Il mio nome è rosso
by Orhan Pamuk
(*)(*)(*)(*)( )(3,718)
Istanbul, 1591. Tra i miniaturisti del Sultano si nasconde un assassino. Per smascherarlo, Nero è disposto a tutto, anche a rischiare la vita. Perché se fallisce, per lui non ci sarà futuro con la bella Seküre, non ci sarà l'amore che ha sognato per dodici anni.
Un romanzo corale, che restitui
... More

Simo's Review

SimoSimo wrote a review
00
(*)(*)( )( )( )
Un libro strano, molto lento, forse non adatto all'estate. È la prima volta che leggo un libro di uno scrittore turco ed è la prima volta che leggo un libro che parli di Islam e Turchia. Tutto prende vita da un omicidio di cui si cerca l'assassino, ma questa storia diventa secondaria quasi subito; ci si dedica più che altro all'arte, alla bellezza e anche alla religione tramite descrizioni lente e minuziose che si alternano a discussioni più o meno filosofiche e scendono poi fino al sentimento d'amore più profondo e viscerale. Un insieme di stili che si incastrano bene, che denotano la bravura di Pamuk, ma è un libro estremamente lento che per essere capito fino in fondo ha bisogno di più tempo, almeno per quel che mi riguarda. Necessiterà quasi sicuramente di una seconda lettura, magari tra qualche anno, magari in un altro periodo.