L'unico figlio
by Anne Holt
(*)(*)(*)(*)( )(454)
In un gelido e ostinatamente plumbeo febbraio norvegese, l’arrivo di un ragazzino in un orfanotrofio alle porte di Oslo è causa di grande scompiglio. Il dodicenne Olav infatti, sottratto alla patria potestà, pare infinitamente più adulto e cattivo degli altri compagni, e tutti i tentativi di pacific... More

All Reviews

89 + 2 in other languages
SimonaSimona wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
Mari Mari wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
Ho acquistato questo libro per caso, incuriosita dalla fama dell'autrice, ma senza sapere che è il terzo di una serie con protagonista l'ufficiale di polizia Hanne Wilhelmsen.
Per fortuna le lettura non ne ha risentito, anche se si intuisce che qualcosa è già stata raccontata prima.

Il romanzo è ambientato ad Oslo, in Norvegia, più o meno verso fine gennaio, nella casa famiglia Sole di primavera.

“Erano soltanto i peggiori quelli che finivano li. In Norvegia, i bambini che per qualche motivo non potevano crescere insieme ai genitori biologici venivano dati in affido.”

Una notte, la direttrice dell'istituto, Agnes Vestavik, viene uccisa nel suo studio; è seduta alla sua scrivania ed ha un coltello conficcato nella schiena.
Le indagini vengono affidate all'ispettore capo Hanne Wilhelmsen e al detective Billy T.
Vengono interrogati tutti i dipendenti della casa famiglia e il marito della vittima. Un altro avvenimento però suscita sospetti. La stessa notte in cui la direttrice è stata assassinata, un bambino della casa famiglia è fuggito.
Si tratta di Olav, l'ultimo arrivato, un bambino di dodici anni obeso e con gravi problemi relazionali.
Olav ha un carattere difficile, non sopporta regole ed imposizioni, soprattutto quando non gli veniva permesso di mangiare quello che voleva e quando lo voleva (praticamente sempre!). Si scontrava continuamente con Agnes e non faceva nulla per nascondere il suo odio per lei.
Le indagini aprono diversi scenari e soprattutto sembra evidente che tutti, compresa Agnes, hanno segreti da nascondere.

L'unico figlio di Anne Holt è un giallo tiepido, dal ritmo lento e con poca suspense. La scrittura è semplice e scorrevole, con parecchi flashback usati, presumo, con la scusa di approfondire la conoscenza di uno dei personaggi, ma con l'intento di confondere il lettore e veicolare i suoi sospetti.

Rispetto ad altri scrittori nordici (che non amo particolarmente) della Holt ho apprezzato l'analisi psicologica dei vari personaggi e l'evidente denuncia contro i servizi sociali norvegesi ma per il resto è un thriller che arriva appena alla sufficienza.