Inverso
by William Gibson
(*)(*)(*)(*)( )(39)

Emmanuele Pilia's Review

Emmanuele PiliaEmmanuele Pilia wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)(*)
Gibson torna a fare Gibson
Che William Gibson sia uno dei più influenti e talentuosi scrittori contemporanei non c'è bisogno di doverlo ripetere ulteriormente. Eppure, negli ultimi anni l'antico smalto sembrava perduto: il Ciclo di Bigend è lontano anni luce da "La notte che bruciammo Chrome". Ho acquistato questo Inverso con lo stesso spirito con cui ho acquistato anche gli ultimi suoi libri: per reverenza. Eppure, questo Inverso mi ha fatto ricredere: Gibson ha ancora molto da dire, e lo dice davvero bene.
Fin dalle prime pagine, si è immersi nella classica prosa dello scrittore americano, e non importa se il quadro della storia non riesce ad essere realmente chiaro per un buon primo quarto del libro: la prosa fa filare l'intreccio in modo molto fluido per chi è avvezzo agli stilemi Cyberpunk. Inverso si sviluppa attorno un intreccio di due elementi narrativi portanti, uno ambientato all'incirca di 2030 e uno settant'anni dopo, alternandosi nei vari e brevi capitoli con cui è costruito il libro. I due tronconi del libro si avvicinano sempre più, finendo dunque per combaciare nel finale. Nonostante lo schema possa sembrare semplice, ad aumentare la complessità del libro vi sono diversi accorgimenti narrativi, a partire dall'apparato tecnologico (assolutamente credibile) fino alle descrizioni dei luoghi, da sempre uno dei punti di forza di Gibson.
Insomma, un must have per chiunque apprezzi la fantascienza e, soprattutto, il cyberpunk.
Emmanuele PiliaEmmanuele Pilia wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)(*)