Il mistero di Villa Saturn
by M. R. C. Kasasian
(*)(*)(*)(*)( )(44)

All Reviews

9
RAff01aRAff01a wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
Siamo al capitolo terzo e finale di questa trilogia dei misteri di Gower Street: non rappresenta l'ultima avventura del duo Sydney Grice - March Middleton, ma è certamente l'epilogo di questa piacevole lettura, scandita in tre indagini separate ma collegate.
"Il mistero di Villa Saturn", sempre di M.R.C. Kasasian, (Newton Compton Editore, 2016), ha inizio con la chiamata, nello Yorkshire, del detective Sydney Grice, a occuparsi di un delitto in un abbazia. Stavolta la presenza della sua pupilla è vietata, in quanto le indagini devono svolgersi all'interno di un luogo sacro, negato alle donne! Pertanto March, trovatasi sola nella casa di Gower Street, presa da noia, decide di accettare l'invito di un certo Ptolemy Travers Smyth, che nella missiva di invito, si firma in calce, zio "Tolly"!
Peccato che questa visita, che sembrerebbe essere piacevole, nonché unico legame con la famiglia di origine della ragazza, si rivelerà essere l'inizio di un vero incubo, in cui ella si ritroverà accusata di omicidio!

Questa terza avventura perde, ahimè, i pregi del secondo romanzo, in quanto la stessa lettura dell'indagine diventa confusa, piena di "incisi" superflui, spesso noiosa e quanto mai prolissa.
Qui la "cronaca" delle vicende non è fatta solo attraverso la penna della ragazza, ma alternata al resoconto, freddo, noioso e distaccato del detective Grice. Questa "altalena" di voci, anziché dare dinamismo ed energia alla lettura, la rende invece faticosa e pesante.

È pur vero, nondimeno, che qui, le vicende personali dei due, presenti e passate, emergono nette e catturano la curiosità del lettore: si indaga maggiormente sulle personalità dei protagonisti, sulle conseguenze delle loro azioni, su come il passato torna sempre a chiudere i conti. Ne esce un profilo molto più umano, anche del freddo e disincantato tutore, che diviene, in questa maniera, meno "macchietta" e più personaggio, con una sua corposa e solida tridimensionalità!
In questa bella alchimia, di sentimenti messi a nudo e verità finalmente svelate, il sodalizio tra i due non potrà che uscirne rinforzato!
01
CristianCristian wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
HermioneGinnyHermioneGinny wrote a review
01
(*)(*)(*)( )( )
Spoiler Alert
IL MISTERO DI VILLA SATURN – M.R.C. KASASIAN
Sidney Grice è invitato nello Yorkshire per risolvere un delitto e cerca di convincere March a starsene buona e tranquilla a casa. Lei riceve una lettera in cui un parente che non sapeva di avere la invita a casa sua per conoscerla... e durante la notte muore, addirittura ucciso da March. Ben presto realtà e allucinazioni si sovrappongono e aumenta il numero di delitti attribuiti a March...

Carino come sempre, anche se fino alla fine pensavo che March fosse morta...

* «Come avete notato sono un monaco dell’Ordine di san Benedetto. Negli ultimi otto anni ho risieduto nello Yorkshire».
«Un luogo selvaggio». Mr G rabbrividì. «Popolato da selvaggi in giacche di tweed e calze a fantasia».
* Dove vanno i suoni quando muoiono?
* Posso accettare che non sappiate se avete ucciso un uomo, ma una ragazza sa sempre dove si trovano i suoi vestiti.
* Non c’è modo di misurare la bellezza e ciò che non ha dimensioni può esistere solo nell’immaginazione.
* «Che peculiare rovesciamento di ruoli», urlò Mr G, «quando tra due animali quello stupido guida e il più intelligente traina la carrozza».
* «Secondo la Bibbia a cui date tanto peso», Mr G si alzò in piedi, «fu soltanto la curiosità di un uomo verso l’ignoto a permettergli di fuggire dal Giardino dell’Eden».
«Credo che Adamo ed Eva ne furono scacciati come punizione», lo informai.
«Punizione?». Mr G si avvicinò a una rastrelliera di legno sulla scrivania. «La prospettiva della felicità eterna non è abbastanza terrificante anche senza doverla sopportare pure in questo mondo?».
* «Sembrate riposata», commentò. «Che cosa disdicevole». 
* Spesso quando ascolto quello che dico, cosa che cerco sempre di fare, rimango completamente spiazzato.
* Oso pensare il pensabile
* Cos’è la lussuria se non il desiderio di avere ciò che possiede un altro, vale a dire il suo corpo? Possesso, conoscenza carnale, status, credenze religiose. Comprende tutto.
* Andavate d’accordo con vostro padre da bambino?
IO: Non lo conoscevo quando era bambino.
* Non posso misurarmi con un uomo defunto. Commetterei degli sbagli. A volte potrei essere stanco, e talvolta sono irritabile. Lui non metterebbe mai un piede in fallo.