L'idiota
by Fëdor Mihajlovič Dostoevskij
(*)(*)(*)(*)(*)(6,915)
Il principe Myskin, ultimo erede di una grande famiglia, decaduta, è una creatura spiritualmente superiore, la cui «idiozia» consiste in un'assoluta mancanza di volontà e in una fede assoluta negli altri. Dopo un lungo soggiorno in Svizzera, al ritorno in patria si trova coinvolto in un vortice di storie d'amore vissute con passione torbida e violenta e che hanno come protagonisti il giovane Rogozin, la bellissima Nastasja e l'aristocratica Aglaja. Un'intricatissima sequenza di avvenimenti, raccontati con ritmo incalzante, in cui sfocia un'immensa mole di materiale: da Cristo alla cronaca giudiziaria russa, dall'Apocalisse alla polemica con il socialismo.

il molto accorto Experience: elmo lucente.'s Review

02
(*)(*)(*)(*)(*)

Fedör era epilettico, il manifestarsi di questa malattia credo abbia influito notevolmente nella sua produzione letteraria. Scriveva come se la morte mordesse il suo collo, come se il libro sottomano dovesse essere l’ultimo, ed allora il fiume d’inchiostro versato non poteva che rivelarsi impetuoso.

Personaggi complessi, al limite del borderline, nichilisti, popolano il racconto, che dai loro eccessi e per la loro presenza sulla “scena” richiamano alla mente qualcosa di teatrale. Tre di questi verranno da reconditi posti, e sconvolgeranno la borghesia di San Pietroburgo, per poi svanire a modo loro; si distinguerà il principe Myškin, o Cristo, se preferite chiamarlo così.