Io sono Helen Driscoll
by Richard Matheson
(*)(*)(*)(*)( )(812)
Tom Wallace conduce un'esistenza normalissima con la moglie Anne e il figlioletto Richard. Una sera, durante una cena in casa di amici, suo cognato Phil dichiara di essere capace di ipnotizzare chiunque, e fargli compiere atti che, in stato cosciente, non farebbe mai; ed è proprio Tom a essere scelt... More

All Quotations

valENTinavalENTina added a quotation
00
valENTinavalENTina added a quotation
00
Sapevo che, in futuro, avrei dovuto trovare un compromesso con la parola che avevo dato. Le bugie non erano tutte uguali.
valENTinavalENTina added a quotation
00
E ricordai qualcosa che le avevo detto la notte dopo che Phil mi aveva ipnotizzato.
Forse siamo tutti dei mostri, in fondo, avevo detto
MaristellaMaristella added a quotation
00
Il mio cervello era in iperattività. E' il solo modo in cui saprei descriverlo. I miei pensieri vi roteavano come gas surriscaldati, scintillanti e iridescenti. I ricordi andavano e venivano come lampi di luce. Mia madre, mio padre, Corky, la scuola superiore, le medie, l'asilo, l'università, la lau... More
MaristellaMaristella added a quotation
00
Cominciai a scivolare via. Quando mi accorsi che mi restava solo un ultimo briciolo di coscienza, era già troppo tardi. Era come se la mia mente - o meglio, la mia volontà - fosse come una falena imprigionata nella cera d'api che si va solidificando. Ci fu un lieve battito d'ali con cui cercai di li... More
MaristellaMaristella added a quotation
00
Fu allora che uscii per controllare Richard ed ebbi uno dei miei tanti momenti di adorazione notturna, in cui stavo in piedi nella semioscurità, chino sulla culla di mio figlio, a guardare il suo visetto arrossato dal sonno e mi sentivo sopraffatto da un'ondata di amore assoluto. Potevo percepire un... More
MaristellaMaristella added a quotation
10
A volte, nell'antica casa infestata della mia mente,
sento, lontano, dietro qualche porta nascosta,
una musica e una baldoria distante e misteriosa
e un clamore di echi scricchiolare lungo il pavimento
Seby Flavio GulisanoSeby Flavio Gulisano added a quotation
00
"Mi misi a sedere e scossi il capo esattamente come si scuoterebbe un orologio fermo. Solo che non volevo che ripartisse, volevo bloccare tutto. Ma non potevo. Era come se la mia mente pulsasse: come una spugna vivente nel mio cranio, gonfia di umori e pensieri, da cui colavano memorie e aspettative... More