L'ultima notte al mondo
by Bianca Marconero
(*)(*)(*)(*)(*)(45)
Quante volte ci si può innamorare della stessa persona?
Marco Bertani ha ventitré anni, alle spalle un’adolescenza tutt’altro che semplice e davanti a sé un futuro nel quale potrà contare solo su se stesso. Un giorno inaspettatamente si imbatte in Marianna Visconti, ex compagna del liceo e amore non corrisposto della sua vita. I loro mondi non potrebbero essere più lontani: Marianna, dopo aver studiato negli Stati Uniti, sta facendo pratica legale presso il prestigioso studio di un amico di famiglia, mentre Marco sbarca il lunario lavorando come operatore per una rete televisiva locale. Quando però le viene prospettata l’occasione di condurre un programma ideato proprio da lui, Marianna decide di accettare la sfida, convinta che così potrà dimostrare a Luca, il fidanzato con cui è in crisi, di cosa è capace: lei e Marco si troveranno quindi a lavorare gomito a gomito e scopriranno di non essere poi così diversi come credevano…

foschia75's Review

foschia75foschia75 wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)(*)
Il new adult che vorrei.
Questa è la frase che ho ripetuto mentalmente durante la lettura. Se in Italia potessimo leggere new adult come questo, potrei anche tornare sui miei passi.
Il new adult italiano esiste, funziona, ammalia e basta davvero poco, basta restare con i piedi per terra, scriverlo come avremmo voluto viverlo: intensamente. Nominare Bianca Marconero è come citare Varenne nel mondo dell'equitazione, una elegante purosangue, una penna che non lascia mai una sbavatura.
Marco è più reale di quanto si possa immaginare, e se non ne avessi conosciuto e amato uno, non sarei entrata così totalmente in questa magnifica storia. Grazie Bianca, perché fermare emozioni così reali su carta non è per tutti.
Ho cercato di essere il più "morigerata" possibile nello scrivere la mia umile opinione, ho cercato di non fare come le teenagers a un concerto degli One Direction... Però dopo aver chiuso questo romanzo mi sono sentita centrifugata in un turbinio di bellissime emozioni! Innamorata persa di questo suo nuovo romanzo.

Leggere l'ultimo magistrale lavoro di Bianca Marconero mi ha risucchiata nel vortice dei ricordi, ma questa volta senza rimpianti, con la consapevolezza di aver avuto la fortuna di amare un tipo come Marco.
Marco esiste, e per me che ne ho conosciuto uno è più facile rimanerne affascinata.
Bianca Marconero dimostra ancora una volta che il New adult italiano spacca, che il bello e dannato esiste anche nelle nostre città, che può far soffrire a livelli inimmaginabili.
L'ultima notte al mondo crea dipendenza sin dalla prima pagina, ti rapisce senza riserve in un crescendo emotivo che ti rende ostaggio degli eventi per niente scontati.
Uno dei grandi pregi di questa bravissima autrice è la certosina costruzione della trama che non conosce punti deboli, funziona e incanta. La sua cura nella scrittura, nel seminare citazioni e "chicche generazionali", ne fanno un esempio da seguire per chi vorrebbe scrivere un romanzo non solo credibile, ma pulsante e irresistibile.
Altro suo punto di forza è la caratterizzazione dei personaggi, la loro intensità, il loro sconvolgente realismo calato in un contesto sociale che si compenetra perfettamente con la realtà. A rafforzare la trama c'è l'ambientazione anche questa volta italianissima (punto per me fondamentale!), i personaggi vivono a Bologna, città viva e pulsante, perfetta scenografia per questa storia d'amore dallo spiccato gap socioculturale. A riprova che il nostro Paese ben si presta anche al new adult, ma seguendo il nostro modo di vivere e pensare.
Infine altro grandissimo pregio che spesso passa "inosservato" sono i dialoghi, assolutamente impeccabili, ora ironici e spensierati, ora struggenti e taglienti. Non si fa fatica a immaginare certi discorsi come in un film, visualizzando senza fatica le scene e gli istanti. Più di una volta sono tornata indietro e li ho "assaporati" più volte come era successo anche ne La prima cosa bella. Bianca Marconero non lascia mai nulla al caso!
Non vi racconterò la storia, ma vorrei soffermarmi su ciò che emotivamente l'autrice riesce con una naturalezza disarmante a trasmettere al lettore. Le emozioni dei protagonisti sono così forti da essere percepite fisicamente: con Marco e Marianna si soffre, ma in senso buono. Si intraprende un percorso formativo che ci invita a riflettere sui valori dell'amicizia e della sincerità, su cosa si è disposti a mettere sul piatto della bilancia quando ci si trova davanti alla svolta della vita, quando davanti a quel bivio ci si domanda se siamo pronti a lasciare il noto per l'ignoto.
I valori che Bianca Marconero trasmette nei suoi romanzi sono sempre legati alla famiglia, all'amicizia e alla sincerità a discapito della felicità.
I personaggi maschili di questa autrice sono dei moderni eroi imperfetti, pronti a rinunciare alla felicità in nome dell'onestà e fedeltà verso il proprio migliore amico. Marco Bertani ha molte cose in comune con Marco Cinquedraghi, tra queste la più nobile è l'onore, pregio che li porterà a soffrire pur di non venire meno alla parola data.
Bianca Marconero è una delle mie autrici preferite, il suo amore per la scrittura si trasmette immediatamente sul lettore, restituendoci emozioni come pochi sanno fare.
Una lettura che consiglio senza riserve a tutti quei lettori in cerca di una storia bellissima e credibile, capace di riportarci indietro nel tempo e ricordare il "nostro" Marco, perché per molte di noi è esistito veramente!
A Bianca dico solo una cosa: NON SMETTERE MAI di farci vivere queste emozioni, di ricordarci che la Bella Narrativa Romantica c'è!
foschia75foschia75 wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)(*)
Il new adult che vorrei.
Questa è la frase che ho ripetuto mentalmente durante la lettura. Se in Italia potessimo leggere new adult come questo, potrei anche tornare sui miei passi.
Il new adult italiano esiste, funziona, ammalia e basta davvero poco, basta restare con i piedi per terra, scriverlo come avremmo voluto viverlo: intensamente. Nominare Bianca Marconero è come citare Varenne nel mondo dell'equitazione, una elegante purosangue, una penna che non lascia mai una sbavatura.
Marco è più reale di quanto si possa immaginare, e se non ne avessi conosciuto e amato uno, non sarei entrata così totalmente in questa magnifica storia. Grazie Bianca, perché fermare emozioni così reali su carta non è per tutti.
Ho cercato di essere il più "morigerata" possibile nello scrivere la mia umile opinione, ho cercato di non fare come le teenagers a un concerto degli One Direction... Però dopo aver chiuso questo romanzo mi sono sentita centrifugata in un turbinio di bellissime emozioni! Innamorata persa di questo suo nuovo romanzo.

