L'eleganza del riccio
by Muriel Barbery
(*)(*)(*)(*)( )(26,255)
Siamo a Parigi in un elegante palazzo abitato da famiglie dell'alta borghesia. Dalla sua guardiola assiste allo scorrere di questa vita di lussuosa vacuità la portinaia Renée, che appare in tutto e per tutto conforme all'idea stessa della portinaia: grassa, sciatta, scorbutica e teledipendente. Invece, all'insaputa di tutti, Renée è una coltissima autodidatta, che adora l'arte, la filosofia, la musica, la cultura giapponese.
Poi c'è Paloma, la figlia di un ministro ottuso; dodicenne geniale, brillante e fin troppo lucida che, stanca di vivere, ha deciso di farla finita (il 16 giugno, giorno del suo tredicesimo compleanno, per l'esattezza). Fino ad allora continuerà a fingere di essere una ragazzina mediocre e imbevuta di sottocultura adolescenziale come tutte le altre.
Due personaggi in incognito, quindi, diversi eppure accomunati dallo sguardo ironicamente disincantato, che ignari l'uno dell'impostura dell'altro, si incontreranno solo grazie all'arrivo di monsieur Ozu, un ricco giapponese, il solo che saprà smascherare Renée e il suo antico, doloroso segreto.
L'eleganza del riccio, una raffinata commedia francese, è stato il caso letterario del 2007 in Francia: ha venduto centinaia di migliaia di copie grazie a un impressionante passaparola e ha vinto il Premio dei Librai assegnato alle librerie.

Sem973's Review

Sem973Sem973 wrote a review
03
(*)( )( )( )( )
lento, prevedibile, insulso. Mi aspettavo chissà quali mirabolanti scambi dialettici fra la portinaia che nasconde agli altri la sua condizione di - udite udite - essere pensante e la pargoletta 12enne figlia di ricchissima famiglia che redige un diario pieno di osservazioni così acute da risultare fantascientifiche per la sua età. Oltretutto vuole anche suicidarsi e ciò me la fa apparire antipatica e inverosimile fin dalle prime pagine. Incompreso.