La storia di San Michele
by Axel Munthe
(*)(*)(*)(*)( )(248)

All Reviews

41 + 3 in other languages
Lamicianera🐱Lamicianera🐱 wrote a review
413
(*)(*)(*)(*)( )
CI SONO SOGNI CHE NON E' PERMESSO REALIZZARE!!!!
Per riuscire a comprendere questo affascinante libro, che non è un romanzo storico, non è un memoire, non è un trattato di archeologia, ma è tutto questo e anche molto di più, occorre avvicinarsi all’altrettanto affascinante figura del medico svedese Axel Munthe, un personaggio divenuto leggendario tanto nel mondo della medicina quanto della letteratura. Nato nel 1857, laureatosi a Parigi e allievo di Charcot, la sua personalità trasmette ai pazienti un eccezionale carisma, ed il suo carattere lo porta ad offrire il proprio aiuto a chiunque, senza distinzioni, dai reali di Svezia agli artisti scandinavi di passaggio in Francia.
Giunto ad Anacapri in seguito alle epidemie che sconvolgono la regione di Napoli, vi si stabilisce definitivamente come medico condotto, e viene immediatamente attratto dalle rovine della cappella medievale di San Michele, attorniata da un vasto vigneto. L’antica cappella e il giardino, con l’emozionante sfondo del mare che circonda Capri, diverrà la dimora dell’anima di Axel Munthe, per tutta la sua vita.
, Axel Munthe trascorrerà molti anni della sua vita costruendo, sulle rovine della cappella di San Michele, la villa che avrebbe dovuto dar forma ai suoi sogni. E scoprendo, nel corso dei lavori, che il luogo nasconde gli antichi resti di una magnifica dimora romana.
Racchiuderà tra le mura di questa villa sospesa tra l’azzurro del mare e del cielo, tutta la sua storia, i suoi sentimenti, quelle emozionanti rivelazioni a cui il progetto di San Michele diede vita.
Giorno dopo giorno, egli segue personalmente il progredire della costruzione, ma non riuscirà mai a vederla completata, a causa di una malattia che lo porterà alla perdita della vista e ad essere costretto infine a ritornare a Stoccolma, decide di scrivere La storia di San Michele dietro suggerimento dell’amico Henry James, per vincere l’angoscia della malattia
La sua opera letteraria è anche la storia di un’epoca dura, sofferta e contrastata, della rovina e della rinascita portate dalla guerra in tutta l’Europa, raccontata in un libro che diviene, pagina dopo pagina, un continuo e poetico intrecciarsi di esistenze e di eventi, rivissuti in quel rifugio “aperto al sole, al vento e alla luce del mare”.
Nel suo romanzo di vita Munthe mise pensieri, profondità di animo, pettegolezzi divertenti, avventure galanti e delicate, malizie, generosità e soprattutto l’amore per la solarità vasta e misteriosa di Anacapri.




00
Art2Art2 wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
MichelleMichelle wrote a review
01
(*)(*)(*)( )( )
Più presto ci rendiamo conto che il nostro destino è in noi stessi e non nelle stelle, meglio è per noi. Soltanto in noi stessi potremo trovare la felicità. E' tempo perso attenderla dagli altri, siano essi uomini o donne. Da soli dobbiamo combattere le nostre battaglie e colpire più forte possibile, combattenti nati come siamo. La pace verrà un giorno per tutti, pace senza disonore, anche per il vinto se ha cercato di resistere più che ha potuto.

Il libro preferito della mia mamma che lo lesse da ragazzina.
E' l'autobiografia romanzata, attraversata da una deliziosa vena autoironica molto nordica, di Axel Munthe, un personaggio splendido che dimostra, se mai ce ne fosse il bisogno, che un buon medico è prima di ogni altra cosa un buon psicologo.
Lo si può leggere come un romanzo d'avventura, come una ricostruzione storica a cavallo tra '800 e '900 tra Parigi, Roma e Capri, il colera a Napoli ed il terremoto di Messina, come il racconto della nascita della psichiatria, come storia della villa San Michele ad Anacapri, comunque lo si legga il filo conduttore è una costante curiosità nei confronti dell'umanità nel senso più ampio del termine e della morte analizzata dalla posizione privilegiata di medico.

Cose nuove che ho imparato grazie a questo libro:
- La respirazione Cheyne-Stokes
- Aneroide
- chi era Jean-Martin Charcot (
it.wikipedia.org/wiki/Jean-Martin_Charcot)
- congregazione delle Piccole Sorelle dei Poveri

Abbinamento filmico giocoso: Hysteria
Piacevole film sulla nascita del vibratore