La morte di Ivan Il'ič
by Lev Nikolaevič Tolstoj
(*)(*)(*)(*)(*)(2,905)

All Quotations

57
IvanIvan added a quotation
00
Gli venne in mente ciò che fino ad allora gli era parsa una totale assurdità, quella di aver vissuto la vita in modo sbagliato. Vide che questa poteva essere la verità. Gli venne in mente che i suoi timidissimi tentativi di ribellione contro ciò che la gente dell'alta società considerava buono, tentativi appena abbozzati, ch'egli si era sempre affrettato a reprimere, potevano essere quelli autentici, e tutto il resto, errore. Il suo lavoro, il suo modo di vivere, la sua famiglia, i suoi interessi mondani e professionali, tutto poteva essere stato un errore. Cercò di difendere tutto ciò davanti a se stesso, ma improvvisamente sentì l'assoluta debolezza di quello che difendeva. Non c'era niente da difendere.
IvanIvan added a quotation
00
Gli venne in mente ciò che fino ad allora gli era parsa una totale assurdità, quella di aver vissuto la vita in modo sbagliato. Vide che questa poteva essere la verità. Gli venne in mente che i suoi timidissimi tentativi di ribellione contro ciò che la gente dell'alta società considerava buono, tent... More
MorganaMorgana added a quotation
00
Le sue sofferenze morali consistevano nel fatto che quella notte, guardando il viso assonnato, bonario, con gli zigomi larghi, di Gerasim, gli era venuto in mente, d'un tratto: ma guarda, forse davvero tutta la mia vita, la mia vita cosciente, è stata sbagliata.
Gli era venuto in mente che quello che prima gli sembrava impossibile: l'idea di non aver vissuto la propria vita come avrebbe dovuto, poteva essere la verità.
Gli erano venute in mente certe sue pretese di lotta, appena percepibili, contro quello che veniva considerato buono dalle persone altolocate, pretese appena accennate che lui aveva subito allontanato da sé; gli era venuto in mente che proprio quelle potevano essere giuste e tutto il resto poteva essere sbagliato. E il suo lavoro, il suo modo di stare al mondo e la sua famiglia e gli interessi sociali e professionali: tutto questo poteva essere sbagliato. Aveva tentato di difendere, di fronte a se stesso, queste cose. E d'un tratto aveva sentito tutta la debolezza di quello che difendeva. Non c'era niente da difendere.
MorganaMorgana added a quotation
00
Le sue sofferenze morali consistevano nel fatto che quella notte, guardando il viso assonnato, bonario, con gli zigomi larghi, di Gerasim, gli era venuto in mente, d'un tratto: ma guarda, forse davvero tutta la mia vita, la mia vita cosciente, è stata sbagliata.
Gli era venuto in mente che quello ch
... More
MorganaMorgana added a quotation
00
E quest'immagine della pietra che precipitava con velocità in costante aumento, gli si era impressa nell'animo. La vita, una serie di sofferenze accelerate, precipita sempre più velocemente verso la fine, verso la più terribile delle sofferenze.
MorganaMorgana added a quotation
00
E quest'immagine della pietra che precipitava con velocità in costante aumento, gli si era impressa nell'animo. La vita, una serie di sofferenze accelerate, precipita sempre più velocemente verso la fine, verso la più terribile delle sofferenze.
MorganaMorgana added a quotation
00
Non è possibile. Non è possibile che la vita sia stata così insensata, così repellente. E se era proprio così repellente e insensata, allora perché morire e morire soffrendo?
MorganaMorgana added a quotation
00
Non è possibile. Non è possibile che la vita sia stata così insensata, così repellente. E se era proprio così repellente e insensata, allora perché morire e morire soffrendo?
MorganaMorgana added a quotation
00
Ivan Il'ič vedeva che stava morendo, ed era in uno stato di permanente disperazione.
In fondo all'anima Ivan Il'ič sapeva che stava morendo, ma non solo non era abituato a una cosa del genere, proprio non la capiva, non riusciva in nessun modo a capirla.
