una telefonata anonima, del cadavere di una giovane donna, strangolata con un sacchetto di plastica e semi carbonizzata.
Accanto al corpo, un peluche colorato.
“Il corpo della donna aveva assunto una posizione plastica. Dava le spalle alla strada ed era girato su un lato, completamente nudo, sopra un cumulo di calcinacci lasciati da qualcuno che aveva voluto liberarsene in modo sbrigativo ed economico”.

Casabona è il primo ad accorrere sul posto, prima che arrivino i suoi collaboratori, l'ispettore Proietti e il sovrintendente Bini: da giorni, a seguito della separazione dalla moglie, vive in un alloggio dentro la Questura.
Non è uno di quei funzionari di polizia di primo pelo, alle spalle ha tanti, forse troppi anni alla Mobile: seguiamo i suoi pensieri da sbirro..
“La scena del crimine è come la pellicola di un film i cui fotogrammi siano stati tagliati e buttati via in modo casuale. Sparsi tutto intorno senza una logica precisa. È compito degli investigatori ritrovarli uno per uno e rimetterli insieme nell’ordine corretto..”

… e di uomo: nonostante tutte le morti morti cui ha assistito, nessuna lo lascia insensibile e nella testa iniziano a girare le prima domande. Chi era la ragazza morta, come un manichino bruciato? Cosa c'è stato all'origine del delitto? Su quali altre persone si riverserà il contagio del male ..?
“Se fosse possibile, basterebbe non amare per bloccare le conseguenze del male. Diventare insensibili al dolore altrui. Se fosse possibile…”.

Il caso sembra uno di quelli destinati a risolversi in fretta: grazie alla testimonianza di un esponente di una comunità che vive nei boschi, si riesce a risalire alla macchina che ha scaricato il corpo della ragazza e al suo proprietario. La pista porta subito ad un probabile sospettato, un porno attore noto nella zona, Luca Simoni:
“uno a cui piace fare la bella vita e spassarsela con le donne. Fa l’attore porno per una casa di produzione amatoriale”.

Incrociando i tabulati telefonici e le amicizie del ragazzo, si riesce a risalire anche all'identità della ragazza: Tania Orlosky, una ragazza ucraina di ventiquattro anni, ufficialmente ballerina nei locali, in realtà una entraineuse come tante altre ragazze dell'est.

Ma Luca Simoni è morto, finito in fondo ad un lago, affogato. Un suicidio forse.
Caso chiuso, allora?
Non per Casabona, secondo cui “le soluzioni troppo rapide e precise mi lasciano sempre un’ombra di dubbio”.

Perché nel frattempo, ai dubbi di Casabona (l'assenza di un movente per esempio) si aggiungono altre cose che non tornano: il DNA del presunto assassino viene ritrovato dentro un fascicolo di un “cold case”, passato all'Unità delitti insoluti, presso la Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato. Come quello di Loretta Magnani, uccisa dentro una cascina nel 1970.
Come è possibile?
Chi ha scritto la lettera anonima che ha fatto riaprire il caso è stato riaperto dopo tanto tempo?

La squadra di Casabona inizia a fare delle domande sul passato di Simoni, che da piccolo era finito in una comunità che accoglie bambini senza genitori in attesa di essere adottati, la comunità “La siepe”. Anche qui recentemente è avvenuto un fatto di sangue: il direttore della struttura ha trovato la figlia morta, in casa, e per il dolore è finito in una struttura psichiatrica.
La giovane, che si chiamava Laura, si era scambiata parecchi SMS negli ultimi mesi con Simoni.
Ma si è veramente suicidata, come ha stabilito l'inchiesta? Oppure anche questo è un delitto mascherato? Il padre, dopo giorni di mutismo, di fronte alla dottoressa che l'ha in cura, se ne è uscito con una frase che riapre il caso:
«Renzo, potresti ripetere, per cortesia?». «Mia figlia non si è suicidata. È stata uccisa. Ne sono certo.»

Ma alle prime domande, ai primi tentativi di avvicinarsi alla comunità, Casabona viene stoppato malamente. “La siepe” è una comunità su cui è difficile perfino fare domande, figuriamoci entrare.
Una comunità florida, frequentata da politici, magistrati, giornalisti.

Così, per trovare il filo che unisce le morti di Tania Orlosky, Laura Chellini e Loretta Magnani, si dovranno muovere con molta cautela, sfruttando i propri contatti in modo non ufficiale. Perché l'intrigo, la matassa, man mano che si cerca di ricomporre i pezzi, diventa sempre più complicato e vasto:
«Proviamo a ragionare un attimo. Abbiamo due donne trovate morte, a più di trent’anni di distanza, nella stessa zona. Tralasciando, per il momento, la figlia di Renzo Chellini.[..]
Poi abbiamo due uomini, la cui morte è riconducibile a un eccesso di alcol, che sono i perfetti candidati per essere considerati i loro assassini.

Non aspettatevi un lieto fine alla fine del racconto: Casabona e i suoi uomini riusciranno ad impedire alla “Fenice” che da il titolo al libro di risorgere dalle sue ceneri, ma i veri responsabili dietro rimarranno intoccabili.
Ma questa volta è il turno di Casabona stesso, di risorgere ad una nuova vita, rimettendo nell'ordine giusto le priorità della sua vita. Per cercare di risistemare i suoi problemi familiari con la moglie. Mettendo da parte tutto l'orrore che gli anni di lavoro hanno lasciato dentro:
“Questo lavoro mi è entrato dentro al punto da condizionare il mio modo di vedere il mondo. I miei occhi sono diventati come una lente deformata, piegata dal male con cui abbiamo a che fare tutti i giorni[..] Questa indagine mi ha lasciato dentro una sola cosa positiva: mi ha insegnato che è sempre possibile ricominciare da capo”.

Il metodo della Fenice è un noir ben scritto che porta il lettore dentro il lavoro di investigazione: nella storia ritroviamo tutta l'esperienza dell'autore, Antonio Fusco funzionario di polizia, che è stato bravo nel raccontare, in modo preciso, il lavoro di squadra, le regole, le routine, i rapporti con la stampa e coi superiori, con la loro ansia di arrivare a risultati in tempi brevi (e bravi nell'evitare rogne se l'inchiesta tocca persone importanti) ..
Molto reale e credibile il protagonista delle storie di Fusco, il commissario Tommaso Casabona qui alla terza indagine (Ogni giorno ha il suo male e La pietà dell'acqua i precedenti romanzi), e di cui siamo curiosi di conoscere il futuro, sia dal punto di vista professionale, come poliziotto. Sia dal punto di vista personale.