Leggere l'ultimo magistrale lavoro di Bianca Marconero mi ha risucchiata nel vortice dei ricordi, ma questa volta senza rimpianti, con la consapevolezza di aver avuto la fortuna di amare un tipo come Marco.
Marco esiste, e per me che ne ho conosciuto uno è più facile rimanerne affascinata.
Bianca Marconero dimostra ancora una volta che il New adult italiano spacca, che il bello e dannato esiste anche nelle nostre città, che può far soffrire a livelli inimmaginabili.
L'ultima notte al mondo crea dipendenza sin dalla prima pagina, ti rapisce senza riserve in un crescendo emotivo che ti rende ostaggio degli eventi per niente scontati.
Uno dei grandi pregi di questa bravissima autrice è la certosina costruzione della trama che non conosce punti deboli, funziona e incanta. La sua cura nella scrittura, nel seminare citazioni e "chicche generazionali", ne fanno un esempio da seguire per chi vorrebbe scrivere un romanzo non solo credibile, ma pulsante e irresistibile.
Altro suo punto di forza è la caratterizzazione dei personaggi, la loro intensità, il loro sconvolgente realismo calato in un contesto sociale che si compenetra perfettamente con la realtà. A rafforzare la trama c'è l'ambientazione anche questa volta italianissima (punto per me fondamentale!), i personaggi vivono a Bologna, città viva e pulsante, perfetta scenografia per questa storia d'amore dallo spiccato gap socioculturale. A riprova che il nostro Paese ben si presta anche al new adult, ma seguendo il nostro modo di vivere e pensare.
Infine altro grandissimo pregio che spesso passa "inosservato" sono i dialoghi, assolutamente impeccabili, ora ironici e spensierati, ora struggenti e taglienti. Non si fa fatica a immaginare certi discorsi come in un film, visualizzando senza fatica le scene e gli istanti. Più di una volta sono tornata indietro e li ho "assaporati" più volte come era successo anche ne La prima cosa bella. Bianca Marconero non lascia mai nulla al caso!
Non vi racconterò la storia, ma vorrei soffermarmi su ciò che emotivamente l'autrice riesce con una naturalezza disarmante a trasmettere al lettore. Le emozioni dei protagonisti sono così forti da essere percepite fisicamente: con Marco e Marianna si soffre, ma in senso buono. Si intraprende un percorso formativo che ci invita a riflettere sui valori dell'amicizia e della sincerità, su cosa si è disposti a mettere sul piatto della bilancia quando ci si trova davanti alla svolta della vita, quando davanti a quel bivio ci si domanda se siamo pronti a lasciare il noto per l'ignoto.
I valori che Bianca Marconero trasmette nei suoi romanzi sono sempre legati alla famiglia, all'amicizia e alla sincerità a discapito della felicità.
I personaggi maschili di questa autrice sono dei moderni eroi imperfetti, pronti a rinunciare alla felicità in nome dell'onestà e fedeltà verso il proprio migliore amico. Marco Bertani ha molte cose in comune con Marco Cinquedraghi, tra queste la più nobile è l'onore, pregio che li porterà a soffrire pur di non venire meno alla parola data.
Bianca Marconero è una delle mie autrici preferite, il suo amore per la scrittura si trasmette immediatamente sul lettore, restituendoci emozioni come pochi sanno fare.
Una lettura che consiglio senza riserve a tutti quei lettori in cerca di una storia bellissima e credibile, capace di riportarci indietro nel tempo e ricordare il "nostro" Marco, perché per molte di noi è esistito veramente!
A Bianca dico solo una cosa: NON SMETTERE MAI di farci vivere queste emozioni, di ricordarci che la Bella Narrativa Romantica c'è!