La Torre Nera
by Stephen King
(*)(*)(*)(*)(*)(2,508)

All Quotations

70
Account deletedAccount deleted added a quotation
00
Aveva contemplato la sigaretta tenendosela all'altezza degli occhi, un piccolo missile bianco da cui il fumo scaturiva dalla cima invece che dalla coda. Sotto il filtro c'era scritto CAMEL. «Avevo giurato a me stesso che non lo avrei mai fatto», aveva confessato a Dinky. «Mai in vita mia. Ed eccomi qui con una sigaretta in mano.» Aveva riso. Era stata una risata amara, una risata da adulto, e sentirla vibrare nel fumo che gli usciva dalla bocca gli aveva provocato un brivido.
«Prima di venire qui lavoravo per un tizio», aveva detto Dinky. «Sharpton, così si chiamava. Mi diceva sempre che la parola mai è quella a cui tende l'orecchio Dio quando ha voglia di farsi una risata.»
Account deletedAccount deleted added a quotation
00
Aveva contemplato la sigaretta tenendosela all'altezza degli occhi, un piccolo missile bianco da cui il fumo scaturiva dalla cima invece che dalla coda. Sotto il filtro c'era scritto CAMEL. «Avevo giurato a me stesso che non lo avrei mai fatto», aveva confessato a Dinky. «Mai in vita mia. Ed eccomi ... More
Pucci58Pucci58 added a quotation
00
Quante cose hai fatto e quante ancora avresti fatto, aye, e tutto senza controllo o scrupolo e così il mondo sarebbe finito, credo, vittima dell'amore più che dell'odio, perché l'amore è da sempre la più distruttiva delle armi. (Mia)
Pucci58Pucci58 added a quotation
00
Quante cose hai fatto e quante ancora avresti fatto, aye, e tutto senza controllo o scrupolo e così il mondo sarebbe finito, credo, vittima dell'amore più che dell'odio, perché l'amore è da sempre la più distruttiva delle armi. (Mia)
Pucci58Pucci58 added a quotation
00
Coloro che non imparano dal passato sono condannati a ripeterlo.
Pucci58Pucci58 added a quotation
00
Coloro che non imparano dal passato sono condannati a ripeterlo.
Pucci58Pucci58 added a quotation
00
"Che Dio mi conceda la serenità di accettare ciò che non posso cambiare, la tenacia di cambiare ciò che posso e la fortuna di non fare troppe cazzate".
Pucci58Pucci58 added a quotation
00
"Che Dio mi conceda la serenità di accettare ciò che non posso cambiare, la tenacia di cambiare ciò che posso e la fortuna di non fare troppe cazzate".
GalionsGalions added a quotation
02
...la parola 'mai' è quella a cui Dio tende l'orecchio quando ha voglia di farsi una risata...
(Stephen King 'La Torre Nera')
GalionsGalions added a quotation
02
...la parola 'mai' è quella a cui Dio tende l'orecchio quando ha voglia di farsi una risata...
(Stephen King 'La Torre Nera')
Ale DelGiuAle DelGiu added a quotation
00
Dunque, mio caro Fedele Lettore, questo ti dico: puoi fermarti qui. [...]
Se dovessi andare avanti, resteresti senz'altro deluso, forse ne avresti addirittura il cuore spezzato. Mi resta una chiave appesa alla cintura, ma la sola porta che può aprire è l'ultima [...]. Quello che c'è dietro non migliorerà la tua vita amorosa, non ti farà ricrescere i capelli sulla piazza, non allungherà di cinque anni la tua aspettativa di vita naturale (nemmeno di cinque minuti). Quella cosa che chiamiamo lieto fine non esiste. Non ne ho mai trovato uno che fosse alla pari di
Ale DelGiuAle DelGiu added a quotation
00
Dunque, mio caro Fedele Lettore, questo ti dico: puoi fermarti qui. [...]
