La cavalcata selvaggia
by Carlo Grande
(*)(*)(*)(*)( )(16)
Un'avventura di umano coraggio all'interno di una cornice naturale eselvaggia. Il protagonista, Pribaz, è un pilota da guerra italiano fattoprigioniero dalle truppe britanniche durante la Seconda guerra mondiale edeportato in un campo di prigionia ai piedi dell'Himalaya. Costretto a farfronte alla durezza di un'esistenza che pare ormai senza scopo, giunto allostremo delle forze dopo un fallito tentativo di fuga, Pribaz rinnega ilfascismo e ottiene il permesso di compiere escursioni con i compagnidi prigionia. Compirà una lunga marcia verso il lago Tso Moriri attraverso unaterra popolata da pastori, orsi e carovane. Una marcia che sancirà il suoriscatto.

CR 55's Review

CR 55CR 55 wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)( )

Lettura più al maschile che al femminile, e un buon mix di storia, avventura e umanità. Liberamente ispirato a un fatto vero: i prigionieri italiani nel campo di Yol (in India), sei anni di vita vuota e noiosa arrabattandosi per trovare qualcosa da fare, nella totale inutilità, mentre nel mondo imperversa la Seconda Guerra con morti e distruzioni. Tra qualche tentativo di fuga andato male, lontani anni luce dalla realtà, dall'Italia e dalle loro famiglie, i prigionieri "dimenticati" ottengono il permesso di uscire dal campo anche per più giorni. È così che scaleranno per primi una cima dell'Himalaya che chiameranno Cima Italia. Belle le descrizioni dei paesaggi e toccante il ritratto del protagonista Pribaz, pilota fatto prigioniero in Egitto, che lascia una giovane moglie incinta (che non arriva a capire il senso della guerra). Un uomo chiuso e di poche parole, che non potrà conoscere il suo bambino e che troverà la "libertà" nello spettacolo delle montagne himalayane.