Il nome della rosa
by Umberto Eco
(*)(*)(*)(*)(*)(24,401)
In appendice Postille a Il nome della rosa.

Il romanzo d'esordio nella narrativa di Umberto Eco. Ecco alcuni commenti: "Il libro più intelligente - ma anche più divertente - di questi ultimi anni" (L. Gustafsson, Der Spiegel); "Il libro è così ricco che permette tutti i livelli di lettura ... Eco,
... More

All Reviews

1676 + 240 in other languages
carlo albertocarlo alberto wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)(*)
LettoerilettoLettoeriletto wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)(*)
Liberty RoseLiberty Rose wrote a review
02
(*)(*)(*)(*)( )
Spoiler Alert
Il potere eversivo della conoscenza
Romanzo di diversi anni fa, del 1980, IL NOME DELLA ROSA è l'opera più importante di Umberto Eco, vincitrice del Premio Strega e da cui è stato tratto un celebre film, con Sean Connery e Christian Slater rispettivamente nei ruoli di Guglielmo da Baskerville e Adso da Melk.
Adso da Melk , ormai anziano, rievoca le misteriose vicende che ebbero luogo nel 1327 in un monastero benedettino quando lui era novizio e si era recato lì seguendo il suo maestro Guglielmo da Baskerville per trascorrere una settimana in un monastero benedettino in Piemonte, come mediatore in un convegno tra i francescani – sostenuti dall’imperatore – e i delegati della curia papale del papa di Avignone Giovanni XXII.
Durante il loro soggiorno, si verificano ben sette omicidi e subito dopo il primo, l’abate chiede a Guglielmo da Baskerville di condurre delle indagini per scoprire l’assassino.
Le indagini porteranno i due alla stanza più pericolosa del monastero, quella segreta della biblioteca, in cui è conservato il libro che accomuna tutti gli omicidi. Il misterioso manoscritto è l’ultima copia del secondo libro della Poetica di Aristotele, che tratta della commedia e del riso.
Romanzo che mescola genere diversi, da quello storico, al giallo a quello filosofico, e che si sviluppa intorno al tema della conoscenza, contrastata nel mondo medievale. Il libro sulla poetica di Aristotele è un testo pericolosamente eversivo perché, come sostiene il monaco Jorge, il bibliotecario, "il riso uccide la paura e senza paura non può esserci la fede".
PantofolinaPantofolina wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)(*)
Raffaele De LuciaRaffaele De Lucia wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)(*)
DonatheprincessDonatheprincess wrote a review
02