Quell'esempio di sillogismo che aveva studiato nel manuale di logica del Kiesewetter: Caio è un uomo, gli uomini sono mortali, perciò Caio è mortale gli era sembrato, per tutta la vita, valido solo in rapporto a Caio e in nessun modo in rapporto a se stesso. Una cosa era l'uomo-Caio, l'uomo in generale, e in questo caso il sillogismo andava benissimo; ma lui non era né Caio, né l'uomo in generale, ma era sempre stato un essere molto, molto particolare, molto diverso da tutti gli altri esseri, era stato Vanja, con la mamma, col papà, con Mitja e Volodja, con i giochi, con il cocchiere, con la njanja; e poi con Katen'ka, con le gioie, gli entusiasmi dell'infanzia, dell'adolescenza, della giovinezza. Aveva mai sentito, Caio, l'odore del pallone di cuoio che al piccolo Vanja piaceva così tanto? Aveva mai baciato la mano alla mamma, Caio, e avevano mai frusciato così dolcemente, per Caio, le pieghe della seta del vestito della mamma? Aveva mai litigato, Caio, per le frittelle all'Istituto di giurisprudenza? E Caio era mai stato innamorato? E sapeva, Caio, presiedere un'udienza in tribunale?
Certo che Caio è mortale, lui è giusto che muoia, ma io, piccola Vanja, io, Ivan Il'ič, con tutti i miei sentimenti, i miei pensieri, io sono un'altra cosa. Non è possibile che mi tocchi morire. Sarebbe troppo orribile.
MorganaMorgana added a quotation
00
Ivan Il'ič vedeva che stava morendo, ed era in uno stato di permanente disperazione.
In fondo all'anima Ivan Il'ič sapeva che stava morendo, ma non solo non era abituato a una cosa del genere, proprio non la capiva, non riusciva in nessun modo a capirla.
Quell'esempio di sillogismo che aveva studiat
... More
MorganaMorgana added a quotation
00
E dava la colpa di tutto a Praskov'ja Fëdorovna. Lei, all'inizio, gli rispondeva di malagrazia, ma poi, un paio di volte, al momento di cominciare a mangiare, a Ivan Il'ič era venuta una rabbia tale che la moglie aveva capito che si trattava di uno stato morboso, legato al cibo, e si era calmata; da quella volta, non aveva ribattuto più niente, mangiava solo più in fretta. Questa sua rassegnazione, Praskov'ja Fëdorovna la considerava un grande merito.
MorganaMorgana added a quotation
00
E dava la colpa di tutto a Praskov'ja Fëdorovna. Lei, all'inizio, gli rispondeva di malagrazia, ma poi, un paio di volte, al momento di cominciare a mangiare, a Ivan Il'ič era venuta una rabbia tale che la moglie aveva capito che si trattava di uno stato morboso, legato al cibo, e si era calmata; da... More
MorganaMorgana added a quotation
00
Non bisognava permettere nessun rapporto con le persone, ad eccezione di quelli d'ufficio, e il motivo dei rapporti doveva essere solo un motivo d'ufficio e rapporti stessi dovevano essere solo d'ufficio.
MorganaMorgana added a quotation
00
Non bisognava permettere nessun rapporto con le persone, ad eccezione di quelli d'ufficio, e il motivo dei rapporti doveva essere solo un motivo d'ufficio e rapporti stessi dovevano essere solo d'ufficio.
MorganaMorgana added a quotation
00
L'estate di quell'anno, per alleggerire la situazione finanziaria, aveva chiesto un congedo ed era andato a passare l'estate con la moglie in campagna, ospite del fratello della moglie.
In campagna, senza impiego, Ivan Il'ič per la prima volta aveva conosciuto non solo la noia, ma un'insopportabile angoscia.
MorganaMorgana added a quotation
00
L'estate di quell'anno, per alleggerire la situazione finanziaria, aveva chiesto un congedo ed era andato a passare l'estate con la moglie in campagna, ospite del fratello della moglie.
