Le tre stimmate di Palmer Eldritch
by Philip K. Dick
(*)(*)(*)(*)(*)(1,673)

All Reviews

190 + 22 in other languages
AmetistoAmetisto wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
WisconsinWisconsin wrote a review
13
(*)(*)(*)(*)(*)
Perché il libro è aperto da una introduzione di Carlo Pagetti assolutamente incomprensibile a chi non ha ancora letto il romanzo, ma che comunque ne racconta il finale? La postfazione di Giuseppe di Costanzo è altrettanto valida (non sono ironico, sono davvero interessanti entrambe) e ancora più entusiasta ("uno dei massimi romanzi del 900"), forse fin troppo, perchè sulle ali dell'entusiasmo ci si può lasciare andare a frasi come "in STIMMATE la verità del circolo ermeneutico schleiermacheriano è ribadita": ma cosa vuol dire? per favore, diamo per scontato che il lettore sia ignorante e che vada accompagnato per gradi: se invece - buon per voi! - non siete ignoranti, anzi, sapete muovervi agilmente tra questi concetti, scommetto che sarete anche abbastanza abili da individuare e saltare i convenevoli e gustarvi comunque il nocciolo dell'esegesi.
Insomma, l'apparato critico è di alto livello, ma non lo trovo adeguato al contesto.
Poi c'è il romanzo.
La prima metà onestamente mi ha annoiato, anche perché oltre alla fatica di capire il senso di una storia che via via diventa sempre più sfuggente e ubiqua si aggiunge la fatica di ricostruire l'ambientazione, nella quale siamo catapultati senza troppi convenevoli. Veniamo avvisati del sorgere di una competizione senza quartiere tra due colossi dello spaccio di droga. Va beh, nulla che mi appassioni davvero.
A un certo punto però emerge la vera natura del romanzo, che è assolutamente filosofico, e la storia si apre a un gran numero di possibili interpretazioni (a un certo punto Dick fa dire a uno dei protagonisti che "se" è la parola) tutte vere e forse tutte inconsistenti, come fossero fatte di fumo... In questo spazio narrativo ci si può perdere: è sterminato. Il libro è sbalorditivo, merita di essere letto e studiato.
SUN50SUN50 wrote a review
533
(*)(*)(*)(*)(*)
What does it mean to be a God? (con TRADUZIONE)
This sci-fi novel takes place in a future in which near colonization (e.g. the moon and Mars) has taken place, and life is so dismal that much of the population (especially on the colonies) take a drug that allows them to partake of a communal hallucination of a more idyllic life. This substance is called CAN-D, and – like many drugs – is largely illegal but widely available. But the CAN-D business is about to be turned upside-down, because the tycoon Palmer Eldritch is returning from the Prox System with a new drug based on a lichen that is indigenous to that solar system, a drug called CHEW-Z. CHEW-Z, it is claimed, is better in every way, but it has two readily apparent advantages: it’s cheap, and it’s not yet illegal.
The book has shifting perspectives and isn’t focused upon a single central character through its entirety, but the lead character is Barney Mayerson. (If you’re wondering why the titular character, Eldritch, isn’t the lead, it’s because the mystery of him is crucial to the intrigue of the story. Throughout most of the story, Eldritch is more of a legend than a character, and the reader is presented with the question of whether the Eldritch coming back from Prox is the same one who left for it.) Mayerson is in the employ of the firm that runs the layouts central to the CAN-D trade.
He has powers of precognition and his job is predicting whether potential products will sell or not so that the corporate powers-that-be can decide whether to invest in them. But two problems loom over his head. First, his number has been called in a draft to force him to move to Mars, away from his prestigious New York life. Second, his position is going to put him right at the center of the battle between CAN-D and CHEW-Z.

The book explores topics of religion and mystic experience. Mayerson, like most of the population, is secular and has little inclination toward religiosity. For many, CAN-D is a sort of pseudo-religion, or at least it frees them from their egos and helps the feel empowered in a way many seek through religious practice. One of Mayerson’s love interests (he has three over the course of the book, but this is the one he meets when he moves to Mars) is a hardcore Christian (by the standards of the day.) The interaction of these two characters brings the philosophical / religious component to the fore.

