Il ministero dei casi speciali
by Nathan Englander
(*)(*)(*)(*)( )(394)
Argentina, 1976. La "guerra sporca", la junta militare, i primi desaparecidos. Kaddish Poznan è l'unico fra gli eredi degli appartenenti alla Società dell'Impulso Generoso, che un tempo riuniva prostitute e ruffiani ebrei di Buenos Aires, ad ammettere le proprie origini di hijo de puta. Gli altri di... More

Gabriele's Review

GabrieleGabriele wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
IL MINISTERO DEI CASI SPECIALI
Kaddish Poznan è un ebreo che svolge uno strano mestiere. Dietro compenso, si aggira col suo scalpello tra i cimiteri di Buenos Aires per cancellare dalle lapidi i nomi di personaggi malfamati, antenati scomodi di attuali notabili altolocati. E spesso costringe il figlio Pato ad accompagnarlo per insegnargli il mestiere. Lilian, moglie di Kaddish, ha invece un serio lavoro di assicuratrice.
Siamo nell’Argentina degli anni 70, sotto la dittatura della Junta, lungo le strade si trovano posti di blocco in cui militari esercitano arbitrariamente il proprio potere. Capita persino che alcuni libri, ritenuti sovversivi, possano causare l’arresto dei detentori, dei quali poi spesso sparisce ogni traccia. Pato è un giovane in piena crisi esistenziale, irruente e contestatore, e questo fa di lui un dissidente del regime. Inevitabile quindi il suo sequestro, da parte della polizia militare, che lo accomunerà alla sorte di tanti altri desparecidos. Da questo terribile fatto inizierà la disperata peregrinazione dei suoi genitori, che percorreranno strade diverse: Kaddish seguirà quella della rassegnazione, alla ricerca di un corpo per darne degna sepoltura; Lilian invece seguirà la strada della speranza, rifiutando il funebre evento e continuando a credere nella ricomparsa del figlio.
Romanzo vero e doloroso che affianca al dramma, quasi a mitigarne la crudele realtà, alcuni spunti di umorismo. Una scrittura sobria ed efficace. Un’opera matura che colloca Englander tra i grandi scrittori del nostro tempo.
GabrieleGabriele wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
IL MINISTERO DEI CASI SPECIALI
Kaddish Poznan è un ebreo che svolge uno strano mestiere. Dietro compenso, si aggira col suo scalpello tra i cimiteri di Buenos Aires per cancellare dalle lapidi i nomi di personaggi malfamati, antenati scomodi di attuali notabili altolocati. E spesso costringe il figlio Pato ad accompagnarlo per insegnargli il mestiere. Lilian, moglie di Kaddish, ha invece un serio lavoro di assicuratrice.
Siamo nell’Argentina degli anni 70, sotto la dittatura della Junta, lungo le strade si trovano posti di blocco in cui militari esercitano arbitrariamente il proprio potere. Capita persino che alcuni libri, ritenuti sovversivi, possano causare l’arresto dei detentori, dei quali poi spesso sparisce ogni traccia. Pato è un giovane in piena crisi esistenziale, irruente e contestatore, e questo fa di lui un dissidente del regime. Inevitabile quindi il suo sequestro, da parte della polizia militare, che lo accomunerà alla sorte di tanti altri desparecidos. Da questo terribile fatto inizierà la disperata peregrinazione dei suoi genitori, che percorreranno strade diverse: Kaddish seguirà quella della rassegnazione, alla ricerca di un corpo per darne degna sepoltura; Lilian invece seguirà la strada della speranza, rifiutando il funebre evento e continuando a credere nella ricomparsa del figlio.
Romanzo vero e doloroso che affianca al dramma, quasi a mitigarne la crudele realtà, alcuni spunti di umorismo. Una scrittura sobria ed efficace. Un’opera matura che colloca Englander tra i grandi scrittori del nostro tempo.