In campagna, senza impiego, Ivan Il'ič per la prima volta aveva conosciuto non solo la noia, ma un'insopportabile
... More
MorganaMorgana added a quotation
00
Nel mondo impiegatizio si concentrava per lui tutto l'interesse della vita. E questo interesse lo aveva inghiottito. La coscienza del proprio potere, la possibilità di rovinare chiunque avesse voluto rovinare, la solennità, anche esteriore, che lo avvolgeva quando entrava in tribunale o incontrava i suoi dipendenti, i suoi successi con i superiori e gli inferiori e, soprattutto, la sua abilità nel condurre i casi a lui affidati, erano tutte cose che lo rallegravano e che, insieme alle chiacchiere con i conoscenti e alle partite a carte, gli riempivano la vita. Di modo che la vita di Ivan Il'ič continuava a trascorrere così come egli riteneva che dovesse trascorrere: in modo piacevole e decoroso.
MorganaMorgana added a quotation
00
Nel mondo impiegatizio si concentrava per lui tutto l'interesse della vita. E questo interesse lo aveva inghiottito. La coscienza del proprio potere, la possibilità di rovinare chiunque avesse voluto rovinare, la solennità, anche esteriore, che lo avvolgeva quando entrava in tribunale o incontrava i... More
MorganaMorgana added a quotation
00
Il suo impiego era l'unica cosa che s'imponeva a Praskov'ja Fëdorovna e Ivan Il'ič, attraverso l'impiego e gli impegni che ne derivavano, aveva cominciato a lottare con la moglie, segnando i confini di un proprio mondo indipendente.
Con la nascita del bambino, i tentativi di allattamento e i vari insuccessi in proposito con le malattie reali e immaginare di bambino e madre, a proposito delle quali si chiedeva la partecipazione di Ivan Il'ič, ma delle quali lui non capiva niente, la necessità, per Ivan Il'ič di costruire un proprio mondo al di fuori della famiglia era diventata ancora più urgente.
Man mano che la moglie si faceva più irritabile e esigente, Ivan Il'ič spostava sempre di più il centro di gravità della propria vita verso l'impiego. Il suo impiego aveva cominciato a piacergli di più ed era diventato più ambizioso di prima.
Molto presto, non più tardi di un anno dopo il matrimonio, Ivan Il'ič aveva capito che la vita coniugale, che, per certi versi, poteva essere anche comoda, in realtà era una faccenda molto complessa e gravosa, in rapporto alla quale, per adempiere ai propri doveri, cioè per fare una vita decorosa, approvata dalla società, bisognava avere un atteggiamento preciso, come sul lavoro.
E un atteggiamento rispetto alla vita coniugale, Ivan Il'ič ce l'aveva. Chiedeva alla vita coniugale solo quelle comodità, i pranzi familiari, l'economia domestica, il letto, che poteva dargli e, soprattutto, quel rispetto delle forme esteriori determinate dall'opinione pubblica. Per il resto, cercava cose allegre, piacevoli e, se le trovava, era molto riconoscente, se trovava invece resistente e brontolii, si rifugiava, subito, nel mondo separato del proprio impiego e trovava, in esso soddisfazione.
Ivan Il'ič era apprezzato come buon funzionario e dopo tre anni era stato promosso sostituto procuratore. I nuovi compiti, la loro importanza, la possibilità di rinviare a giudizio e di mandare in galera chiunque, la pubblicità dei discorsi e i successi che, in quel campo, Ivan Il'ič otteneva, contribuivano ad attirarlo ancora di più verso il lavoro.
MorganaMorgana added a quotation
00
Il suo impiego era l'unica cosa che s'imponeva a Praskov'ja Fëdorovna e Ivan Il'ič, attraverso l'impiego e gli impegni che ne derivavano, aveva cominciato a lottare con la moglie, segnando i confini di un proprio mondo indipendente.
Con la nascita del bambino, i tentativi di allattamento e i vari in
... More