Jakob il bugiardo
by Jurek Becker
(*)(*)(*)(*)( )(134)
1945. In un piccolo ghetto ebraico della Polonia occupata dalle truppe naziste la vita si trascina tra infiniti stenti. Jakob Heym, proprietario di un caffè chiuso da tempo, si aggira smarrito tra le botteghe abbandonate dagli ebrei che hanno trovato riparo all’estero o non sono riusciti a scampare alla tragica sorte dei campi di sterminio.
Un giorno, per non aver rispettato il coprifuoco, si ritrova negli uffici del comando dell’«amministrazione tedesca» dove, in attesa dell’ufficiale di picchetto, gli capita di ascoltare una radio. Tra fatti di scarso rilievo su un quartier generale nazista, lo speaker ad un certo punto annuncia che le truppe tedesche hanno «eroicamente» respinto «l’attacco bolscevico a venti chilometri da Bezanika». Bezanika… un paese non a due passi, ma nemmeno tanto lontano.
Come comunicare agli altri una simile notizia? Dire: Rallegratevi fratelli, impazzite di gioia, i russi sono giunti a venti chilometri da Bezanika? E annunciare di aver sentito il tutto al comando nazista, col rischio di passare per una spia?
Jakob Heym sceglie un’altra via, la via della menzogna, utile in circostanze

All Quotations

2
Blanche NeigeBlanche Neige added a quotation
00
"Non hai colpa della morte di Kowalski, lui però doveva a te di essere vissuto fino a quel giorno."
Blanche NeigeBlanche Neige added a quotation
00
"Non hai colpa della morte di Kowalski, lui però doveva a te di essere vissuto fino a quel giorno."
Blanche NeigeBlanche Neige added a quotation
00
"La prima bugia, che forse non era nemmeno tale, così piccola, e Kowalski è contento. Ne vale la pena, la speranza non può inaridire, altrimenti non sopravvivranno, egli sa benissimo che i russi avanzano, lo ha sentito con le sue orecchie e se esiste un dio in cielo giungeranno anche fino a noi, e se non ne esiste nessuno, anche allora giungeranno fino a noi, e bisogna che trovin il maggior numero di superstiti, ne vale la pena. E se saremo morti tutti, sarà stato un tentativo, ne vale la pena."
Blanche NeigeBlanche Neige added a quotation
00
"La prima bugia, che forse non era nemmeno tale, così piccola, e Kowalski è contento. Ne vale la pena, la speranza non può inaridire, altrimenti non sopravvivranno, egli sa benissimo che i russi avanzano, lo ha sentito con le sue orecchie e se esiste un dio in cielo giungeranno anche fino a noi, e se More