La papessa
by Donna Woolfolk Cross
(*)(*)(*)(*)(*)(1,018)
Giovanna nasce nell'anno del Signore 814, in un'epoca in cui le donne sono considerate empie, inferiori e indegne di essere istruite. Lei ha invece un forte desiderio di sapere, che cerca di soddisfare di nascosto con l'aiuto del maestro Esculapio. Divisa tra l'amore impossibile per un uomo e quello altrettanto impossibile per i libri, Giovanna sceglierà questa seconda via. Donna coraggiosa che cerca a tutti i costi di superare i limiti che il suo tempo le impone, è costretta a fuggire. Assume l'identità di suo fratello Giovanni, morto durante un'incursione vichinga, e si nasconde per dodici anni in un monastero benedettino, finalmente libera di leggere, studiare e capire i segreti delle arti e della scienza. Guadagnandosi grazie a questo inganno e alla devozione la fama di un grande e saggio erudito, e avanzando a grandi, incredibili passi nella gerarchia religiosa, Giovanna giungerà a Roma e infine diverrà papa, rinunciando in quel momento e per sempre al suo amore ritrovato, Gerardo. La papessa verrà poi, suo malgrado smascherata pubblicamente e tragicamente durante la solenne processione di Pasqua. I suoi successori faranno di tutto per cancellarla dai registri pontifici e la storia la dimenticherà. In bilico tra verità e leggenda, Giovanna resta tra i personaggi più controversi e affascinanti di tutti i tempi.

All Reviews

180 + 25 in other languages
LuisaLuisa wrote a review
12
(*)(*)(*)( )( )
FABULA
E’ possibile che una donna possa vivere travestita da uomo, insieme a uomini tutto il giorno per anni e anni e non essere scoperta? Me lo chiedo ogni volta che leggo una storia su questo tema.
L’autrice stessa ricorda varie donne “reali” che hanno vissuto così. E allora accetto, senza pormi troppe domande, questa storia che è molto accattivante e coinvolgente. L’ambientazione (da 820 a 857 d.C.) frutto di approfondite ricerche è così ben descritta che fa trasparire in maniera forte come vivevano le donne, come venivano considerate e come solo con una forza di volontà estrema e con impensabili stratagemmi, potevano tentare di vivere fuori dagli schemi. La papessa è una di queste donne.
Sarà veramente esistita? Se ne trovano accenni in scritti di prima del 1500 ma dopo il Concilio di Trento tutto scompare e cala un silenzio totale. Giovanni VIII scompare anche dagli elenchi ufficiali dei Papi. Erano secoli “bui” come ci raccontano gli storici nei quali la Chiesa con i suoi ministri aveva tra le mani il sapere, la scienza e il potere.
E' una storia inverosimile ma ben delineata, è realistica la parte storica mentre la vita di Giovanna è un intrigante romanzo.
Concludo riportando quanto scrive Pietro Ratto nel suo libro “Le pagine strappare” relativamente a Giovanna : “Ci fu un giorno una bella fanciulla assetata di vita e di sapere. Era nata nel tempo sbagliato, in un'era che vietava alle donne di studiare e viaggiare, di conoscere il mondo....... Celò astutamente la sua femminilità. Per sembrare un uomo, libero, dal futuro radioso. Per viaggiare e imparare le cose del mondo. Così la sua scienza crebbe, ogni giorno di più. … Ma pagò con la vita, con l'eterno e impietoso suo oblio, la sua voglia di vivere. Era nata in un tempo sbagliato.”



LagingerLaginger wrote a review
02
(*)(*)(*)(*)( )
RaflesiaRaflesia wrote a review
08
(*)(*)(*)(*)( )
“Un bocciolo di rosa cresce nell’oscurità. Non sa nulla del sole, eppure preme contro l’oscurità che lo imprigiona finché essa cede e la rosa sboccia, aprendo i petali alla luce.”
Anno 814.
In un’epoca da tutti considerata oscura in un povero villaggio nasce una bambina a cui viene dato il nome di Giovanna.
La piccola dimostra fin dai suoi primissimi anni di vita di possedere un’intelligenza fuori dal comune e una smodata passione per la cultura.
Vive però in un’epoca in cui le donne vengono considerate esseri inferiori, empie, indegne di essere istruite e proprietà prima dei padri e poi dei rispettivi consorti, relegate solo a ruoli di sottomissione e schiavitù.
Giovanna trova un aiuto prima in suo fratello maggiore Matteo che le insegna a leggere e a scrivere, poi nel suo maestro Esculapio, talmente colpito dalla perspicacia della fanciulla da costringere il restio padre a iscrivere anche lei, insieme al fratello Giovanni, alla Schola Palatina.
Purtroppo suo fratello Giovanni muore a causa di un’incursione dei Vichinghi e Giovanna, per sottrarsi alla furia del nemico che la vorrebbe possedere come schiava, si traveste e assume le sembianze del suo defunto fratello.
Dietro mentite spoglie giunge a Roma dove grazie alle sue capacità diventa il medico e consigliere personale di Papa Leone IV.
Alla sua morte, avvenuta per avvelenamento da parte dei suoi nemici e proprio mentre ha deciso di ritornare alle sue vesti femminili per amore di un uomo, Giovanna scopre di essere stata eletta pontefice.
La figura leggendaria della papessa Giovanna da sempre affascina milioni di storici in tutto il mondo. La Cross prende spunto da questa leggenda per imbastire un romanzo affascinante, con una struttura storica pressoché perfetta, una trama che cattura fin dalle primissime pagine e che descrive al massimo quella che era considerata la condizione umana, in particolar modo quella femminile.
La figura di Giovanna colpisce molto, un personaggio forte, un’eroina del sapere che cerca di emanciparsi in un mondo in cui l’essere donna significa essere al di sotto anche di un animale.
Alla fine saranno l’amore e la sua femminilità a tradirla ma il suo ricordo rimarrà indelebile per sempre.
Un libro che si legge tutto d’un fiato, avvincente ed emozionante. E’ uno dei libri storici più belli che abbia letto fino a questo momento. Consiglio anche la visione dell’ottimo film di Sonke Wortman.
CaRoCaRo wrote a review
02
(*)(*)(*)(*)( )
M.G.M.G. wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )