L'insostenibile leggerezza dell'essere
by Milan Kundera
(*)(*)(*)(*)(*)(20,127)
Edizioni dal 1989 al 2009 ISBN pag.318
Edizioni dal 2010 pag. 336

"Il suo romanzo ci dimostra come nella vita tutto quello che scegliamo e apprezziamo come leggero non tarda a rivelare il proprio peso insostenibile. Forse solo la vivacità e la mobilità dell'intelligenza sfuggono a questa condanna
... More

*FeDeRiCa*'s Review

*FeDeRiCa**FeDeRiCa* wrote a review
02
(*)(*)(*)(*)( )
https://federicapulice.wordpress.com/2015/09/02/recensionelinsostenibile-leggerezza-dellessere/
Questo romanzo nasconde al di sotto della trama narrativa una forte intelaiatura filosofica su cui basa le vite dei personaggi e le molteplici idee del narratore/autore onnisciente che si ritrovano come profondi e riflessivi intermezzi fra le storie di Tomas, Tereza, Sabina e Franz. Quattro personaggi, completamente diversi fra loro, le cui vite si incrociano a seguito di numerose Coincidenze che portano alla costruzione di un rapporto di coppia descritto e analizzato da Kundera dal lato sia passionale che sentimentale. Utilizzando i comportamenti che i suoi protagonisti assumono all’interno della loro vita amorosa, egli spiega interamente tutti gli eventi che hanno condotto a quei comportamenti, tutto ciò che apparentemente irrilevante nel loro passato li ha plasmati nella forma odierna. Tomas che scinde la sessualità dall’amore, Tereza per cui l’amore è un tutt’uno ed è la causa della fuoriuscita dell’anima dalle prigioni del corpo. Sabina che come unica gioia di vita considera il tradire le persone, la patria, tutto ciò a cui tiene per poter continuare a sentirsi viva e libera, Franz che si libera una volta per tutte dalla prigione sociale che lo trattiene e vive di un amore utopico, quasi stilnovista per Sabina, che ama molto di più quando diviene un’immagine ideale che quando la ha come donna al suo fianco.Ma al di là di tutto questo, il tema centrale dell’opera è dato proprio, come da titolo, dall’insostenibile leggerezza dell’essere.L’essere, la vita può considerarsi davvero esistente se si verifica solo una volta? Tutto ciò che accade solo una volta non è mai esistito. Allora quale sarebbe il senso di condurre questa vita? Ecco che pensando a ciò come all’unica verità possibile,Si giunge a comprendere la vera leggerezza della vita, la quale appare senza uno scopo e dunque insostenibilmente pesante.Siamo leggeri perché ogni evento non lascerà traccia, ma ciò rende il tutto incredibilmente pesante per l’effimero che ne deriva.Oltre questo sono trattati numerosi temi interessanti che trasportano il lettore nel pieno della riflessione filosofica, donandogli un’infinita leggerezza d’animo. Come se tutte le risposte che stessimo cercando le potessimo trovare in questo libro. Mi ha trasmesso un senso di conoscenza come nessun libro prima. Filosofia pura ma scritta con uno stile che non si lascia dietro alcuna incomprensione ed esprime il tutto con semplicità.La critica al comunismo, alla politica più in generale, alla società moderna, alla religione,si sviluppa attraverso una serie di riflessioni che colpiscono e convincono il lettore. Lettura da tenere come un punto di riferimento nella propria vita, da rileggere a spezzoni come a voler trovare le parole giuste per ogni momento. Trascriverò sul Blog le parti che mi hanno più colpito nella sezione già inaugurata:” Pillole”Consiglio a tutti questa lettura che vi scandaglia le parti più profonde e nascoste dell’animo. Un libro come pochi. Semplicemente un capolavoro della Letteratura, una guida alla nostra introspezione.
*FeDeRiCa**FeDeRiCa* wrote a review
02
(*)(*)(*)(*)( )
https://federicapulice.wordpress.com/2015/09/02/recensionelinsostenibile-leggerezza-dellessere/
Questo romanzo nasconde al di sotto della trama narrativa una forte intelaiatura filosofica su cui basa le vite dei personaggi e le molteplici idee del narratore/autore onnisciente che si ritrovano come profondi e riflessivi intermezzi fra le storie di Tomas, Tereza, Sabina e Franz. Quattro personaggi, completamente diversi fra loro, le cui vite si incrociano a seguito di numerose Coincidenze che portano alla costruzione di un rapporto di coppia descritto e analizzato da Kundera dal lato sia passionale che sentimentale. Utilizzando i comportamenti che i suoi protagonisti assumono all’interno della loro vita amorosa, egli spiega interamente tutti gli eventi che hanno condotto a quei comportamenti, tutto ciò che apparentemente irrilevante nel loro passato li ha plasmati nella forma odierna. Tomas che scinde la sessualità dall’amore, Tereza per cui l’amore è un tutt’uno ed è la causa della fuoriuscita dell’anima dalle prigioni del corpo. Sabina che come unica gioia di vita considera il tradire le persone, la patria, tutto ciò a cui tiene per poter continuare a sentirsi viva e libera, Franz che si libera una volta per tutte dalla prigione sociale che lo trattiene e vive di un amore utopico, quasi stilnovista per Sabina, che ama molto di più quando diviene un’immagine ideale che quando la ha come donna al suo fianco.Ma al di là di tutto questo, il tema centrale dell’opera è dato proprio, come da titolo, dall’insostenibile leggerezza dell’essere.L’essere, la vita può considerarsi davvero esistente se si verifica solo una volta? Tutto ciò che accade solo una volta non è mai esistito. Allora quale sarebbe il senso di condurre questa vita? Ecco che pensando a ciò come all’unica verità possibile,Si giunge a comprendere la vera leggerezza della vita, la quale appare senza uno scopo e dunque insostenibilmente pesante.Siamo leggeri perché ogni evento non lascerà traccia, ma ciò rende il tutto incredibilmente pesante per l’effimero che ne deriva.Oltre questo sono trattati numerosi temi interessanti che trasportano il lettore nel pieno della riflessione filosofica, donandogli un’infinita leggerezza d’animo. Come se tutte le risposte che stessimo cercando le potessimo trovare in questo libro. Mi ha trasmesso un senso di conoscenza come nessun libro prima. Filosofia pura ma scritta con uno stile che non si lascia dietro alcuna incomprensione ed esprime il tutto con semplicità.La critica al comunismo, alla politica più in generale, alla società moderna, alla religione,si sviluppa attraverso una serie di riflessioni che colpiscono e convincono il lettore. Lettura da tenere come un punto di riferimento nella propria vita, da rileggere a spezzoni come a voler trovare le parole giuste per ogni momento. Trascriverò sul Blog le parti che mi hanno più colpito nella sezione già inaugurata:” Pillole”Consiglio a tutti questa lettura che vi scandaglia le parti più profonde e nascoste dell’animo. Un libro come pochi. Semplicemente un capolavoro della Letteratura, una guida alla nostra introspezione.