L'astemio
by Ian McGuire
(*)(*)(*)(*)( )(17)
Oltre al suo lavoro di poliziotto, l'agente capo James O'Connor non ha molto altro da perdere: sua moglie è morta e lui ha dovuto lasciare Dublino per fuggire dal dolore e dalla dipendenza dall'alcol. Ora è un irlandese al servizio degli inglesi, e questo significa convivere con il disprezzo dei col... More

All Reviews

1
BlackhillBlackhill wrote a review
018
(*)(*)(*)( )( )
DIO STRAMALEDICA GLI INGLESI
Gli scozzesi non sono particolarmente amanti degli inglesi, ma non li detestano quanto gli irlandesi.
Ritorna Ian Mc Guire dopo il dirompente LE ACQUE DEL NORD del 2018, per me fra i migliori libri di quell'anno.
La vicenda ci porta nella Manchester dell'800. L'agente James O'Connor è un poliziotto allo sbando, vedovo ed ex alcolizzato, dopo avere rischiato il licenziamento nella sua Nazione, approda nella città inglese e si pone al servizio del popolo della Regina, potendo contare su una rete di informatori infiltrati fra i feniani.
Il romanzo inizia proprio con l'impiccagione di tre "ribelli" accusati di omicidio. Questo accresce la tensione ed il desiderio di vendetta all'interno della Fratellanza, decisa a rovesciare il governo nemico.
A questo scopo, dall'America sbarca il duro Stephen Doyle, un ex soldato spietato e rotto a tutte le esperienze, il quale era partito anni prima dall'Irlanda ed ora è deciso a fornire il proprio contributo alla causa.
Il primo a pagare un altissimo prezzo sarà Thomas Flanagan, la spia che ha tradito e che non può essere perdonato. Le cose si complicano quando anche il nipote di O'Connor sbarca in Inghilterra e viene immediatamente reclutato dagli inglesi perchè si infiltri nell'organizzazione alfine di carpire le mosse del killer. Non sarà una buona idea.
Un buon romanzo, forse non duro come il precedente, ma che riserva una discreta carica di violenza. E' molto bravo l'autore a descrivere Manchester che ci viene restituita attraverso la sporcizia nelle strade, la nebbia che si ammanta sulla città e dalla quale filtrano appena le luci dei lampioni, gli odori sgradevoli della conceria, i pub fumosi e il dolente incedere del poliziotto irlandese al servizio dei nemici, al quale fa da contraltare il violento Doyle in una lunga e reciproca caccia serrata che sgorgherà nel drammatico finale.