Interviste con il morto
by A. M. Homes, Cynthia Ozick, David Mitchell, Douglas Coupland, Geoff Dyer, Ian Rankin, John Burnside, Joyce Carol Oates, Michel Faber, Rebecca Miller, Rick Moody, Sam Leith, Zz Packer
(*)(*)(*)(*)( )(5)
Alcuni importanti scrittori si confrontano con i loro miti in tredici interviste impossibili, dove le icone del passato vengono trascinate in conversazioni semiserie, a volte esilaranti, e costrette a fare i conti con l’immagine che hanno lasciato ai posteri. E così Nietzsche si ritrova a tenere testa a un Geoff Dyer sotto effetto di droghe che lo assilla con domande assurde sui concetti-cardine della sua filosofia; Jimi Hendrix si lamenta con Rick Moody che nell’aldilà non ci sono chitarre decenti; Henry James è incalzato da Cynthia Ozick che vuole convincerlo a fare coming out; e Robert Frost si vede messo all’angolo da Evangeline Fife, una giovane e ingenua poetessa creata da Joyce Carol Oates.

All Reviews

1
Andrea PennywiseAndrea Pennywise wrote a review
01
(*)(*)(*)( )( )
Interviste Con Il Morto a cura di Dan Crowe
Gli esperimenti letterari, in alcuni casi, possono essere il mezzo per spingersi al di là di ogni canone contemporaneo. Nulla sarà precluso e il lettore potrebbe trovarsi di fronte a letture spiazzanti con intenzioni letterarie piuttosto macabre.
Questo succede con le Interviste Con Il Morto (edito 66thand2nd), l'antologia a cura di Dan Crowe nella quale tredici autori affermati, di diverse nazionalità, dialogano con altrettanti personaggi famosi. Quest'ultimi sono musicisti, politici, artisti e scrittori, sepolti da diversi decenni e sarà compito della letteratura, nella forma della short story, smuovere quella terra.

Leggere queste interviste impossibili significa partecipare al divertente gioco di questi autori.
Ho visto Rick Moody punzecchiare un burbero Jimi Hendrix legato alla musica della sua vita, agli arcobaleni di colori e ai suoi segreti più intimi. Un uomo che pensava di dover essere ovunque e di dover essere tutto per tutti.

Ho riso per ore trovandomi nel bel mezzo di un dialogo tra Geoff Dyer strafatto di droghe pesanti e Friedrich Nietzsche. Solo così ho potuto capire i sottili e tormentosi parallelismi tra il superuomo e Spiderman.


GD: Ti piace Cormac McCarthy?

Lunga pausa

Citare Joyce Carol Oates dovrebbe essere un piacere ancora prima di leggerla. Creando Evangeline Fife una giovane studentessa, l'autrice americana, sgretolerà Robert Frost, uno dei poeti a stelle e strisce più importanti del Novecento.
Un racconto fittizio talmente d'impatto da provocare l'ira dei parenti di quest'ultimo.


Il poeta è un emissario dell'infanzia e di tutte le cose perdute.
Continua qui:
unantidotocontrolasolitudine.blogspot.it/2015/11/interviste-con-il-morto-cura-di-dan.html