L'ultima estate a Deyning Park
by Judith Kinghorn
(*)(*)(*)(*)( )(86)
L'estate è la stagione più bella a Deyning Park. E come se la grande tenuta della famiglia Granville si risvegliasse dal torpore invernale per prepararsi a ospitare balli eleganti e ricevimenti sfarzosi. Anche per la giovane Clarissa l'estate è una stagione di rinascita; dopo mesi di solitudine, lei può finalmente riabbracciare i fratelli e godere di una nuova, inaspettata compagnia: quella di Tom, l'affascinante figlio della governante che, grazie all'intervento di un misterioso benefattore, ha potuto iscriversi all'università. Dapprima intimidita da quel ragazzo così taciturno e rispettoso del proprio ruolo - stare sempre un passo indietro e assistere alla vita dei Granville da dietro le quinte -, Clarissa a poco a poco stringe con lui una profonda amicizia, che poi sfocia in un grande amore. Un grande amore segreto, perché è chiaro che i suoi genitori non lo approverebbero mai. Ma Tom è ambizioso e determinato, e le fa una promessa solenne: una volta terminati gli studi, si trasferirà a Londra per esercitare la professione di avvocato e, non appena sarà diventato abbastanza ricco da colmare il baratro che lo separa dai Granville, chiederà la sua mano. Il destino, però, volta loro le spalle. Non soltanto qualcuno scopre la loro relazione clandestina, ma è il 1914, e quella sarà l'ultima estate di felicità a Deyning Park. Come una tempesta, la guerra si abbatterà sull'Inghilterra, spazzando via i sogni di Clarissa e le aspirazioni di Tom, la fortuna dei Granville e l'innocenza della giovinezza...

Gaia's Review

GaiaGaia wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
Il libro contiene tantissimi lati positivi ma anche tanti che mi hanno lasciata perplessa. Mi è interessato molto leggere del periodo della Grande Guerra dal punto di vista di chi è rimasto a casa e non è partito per il fronte. L'autrice parla di questo periodo tramite emozioni, sensazioni e stati d'animo e non con dati, fatti e avvenimenti. Anche il cambiamento socioculturale che avviene durante e dopo la guerra è percepibile in ogni pagina. Tutto ciò ha dato al romanzo un aura molto speciale, che ho apprezzato tantissimo.
Invece, che mi ha lasciata con molti dubbi, è la storia d'amore dei due protagonisti, con un tira e molla e delle tempistiche che vanno oltre il mio buon senso. Quindi, spesso, i cambiamenti nella trama mi sembravano bruschi, sbagliati o fuori luogo.
In ogni caso è un libro che si fa fatica a posare sul comodino, quindi consigliato!