Il sexy club del cioccolato
by Carole Matthews
(*)(*)(*)(*)( )(439)
Quando problemi sentimentali chiamano, il cioccolato risponde. Questo è il segreto di un quartetto di amiche londinesi - assillate da uomini di volta in volta goffi, impotenti, viziosi e irascibili - che, come antidoto alle delusioni amorose, si riunisce nella migliore pasticceria della città per mangiare

All Reviews

104 + 2 in other languages
MariaMaria wrote a review
00
(*)(*)( )( )( )
Silvietta (no ebook)Silvietta (no ebook) wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
GresiGresi wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)( )
Non è un male che si prende. E' qualcosa che uno sceglie di avere e che può decidere di smettere.

Ho rinchiuso il romanzo nella finestra virtuale da cui lo avevo estratto, tentando di nascondere la vampata di sconforto che le "drogate" del Sexy Club mi avevano prodotto, e, guardandomi attorno, aprendo il computer e riponendo nero su bianco le mie vivide riflessioni al riguardo, cerco di realizzare una recensione che abbia un senso compiuto - se non per me stessa - dando a intendere che potevo congedarmici definitivamente. Quando rimasi sola, quando nella mia testa il vocio sommesso di ognuno di loro si zittì, presi nuovamente il romanzo della Matthews alla quale la mia anima aveva cantato al suo richiamo e immaginai il tutto dettagliatamente, sentendo crescere il mio apprezzamento. Grazie a questa autrice londinese, avevo finalmente compreso il piacere del cioccolato, quella sensazione che si impadronisce di me con una lentezza intrigante, quando lo si gusta con del caffè appena caldo la mattina o con morbidi panini caldi il pomeriggio. Sublime, gustoso, quasi eccitante, come un piacere che si impadronisce degli uomini quando vedono una bella donna, così seducente e insaziabile, appena a un passo dal varcare i cancelli celesti. Eppure non tutti provano queste sensazioni quando si incappa in del cioccolato, oppure sono io che a questo riguardo mi considero "strana", un esemplare la cui forma fisica rischia di subire dei terribili sfasamenti fino a raggiungere il mai più ritorno. Ebbene si in quanto mi consideri normalissima, e che ama profondamente i libri e la buona letteratura, gode nel mangiare Nutella o cioccolato alle nocciole in un modo che altri definirebbero "dipendente". La semplice decisione di rinunciarci completamente potrebbe essere audace, e nonostante mi impongo dei limiti, sempre, la sensazione che mi offre è davvero indescrivibile.
Da questa constatazione, e dalla lettura de Il sexy club del cioccolato, mi sono sentita solidale alla passione che unisce questo piccolo club di soli donne, per la semplice maniera in cui il cioccolato è sempre presente nella loro vita - antidoto alla tristezza, agli effetti collaterali del tempo - e al modo in cui sono diventate delle vere cioccolatodipendenti. Io infatti sono una di quelle che ruba al giorno un cucchiaino di Nutella dal mio vasetto personale, offrendomi uno squarcio di felicità, la quale, isolata dal contesto, dà l'impressione di essere un richiedente di speranza, una specie di creatura vivente che considera la felicità qualunque cosa. E anche queste ragazze di questo piccolo fan club mi hanno dimostrato questa nudità completa che le hanno emesse dal tentativo di verificare al naso le dimensioni delle loro veridicità. In definitiva, non avevo mai avuto la fortuna di imbattermi in un romanzo che mostrasse così bene l'adorabile predisposizione nei riguardi di chi ama il cioccolato, né immaginavo di poter pregustare la gioia di entrare in una pasticceria, il profumo doldicastro che invadeva le mie narici. La pasticceria in cui è fondato questo club non era esattamente quel genere di fan club che mi ero immaginata, eppure è stata quella creatura romantica che mi ha sedotta con le sue straordinarie "emergenze cioccolatose" e spezzato il cuore con tutto il resto.
In pochi minuti sono stata fuori dai confini della Sicilia, e di storie che parlassero di cioccolato, così vivaci, lucenti e divertenti, ne avevo lette davvero poche, molto poche da che io ricordi.
Non avevo cercato la pasticceria. Non avevo chiesto del cioccolato. Eppure era stato proprio quest'ultimo a trovarmi, così invitante, caldo, naturale, in cui ho potuto sentirmi al sicuro; il mio nido giocoso, che nascondeva segreti, accozzaglie di ricordi o eventi di cui presto ne ho fatto parte. Il cioccolato come elisir di cuore e spirito per alleviare le delusioni e rivivere le passioni sopite. Il fan club come antidoto alla tristezza, alla solitudine, modo per riempire la dispensa dell'anima, purché non manchi niente quando arriva la carestia del cuore.
Grazie alla Matthews ho potuto toccare, ancora da più vicino, questa magia con il palmo di una mano, quasi inavvertitamente, abbandonando il mio cuore in queste pagine. In ogni cosa, gesto, persona, c'era un chiaro riferimento al cioccolato, alla loro essenza, alla loro magia. Ed io non ho potuto fare a meno di farmi contagiare, sentirmi entusiasta, eccitata.
Una grande passione, un grande baule culinario che mi è sembrato molto carino, allettante, a dir poco straordinario e che mi ha fatto pensare quanto il cioccolato, la Nutella, l'amore per il cioccolato determina l'esistenza di ognuno di noi. Inclusa la mia!
Libri_che_passioneLibri_che_passione wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
00
(*)(*)(*)(*)( )
SuperstefySuperstefy wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
GiadaGiada wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)(*)