Le ultime ore di Shaleen
by David Gerrold
(*)(*)(*)(*)( )(32)

Tornano gli eroi di David Gerrold: il computer Harlie e la "Star Wolf", la leggendaria astronave LS-1187. Ma una grave malattia ha colpito il comandante Hardesty, e l'ibernazione si è resa necessaria. La missione della "Star Wolf" diventa ancora più difficile: evacuare un intero pianeta! L'aiuto dei

All Reviews

4
NicatelNicatel wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
Titolo vergognoso
Mi chiedo cosa passi nella testa di alcuni curatori quando scelgono il titolo italiano dei romanzi: a volte viene tradotto in modo letterale, a volte lasciano il titolo originale, a volte (come in questo caso) gli affibbiano un titolo che non c'entra NIENTE col romanzo. Con in più l'aggravante che nelle note di copertina si INVENTA pure la trama.
"Le ultime ore di Shaleen" (titolo originale; "Middle of Nowhere", "In mezzo al nulla") NON E' la storia dell'evacuazione del pianeta Shaleen e di conseguenza NON E' affatto previsto "l'aiuto dei Morthan", che non sono affatto "ex avversari", ma sono i terribili nemici dell'umanità. Il titolo e la presentazione sono semplicemente una presa in giro del lettore, e la dimostrazione che non erano solo Fruttero & Lucentini a non leggere le opere che pubblicavano su Urania, ma anche qualche loro successore.

Fatto questo sfogo, il romanzo è il seguito de "Il viaggio dello Star Wolf", facente parte di un ciclo di quattro romanzi, di cui il terzo non è mai stato tradotto in italiano. La vicenda trasuda Star Trek da tutte le parti (il primo ufficiale Brik è chiaramente una versione di Spock, e le iniziali del comandante sono JTK) ma per tutta la prima parte non si capisce dove voglia andare a parare, perché non succede praticamente niente. Comincia a muoversi nella seconda parte, quando viene resa manifesta la presenza di un pericolo a bordo, e finisce nel caos delle ultime trenta pagine, dove si capisce ben poco di quello che sta succedendo. Non è sicuramente una delle opere migliori di Gerrold, e forse c'è un motivo per cui non è stato tradotto il romanzo successivo...
Ruperto StancoRuperto Stanco wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )