La paziente silenziosa
by Alex Michaelides
(*)(*)(*)(*)( )(416)
Uno psicologo criminale cerca testardamente di violare l’ostinato mutismo in cui si è rifugiata da tempo una donna accusata di aver violentemente ucciso il marito ma si ritrova coinvolto in un gioco in cui le apparenze paiono esistere solo per essere puntualmente ribaltate dalla realtà.

All Reviews

56 + 8 in other languages
bussolabussola wrote a review
00
Adrenalinico
LA PAZIENTE SILENZIOSA - Alex Michaelides.
Alicia Berenson è una pittrice di successo, ha una bella casa, ama riamata suo marito Gabriel famoso
fotografo di moda e vive in una zona lussuosa di Londra. Un giorno la polizia, chiamata dai vicini, la trova
con una pistola in mano vicino a suo marito morto, legato ad una sedia e con il volto distrutto da 5 colpi di
pistola. Le prove ci sono, l'arma del delitto pure per cui il caso è praticamente chiuso da subito, i media si
scatenano e Alicia finisce in un ospedale psichiatrico dove per 6 anni, si chiude in un mutismo assoluto
senza che nessuno riesca in qualche modo a sentire la sua versione dei fatti. Alicia non parla più e non tenta
neanche di difendersi. Ad alimentare un minimo di curiosità resta solo un dipinto misterioso, l'ultimo da lei dipinto intitolato Alcesti, che riproduce una donna nuda (la stessa Alicia) con un pennello sporco di rosso
che potrebbe essere sangue. Il silenzio di Alicia fa si che l'interesse mediatico vada via via spegnendosi fino
a quando arriva presso l'ospedale uno psicologo le cui intenzioni sono quelle di far parlare Alicia, di
"rompere" il silenzio in cui si è rifugiata perché il silenzio può essere tutto e niente, può significare ammissione di colpa ma anche arrendersi al pensiero comune.
Thriller incalzante e adrenalinico porta il lettore a divorare pagina dopo pagina senza riuscire a fermarsi e lo trascina in un vortice di emozioni contrastanti e all'esplorazione della parte più oscura della mente umana. C'è qualcosa che non mi convince ma non posso dirlo per il rischio spoiler!
Comunque lo consiglio perché è un racconto avvincente e originale e come prima lettura dell'anno non
potevo scegliere di meglio!
Grazie a chi me l'ha regalato, e per chi scegliesse di leggerlo, buona lettura❤
Adestefano567Adestefano567 wrote a review
24
(*)(*)(*)(*)( )
Alicia Berenson, famosa pittrice di successo, accusata dell' efferato omicidio del marito viene internata e cade immediatamente in un silenzio ostinato decidendo, quindi, di non difendersi al suo stesso processo.  A voler aiutare Alice - è lo psicologo Theo Faber che lascia il suo lavoro per entrare nell'equipe del Grove Hospital dove è ricoverata la donna ed iniziare la sua missione per riportare Alice alla luce, per ridarle finalmente quella voce che tutti credono oramai perduta. Il rapporto che si crea fra Theo, giovane psicologo idealista, e la silenziosa Alicia appare come un salto nel buio, non vi è alcuna certezza che da queste sedute potrebbe emergere qualcosa e, non vi sarà alcuna garanzia sulla fondatezza di ciò che eventualmente si potrebbe scoprire. Questo rapporto diventerà un gioco affascinante e spietato in clinica e, anche pericoloso all’esterno dato che il dottore inizierà una sua personale indagine su ciò che avvenne la notte in cui la sua paziente uccise in modo così spietato suo marito. Le vicende narrate si suddividono in tre parti , una all’interno del manicomio criminale dove Faber lavora per “salvare” Alicia, una riguarda la vita privata di Faber, soprattutto quella sentimentale e l’ultima fa riferimento alle pagine di diario scritte da Alicia prima dell’omicidio. Il diario ci fa capire molto di lei, ci permette di conoscerla come persona e di conoscere il rapporto con il marito. Da lì si intuisce che Alicia è una donna fragile, che forse vive un disagio ma non si capisce quanto sia profondo. Solo in seguito ne verremo a conoscenza. Di Faber conosciamo la sua vita sentimentale, il rapporto con la moglie e quello con la sua psicoterapeuta.
Il romanzo ha una lettura scorrevole ed é coinvolgente. Il personaggio di Alicia è ben strutturato e dona al lettore quel pizzico di mistero che tanto ci piace scovare in romanzi del genere.
Il racconto è davvero interessante anche dal punto di vista psicologico. Il finale è spiazzante da non crederci. Consigliato.
Il quadro era un autoritratto. Mise il titolo nell’angolo in basso a sinistra della tela, a lettere greche celesti. Una sola parola: ALCESTI. Alcesti è l’eroina di un mito greco. Una storia d’amore tra le più tristi. Alcesti sacrifica spontaneamente la vita per il marito Admeto, morendo al suo posto quando nessun altro è disposto a farlo.”
RobertabelliniRobertabellini wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
flennyflenny wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )