Il vicolo delle cause perse
by Claudio Paglieri
(*)(*)(*)(*)( )(105)
La segretaria di un broker viene trovata agonizzante in ufficio dal suo capo.La testa fracassata. Morirà pochi minuti dopo. Quella mattina era andata allavoro più presto del solito. Il commissario della polizia di Genova ha appenadato le dimissioni dopo la fine amara dell'indagine sul mondo del calcio, ed ètravolto dalle tristi vicende della sua vita privata. L'indagine tocca dunqueal suo vice. I possibili sospetti sono molti, a cominciare dal broker, chenasconde sicuramente affari loschi e vanta importanti protezioni, ma ilmovente è poco chiaro, e l'arma del delitto non si trova. Col passare deigiorni si capisce che quella brutta storia è molto più complicata di comesembrava all'inizio.

All Reviews

14 + 1 in other languages
zombie49zombie49 wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
Ispirato a fatti di cronaca
Barbara, giovane segretaria di un noto broker, è trovata sul pavimento del suo ufficio, la testa fracassata con un oggetto contundente portato via dall’assassino. Il commissario Luciani, che ha già consegnato la lettera di dimissioni al suo capo, è ufficialmente in ferie, e le indagini sono svolte dal suo vice, l’ingegner Giampieri. Il caso si rivela subito complicato: l’assassino non può essere andato lontano, forse è un inquilino dello stabile, e sono coinvolte persone importanti. Presto ci sono altre morti sospette, e Luciani, quasi suo malgrado, non può disinteressarsi al caso. Storia magistrale, tesississima, avvincente, fino alle deludenti cinquanta pagine finali. Il racconto diventa confuso, intricato, con troppi morti, troppi assassini, moventi deboli. L’inconsueta e improbabile arma dell’ultimo delitto sembra tratta da un film di James Bond. Si sa che nei gialli un omicidio tira l’altro, ma Paglieri qui esagera: con qualche inutile morto in meno questo romanzo sarebbe stato un capolavoro assoluto della letteratura poliziesca. A mio avviso una storia deve essere lineare e credibile x avere attinenza con la realtà. Paglieri è un giornalista scrittore e alla realtà s’ispira: non è difficile intravvedere nel romanzo fatti di cronaca nera, sia pure opportunamente modificati, gialli irrisolti che hanno sconvolto e appassionato l’Italia. Da cronista, Paglieri è più bravo a descrivere che a inventare: stupendi i bozzetti sulla vita quotidiana dei poliziotti e di Luciani, il suo rapporto di amore odio con il padre morente, il dolore dei parenti delle vittime, il rancore e la paura di chi in qualche modo si sente diverso ed emarginato dalla società, la cinica spietatezza dei potenti. Purtroppo sono solo tratteggiate le figure femminili, viste come oggetti erotici, sia pure funzionali al racconto. Una storia che fa sorridere e riflettere, perché mai si può conoscere tutta la verità. Intrigante x me ligure l’ambientazione a Genova.
giumorkgiumork wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
Simone CSimone C wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
As1971 As1971 wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )