Kim
by Rudyard Kipling
(*)(*)(*)(*)( )(1,334)
Un ragazzino gioca seduto a cavalcioni su un gigantesco cannone: è Kim, altrimenti noto come il "Piccolo Amico di tutto il Mondo"; orfano di un sergente irlandese, cresciuto come un monello indiano, Kim è sotto la protezione di due numi tutelari. Il ragazzo gioca per il gusto di giocare e viaggia pe... More

All Reviews

115 + 15 in other languages
CabepfirCabepfir wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
NikAnobiiNikAnobii wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
DicerosDiceros wrote a review
02
Chi si azzarda a dirmi che un libro da ragazzi se la dovrà vedere con me!
A parte gli scherzi, Kipling ci trascina in un, a volte vorticoso a volte estenuante, viaggio attraverso l’India tra la fine dell’800 e l’inizio del 900.
Il giovane Kim orfano di un sergente e di sua moglie irlandesi, si è adattato benissimo alla vita di strada di tanti coetanei. Le sue amicizie spaziano da semplici personaggi ad importanti mercanti arabi come Mahbub.
Sullo sfondo l’occupazione inglese ed il conflitto con la Russia per il predominio sulle regioni del nord (Afghanistan in particolare !) detto il Grande Gioco.
Kim, nonostante sia un Sahib bianco, si affeziona ad un lama tibetano in cerca dell’illuminazione tanto da diventarne il suo inseparabile discepolo. Scoperto dagli inglesi è avviato agli studi sia di base sia topografici e introdotto nel Grande Gioco.
Kim percorre con il suo lama l’India in lungo ed in largo facendoci conoscere persone, razze, religioni, costumi, tra colori, sapori ed odori della Grande Strada.
La sua lealtà e le sue capacità lo fanno amare e rispettare dal lama che lo chiama Amico del Mondo dall’amico mussulmano commerciante di cavalli e spia degli inglesi e dal sistema di potere militare britannico.
L’amico del Mondo è crescerà e diventerà adulto fondendo in un crogiuolo le diverse anime dell’India.
Nel romanzo, nonostante sia presente la supremazia dei Sahib inglesi, Kipling non dipinge le varie anime dell’India in maniera negativa, né la loro spiritualità né i loro costumi e ci indica un ruolo dell’infanzia tipicamente inglese (es. Dickens) capace di crescere anzitempo e di essere, pur dentro il rigido sistema dell’educazione, capace di indicare stili di vita nuovi e positivi.
Bonsy3Bonsy3 wrote a review
00
(*)( )( )( )( )