Insomnia
by Stephen King
(*)(*)(*)(*)( )(3,528)
Ralph Roberts ha un problema: negli ultimi mesi dorme male... notte dopo notte apre gli occhi sempre più presto sulla sveglietta, in un inesorabile conto alla rovescia: 03.15, 03.02, 02.45, 02.15...
Distrutto nel fisico e nel morale, ridotto a mendicare briciole di sonno prezioso con qualunque mezzo, diventa smemorato e pericolosamente distratto, ma al tempo stesso gli si schiudono le porte di percezioni inquietanti e fantastiche...

All Reviews

53 + 230 in other languages
Nood-LesseNood-Lesse wrote a review
1131
(*)( )( )( )( )

Insaladonia

Un libro petulante, ripetitivo, inverosimile, zeppo di dialoghi banali e situazioni fintamente complesse, di grandi temi e di rimedi della nonna, non solo contro l’insomnia, ma anche per cercare di tenere insieme una trama improbabile. Il libro è il miglior medicinale contro il disturbo di cui porta il nome, se letto da sdraiati, conduce al sonno speditamente. La questione anti abortista; la violenza sulle donne; la vecchiaia; la solitudine; la malattia; il para normale, l’iper normale; l’irreale; leggerlo è come mangiare insalata e macedonia mescolate. Decisamente non è il mio genere, lo confermano le citazioni di Tolkien e Carrol (autori con i quali non ho niente da spartire, Alice l’ho letta ma l’ho apprezzata solo nella versione dei Jefferson Airplane, Il signore dei tranelli invece non mi fregherà). Nonostante King scomodi il libero arbitrio, il determinismo e l’indeterminismo, la sua storia, riducendola ai minimi termini, rimane quella di un uomo che perde la moglie per un cancro, si ritrova da solo e riesce a ricostruirsi una vita. L’amore e la solidarietà trionferanno, prima che succeda però King farà mangiare al suo Ralph Robert e ai malcapitati lettori, pesche e fagioli, susine e pomodori.

Sono 750 interminabili pagine, tenetene conto se vorrete affrontare la lettura, della quale più che la trama mi rimarranno alcuni nomi che riempiono la bocca come ad esempio Ed Deepneau e Lois Chasse. 750 pagine in cui ho riconosciuto il RE delle “Stagioni Diverse” in un’unica frase:

Invecchiare era come mangiare un dolce cattivo alla fine di un pasto squisito

Può darsi sia stato il mio ultimo King, dopo il para normale mescolato a ciò che pare normale, non voglio rischiare di imbattermi anche nell'horror, genere dal quale mi sono tenuto a debita distanza per 50 anni.

Colonna Sonora Simon e Garfunkel - Scarborough Fair youtube.com/watch?v=4Ccgk8PXz64

Derivazioni insomniadisco.it/home/storia  

Chiara A.Chiara A. wrote a review
16
(*)(*)(*)(*)(*)
Mi trovo in forte disaccordo con alcune delle recensioni qui sotto. Non capisco come si possano accostare aggettivi come "banale" ai più vecchi lavori di King. Sarà prolisso, sarà strambo - perché è vero, possiamo ritrovare tutto accostato al niente nei suoi romanzi - ma la sua capacità di mettere insieme sulla stessa riga di testo gli elementi più disparati e soprattutto di farlo con una originalità tale da renderlo unico, lo rendono a detta mia un maestro indiscusso. È un visionario, un genio per me. Tutti i suoi romanzi sono intrinsecamente collegati - il che ha dell'incredibile se pensiamo a come possa funzionare la sua mente! Insomnia é un preludio ai lavori posteri, qui la sua maestria sta nel trattare il tema della sacralità della Vita relazionato al Ciclo Vita-Morte che al suo interno ammette le interferenze di Caso e Intento. Non a caso i paladini scelti per portare a termine la missione sono un uomo ed una donna, Ralph e Lois, due simpatici vecchietti che daranno filo da torcere a chi in realtà i fili è abituato a tagliarli! Il riferimento alla mitologia greca è sottile esattamente come i richiami al mondo del cinema, della poesia e della musica. Insomnia é un romanzo profondo e di grande spessore che prima di buttare il lettore nella mischia, ha necessità di prepararlo, di farlo riflettere esattamente come accade al protagonista che impiega un po' prima di capire perché perde il suo sonno. Stephen King non è un autore per tutti, é ironico ma tagliente, visionario ma realista, severo ma giusto. Sa giocare bene con le paure e le fobie che popolano i sogni dei bambini e le trasforma in mostri reali che camminano tra noi. 5 stelle al genio indiscusso del Male.
laly7612laly7612 wrote a review
02
(*)(*)(*)(*)( )
Ctr bibliotecaCtr biblioteca wrote a review
00
POSIZIONE LIBRERIA
HO04