Much of the story plays out a product war between CAN-D and CHEW-Z, but, in the latter chapters, as the story plays out in large part in the minds of individuals on CHEW-Z, one starts to reflect upon just what CHEW-Z really is. And that reflection leads one into some profound questions such as: What is the nature of consciousness? What does it mean to be a god?

I enjoyed this book and I believe this is Dick's best work anyhow. As usual, his writing style is nothing epic - however the content and ideas he writes about, are deep and intriguing. He takes on religion and the sense of self in this book, in a unique and fantastic way.
Recommended.

TRADUZIONE


Questo romanzo fantascientifico si svolge in un futuro in cui la colonizzazione è avvenuta (ad esempio la Luna e Marte) e la vita è così triste che gran parte della popolazione (soprattutto nelle colonie) assume un farmaco che permette loro di partecipare ad un’allucinazione comune di una vita più idilliaca. Questa sostanza si chiama CAN-D e – come molte droghe – è in gran parte illegale ma ampiamente reperibile. Il magnate Palmer Eldritch sta tornando dal sistema Prox con un nuovo farmaco basato su un lichene, originario di quel sistema solare, un farmaco chiamato CHEW-Z che si dice, sia migliore sotto ogni aspetto, ma ha due vantaggi evidenti: costa poco e non e' ancora illegale. Il libro ha prospettive mutevoli e non si concentra su un singolo personaggio centrale nella sua interezza, ma il protagonista è Barney Mayerson. ( Se ti stai chiedendo perché il personaggio principale, Eldritch, non sia il protagonista, è perché il suo mistero è fondamentale per l’intreccio della storia. Durante la maggior parte della storia, Eldritch è più una leggenda che un personaggio, e al lettore si presenta la domanda se l’Eldritch di ritorno da Prox sia lo stesso che lo ha lasciato per esso. ) Mayerson lavora per la ditta che gestisce il commercio della CAN-D.
Ha poteri di precognizione e il suo lavoro consiste nel prevedere se i potenziali prodotti si venderanno o meno, in modo che i poteri aziendali possano decidere se investire in essi. Ma due problemi incombono sulla sua testa. In primo luogo, il suo numero è stato chiamato in una coscrizione per forzarlo a trasferirsi su Marte, lontano dalla sua prestigiosa vita newyorkese. In secondo luogo, la sua posizione lo metterà proprio al centro della battaglia tra CAN-D e CHEW-Z.
Il libro esplora argomenti religiosi e di esperienza mistica. Mayerson, come la maggior parte della popolazione, è laica e ha poca inclinazione verso la religiosità. Per molti, il CAN-D è una sorta di pseudo-religione, o almeno li libera dal loro ego e aiuta il senso di potere che molti cercano attraverso la pratica religiosa. Uno degli interessi amorosi di Mayerson (ne ha tre nel corso del libro, ma questo è quello che incontra quando si trasferisce su Marte) è una cristiana hardcore (secondo gli standard del giorno. ) L’interazione di questi due personaggi porta in primo piano la componente filosofico/religiosa.
Gran parte della storia tratta della una guerra commerciale fra i due farmaci CAN-D e CHEW-Z, ma, negli ultimi capitoli, mentre la storia si svolge in gran parte nella mente degli individui su CHEW-Z, si comincia a riflettere su cosa questo sia veramente e questa riflessione porta ad alcune domande profonde come: Qual è la natura della coscienza? Cosa significa essere un dio?
Mi è piaciuto questo libro e credo che questo sia comunque il miglior lavoro di Dick. Come al solito, il suo stile di scrittura non è nulla di epico - comunque i contenuti e le idee di cui scrive, sono profondi e intriganti. In questo libro assume la religione e il senso di sé, in modo unico e fantastico.
Consigliato.