Se dovessi andare avanti, resteresti senz'altro deluso, forse ne avresti addirittura il cuore spezzato. Mi resta una chiave appesa alla cintura, ma la sola porta che può aprire è l'ultima [...]. Quello che c'è dietro non migl
... More
Ale DelGiuAle DelGiu added a quotation
00
"Voi siete i draconiani paladini del risultato finale che rifiutano di credere che la gioia stia nel viaggio e non nella destinazione e poco vi importa quante volte abbiate avuto riprova del contrario. Siete gli sfortunati che si ostinano a vedere l'essenza del fare l'amore nel misero spruzzetto che giunge alla fine dell'amore fatto."
Ale DelGiuAle DelGiu added a quotation
00
"Voi siete i draconiani paladini del risultato finale che rifiutano di credere che la gioia stia nel viaggio e non nella destinazione e poco vi importa quante volte abbiate avuto riprova del contrario. Siete gli sfortunati che si ostinano a vedere l'essenza del fare l'amore nel misero spruzzetto che... More
Giuly82Giuly82 added a quotation
10
"Allora risuonò stridula una risata che fece vibrare i denti a Roland. Accanto a lui Patrick si tappò le orecchie. La follia in quel riso era quasi insostenibile".
Giuly82Giuly82 added a quotation
10
"Allora risuonò stridula una risata che fece vibrare i denti a Roland. Accanto a lui Patrick si tappò le orecchie. La follia in quel riso era quasi insostenibile".
Giuly82Giuly82 added a quotation
00
"<<Oh no!>> urlò. <<Ti prego,non di nuovo! Abbi pietà! Abbi misericordia!>>.
Le mani lo trascinarono in avanti senza ascoltarlo. Le mani della Torre non conoscevano pietà.
Erano le mani di Gan, le mani del Ka, e non conoscevano la pietà.
Sentì odore alcalino, salata come lacrime. Il deserto oltre la porta era bianco; accecante;arido; amorfo salvo che per l'abbozzo labile e nebuloso delle montagne all'orizzonte. L'odore sotto quello dell'alcale, era l'odore dell'erba diavola che portava dolci sogni, incubi, morte.
Ma non per te pistolero. Ma per te. Tu traspari. Tu sfumi. Devo essere brutalmente franco? Tu vai avanti. E ogni volta dimentichi l'ultima volta. Per te ogni volta è la prima volta.
Compì un ultimo sforzo per ritirarsi: inutile, il Ka era troppo forte.
Roland di Gilead varcò la soglia dell'ultima porta, quella che aveva sempre cercato, quella che aveva sempre trovato. Si chiuse dolcemente dietro di lui".
Giuly82Giuly82 added a quotation
00
"<<Oh no!>> urlò. <<Ti prego,non di nuovo! Abbi pietà! Abbi misericordia!>>.
Le mani lo trascinarono in avanti senza ascoltarlo. Le mani della Torre non conoscevano pietà.
Erano le mani di Gan, le mani del Ka, e non conoscevano la pietà.
Sentì odore alcalino, salata come lacr
... More
Giuly82Giuly82 added a quotation
00
"Si, e c'era la luce del sole, luce Commala dentro i suoi occhi e ad attenderlo. Era calda e inclemente sulla pelle. Il suono del vento era forte e anche quel suono era inclemente. Spietato. Roland guardò la rampa di scale che aveva davanti; ora le sue spalle sarebbero certamente toccato le pareti, perché il passaggio era più angusto di una bara. Ancora diciannove scalini, poi la stanza in cime alla Torre Nera sarebbe stata sua".
Giuly82Giuly82 added a quotation
00
"Si, e c'era la luce del sole, luce Commala dentro i suoi occhi e ad attenderlo. Era calda e inclemente sulla pelle. Il suono del vento era forte e anche quel suono era inclemente. Spietato. Roland guardò la rampa di scale che aveva davanti; ora le sue spalle sarebbero certamente toccato le pareti, ... More