Io sono di legno
by Giulia Carcasi
(*)(*)(*)(*)( )(1,916)
Una madre e una figlia. La figlia tiene un diario e la madre lo legge. Alla storia di anaffettività, di sentimenti negati o traditi della giovane Mia, Giulia risponde con la propria storia segnata da quell'"essere di legno" che sembra la malattia, il tormento di entrambe. È come se madre e figlia si scrutassero da lontano, o si spiassero, immobilizzate da una troppo severa autocoscienza. Bisogna tornare indietro. E Giulia lo fa. Torna a riflettere sulla giovinezza ferita dall'egoismo e dalla prepotenza di una sorella falsamente perbenista, sul culto delle apparenze della madre e sul conforto che le viene da una giovane monaca peruviana, Sofia. Torna a rivivere i primi passi da medico, fra corsie e sale operatorie, il matrimonio con un primario, la lunga attesa di una maternità sofferta e desiderata. Più la storia di Giulia si snoda nel buio del passato, più affiorano misteri che chiedono di essere sciolti. E il legno si ammorbidisce. Ma per madre e figlia l'incontro può solo avvenire a costo di pagare il prezzo di una verità difficile, fuori da ogni finzione.

All Reviews

244 + 12 in other languages
SweetnessSweetness wrote a review
15
(*)(*)(*)(*)( )
Francesca SSLFrancesca SSL wrote a review
02
(*)(*)(*)( )( )
Cento_bookCento_book wrote a review
02
(*)(*)(*)( )( )
Una madre e una figlia. La figlia tiene un diario e la madre lo legge. Alla storia di anaffettività, di sentimenti negati o traditi della giovane Mia, Giulia risponde con la propria storia segnata da quell'"essere di legno" che sembra la malattia, il tormento di entrambe. È come se madre e figlia si scrutassero da lontano, o si spiassero, immobilizzate da una troppo severa autocoscienza. Bisogna tornare indietro. E Giulia lo fa. Torna a riflettere sulla giovinezza ferita dall'egoismo e dalla prepotenza di una sorella falsamente perbenista, sul culto delle apparenze della madre e sul conforto che le viene da una giovane monaca peruviana, Sofia. Torna a rivivere i primi passi da medico, fra corsie e sale operatorie, il matrimonio con un primario, la lunga attesa di una maternità sofferta e desiderata. Più la storia di Giulia si snoda nel buio del passato, più affiorano misteri che chiedono di essere sciolti. E il legno si ammorbidisce. Ma per madre e figlia l'incontro può solo avvenire a costo di pagare il prezzo di una verità difficile, fuori da ogni finzione.

Migliore e più articolato di Tutto Torna il libro si lascia apprezzare nella sua duplice narrazione che vede alternata Mia e Giulia, madre e figlia. Questo svelamento e viaggio interiore nella vita della figlia si ha attraverso la lettura del suo diario, dei pensieri più intimi, di inchiostro calato su carta per dare sfogo alle proprie rabbie, paure, incertezze, ma anche desideri. La vita di queste due donne diventerà sempre più un tutt’uno e quel legno duro e privo di sentimenti tenderà ad ammorbirsi, rispondendo al richiamo della vita, dove ognuno di noi almeno una volta si è sentito un po’ legno un po’ spugna assorbendo – quasi per osmosi – tutto ciò che ci circonda, negatività comprese.