L’antichità «crudele» by Martina Piperno
L’antichità «crudele» by Martina Piperno

L’antichità «crudele»

Etruschi e Italici nella letteratura italiana del Novecento
by Martina Piperno
( )( )( )( )( )(0)
0Reviews0Quotations0Notes
Description
Gli Etruschi e gli altri popoli dell’Italia antica hanno lasciato tracce più misteriose e più inquietanti dei Romani conquistatori. Mentre la cosiddetta “classicità” greca e romana ci parla attraverso numerose fonti, gli Etruschi e gli Italici risultano di sconcertante laconicità, in quanto le fonti della loro storia sono per lo più indirette e scritte in altre lingue. Questa antichità remota, «più misteriosa e crudele» (come la descrive Carlo Levi), ha stimolato per secoli l’immaginazione degli scrittori. Nella letteratura italiana del Novecento l’immagine dell’Italia antica e gli spazi della sua memoria (necropoli, siti archeologici, antiche città, rovine) diventano spesso strumento di articolazione dei temi della perdita, del lutto, della sparizione, dell’estinzione, ma anche di rinascita e persistenza. Studiando quattro casi di ricezione della storia dell’Italia antica nella letteratura italiana dalla fine dell’Ottocento agli anni Settanta del Novecento, il volume fornisce un esempio della profondità teorica e dell’ampiezza del raggio di interesse di quest’area ancora poco esplorata della sopravvivenza dell’antico, aprendo così nuove prospettive di ricerca.
Community Stats
0

Have it in their library

0

Are reading it right now

0

Are willing to exchange it

About this Edition

Language

Italian

Publication Date

May 2020

Format

Paperback

Number of Pages

164

ISBN

8843098853

ISBN-13

9788843098859