Il mistero dell'inquisitore Eymerich
by Evangelisti Valerio
(*)(*)(*)(*)( )(1,328)
1354: Nicolas Eymerich, il sinistro inquisitore, è in Sardegna con re Pietro IV d'Aragona per soffocare la rivolta di Mariano, giudice d'Arborea. Mariano però ha un alleato potente e misterioso: lo chiamano Sardus Pater, una divinità sconosciuta e terribile ..1942, New York: lo psicologo austriaco W... More

All Reviews

100 + 8 in other languages
Maimollare Maimollare wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
Dottore1971Dottore1971 wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
ZorbaZorba wrote a review
01
(*)(*)(*)( )( )
Il mistero dell'inquisitore Eymerich è un romanzo di Valerio Evangelisti pubblicato nel 1996 da Arnoldo Mondadori Editore, che fa parte della serie dell'inquisitore Eymerich.

Come in tutti i romanzi di questa serie la narrazione si svolge su piani temporali diversi: il primo è quello dell'inquisitore Nicholas Eymerich, protagonista dei romanzi, che nel 1354 segue il re d'Aragona Pietro IV in Sardegna per sedare la rivolta di Mariano, giudice d'Arborea; la seconda è ambientata nel XX secolo, dove lo psicologo Wilhelm Reich sfugge dal nazismo prima in Norvegia e poi in America, dove scopre una nuova forma di energia insita nelle persone, l'orgone; la terza è ambientata in un futuro distopico, dove gli Stati Uniti sono divisi in tre confederazioni: Nuova confederazione Americana (basata sull'industria), Confederazione della Libera America (basata sull'agricoltura) e Unione degli Stati Americani (fondata sul capitale finanziaro e sulle speculazioni di borsa). In tutti e tre questi stati, con leggi proprie ma con lo stesso esercito, serpeggia il terrore di essere deportati al Lazzaretto, punizione per l'essere malati o per avere infranto la legge.
Come sempre la narrazione parte separata dai tre diversi piani temporali, avvicinandosi man mano che procede la lettura fino ad arrivare alla fusione finale.

Valerio Evangelisti ha inventato questa geniale forma di scrittura, in cui piani temporali apparentemente distaccati piano piano si fondono per sviscerare gli elementi della narrazione; il personaggio di Nicholas Eymerich è un anti-eroe che spesso (quasi sempre) sta antipatico e si spera nella sua sconfitta.

Un libro piacevole e ben scritto, ma che rispetto ad altri romanzi della stessa serie sembra convincere un po' meno nella fusione narrativa e appare spesso troppo forzata.