La casa del sonno
by Jonathan Coe
(*)(*)(*)(*)(*)(8,686)
In "La casa del sonno" si racconta l'avventura di un gruppo di giovani. Da studenti, nei primi anni Ottanta, vivono tutti nella severa Ashdown: Gregory, che studia medicina e ha la mania di spiare il sonno altrui; Veronica, una lesbica volitiva, ultrapoliticizzata e appassionata di teatro; Terry, che

All Quotations

59
GiulyAGiulyA added a quotation
00
"All'arrembaggio, fratelli della costa!" urlò a questo punto il dottor Dudden battendo il pugno sul tavolo con una violenza che fece saltare gli altri dalle sedie. Portava un cappello da pirata. "Issa il teschio e tibie, spiega la vela di maestra e governa la poppa! Quin-di-ci uo-mi-ni, quin-di-ci uo-mi-ni, su-lla ca-ssa del-mor-to, e-un-ba-ri-le-di-ruuuuuum!" Si avvide che i colleghi lo fissavano sbalorditi e concluse annunciando in tono più pacato: "Dottor G. K. Dudden, membro del Royal College of Psychiatry nonché fondatore, direttore e mente imprenditoriale della Dudden Clinic. Trentasei primavere compiute. Al vostro servizio."
GiulyAGiulyA added a quotation
00
"All'arrembaggio, fratelli della costa!" urlò a questo punto il dottor Dudden battendo il pugno sul tavolo con una violenza che fece saltare gli altri dalle sedie. Portava un cappello da pirata. "Issa il teschio e tibie, spiega la vela di maestra e governa la poppa! Quin-di-ci uo-mi-ni, quin-di-ci uo-mi-ni, More
GiulyAGiulyA added a quotation
00
... l'unica cosa che finora sei stato capace di scrivere si potrebbe appuntare sul retro di una busta, e ci resterebbe spazio per tutta la Dichiarazione d'Indipendenza!
GiulyAGiulyA added a quotation
00
... l'unica cosa che finora sei stato capace di scrivere si potrebbe appuntare sul retro di una busta, e ci resterebbe spazio per tutta la Dichiarazione d'Indipendenza!
GiulyAGiulyA added a quotation
01
...quando perdi qualcuno e questo qualcuno ti manca, tu soffri perché la persona assente si è trasformata in un essere immaginario: irreale. Ma il tuo desiderio di lei non è immaginario. Così è a quello che devi aggrapparti: al desiderio. Perché è reale.
GiulyAGiulyA added a quotation
01
...quando perdi qualcuno e questo qualcuno ti manca, tu soffri perché la persona assente si è trasformata in un essere immaginario: irreale. Ma il tuo desiderio di lei non è immaginario. Così è a quello che devi aggrapparti: al desiderio. Perché è reale.
GiulyAGiulyA added a quotation
00
Perché è il tipo di sogno che avrebbe potuto essere, proprio lui, il migliore che hai avuto in tutta la tua vita, solo che ti scivola via dalla mente nell'attimo stesso del risveglio, e pochi secondi dopo non ricordi più nulla.
GiulyAGiulyA added a quotation
00
Perché è il tipo di sogno che avrebbe potuto essere, proprio lui, il migliore che hai avuto in tutta la tua vita, solo che ti scivola via dalla mente nell'attimo stesso del risveglio, e pochi secondi dopo non ricordi più nulla.
GiulyAGiulyA added a quotation
00
"La poesia che ho fatto si chiama Buchi nel cielo", declamò in gran fretta. "Quando le stelle muoiono si trasformano in buchi neri. C'era un astrologo che guardava tre stelle nel cielo. Con il telescopio. C'era una stella piccola e due grandi. Una delle stelle grandi morì e si trasformò in un buco nero. Le altre due stelle si sentivano molto sole. Non c'erano più stelle per milioni e milioni di miglia. Solo aria nera e cielo vuoto. Mi dispiace per quelle due stelle tanto sole, disse l'astrologo. Ma era troppo lontano e non poteva fare niente. Così restarono là nel cielo, ed erano tristi, e anche se qualche volta luccicavano, tutta quell'oscurità e quel vuoto le spaventavano tantissimo".
GiulyAGiulyA added a quotation
00
"La poesia che ho fatto si chiama Buchi nel cielo", declamò in gran fretta. "Quando le stelle muoiono si trasformano in buchi neri. C'era un astrologo che guardava tre stelle nel cielo. Con il telescopio. C'era una stella piccola e due grandi. Una delle stelle grandi morì e si trasformò in un buco nero. More
GiulyAGiulyA added a quotation
00
I più vecchi e i più prossimi tra i vicini ricordavano ancora, quasi con incredulità, che un tempo era stata una residenza privata, la dimora di una famiglia di otto o nove membri appena. Ma vent'anni prima l'aveva acquistata la nuova università, e ora ospitava un paio di dozzine di studenti: una popolazione mobile e cangiante come l'oceano disteso ai suoi piedi e proteso nell'orizzonte, di un verde malsano e agitato da pena infinita.......
....La clinica poteva ospitare tredici pazienti: una popolazione mobile e cangiante come l'oceano disteso ai suoi piedi e proteso nell'orizzonte, di un verde malsano e agitato da pena infinita......
GiulyAGiulyA added a quotation
00
I più vecchi e i più prossimi tra i vicini ricordavano ancora, quasi con incredulità, che un tempo era stata una residenza privata, la dimora di una famiglia di otto o nove membri appena. Ma vent'anni prima l'aveva acquistata la nuova università, e ora ospitava un paio di dozzine di studenti: una popolazione More
Currer BellCurrer Bell added a quotation
02
" Io ti spio con l'occhiolino mio."
Currer BellCurrer Bell added a quotation
02
" Io ti spio con l'occhiolino mio."
Antonio Cat.Antonio Cat. added a quotation
00
“Sarebbe da stupidi, non credi, passare una vita intera a desiderare senza mai agire?” “Sono sicura che capita.” “Sì. Ne sono sicuro anch’io”.
Antonio Cat.Antonio Cat. added a quotation
00
“Sarebbe da stupidi, non credi, passare una vita intera a desiderare senza mai agire?” “Sono sicura che capita.” “Sì. Ne sono sicuro anch’io”.
Antonio Cat.Antonio Cat. added a quotation
00
Il giorno, se mai verrà, in cui ti venga dato un vero affetto, non vi sarà opposizione tra la solitudine interiore e l'amicizia, al contrario. Proprio da questo segno infallibile la riconoscerai...
Antonio Cat.Antonio Cat. added a quotation
00
Il giorno, se mai verrà, in cui ti venga dato un vero affetto, non vi sarà opposizione tra la solitudine interiore e l'amicizia, al contrario. Proprio da questo segno infallibile la riconoscerai...
Antonio Cat.Antonio Cat. added a quotation
00
“Riguardava la perdita: quando perdi qualcuno e questo qualcuno ti manca, tu soffri perché la persona assente s’è trasformata in un essere immaginario: irreale. Ma il tuo desiderio di lei non è immaginario. Così è a quello che devi aggrapparti: al desiderio. Perché è reale..

Antonio Cat.Antonio Cat. added a quotation
00
“Riguardava la perdita: quando perdi qualcuno e questo qualcuno ti manca, tu soffri perché la persona assente s’è trasformata in un essere immaginario: irreale. Ma il tuo desiderio di lei non è immaginario. Così è a quello che devi aggrapparti: al desiderio. Perché è reale..