Lo scarafaggio
by Ian McEwan
(*)(*)(*)(*)( )(177)
Jim Sams si sveglia da sogni inquieti per ritrovarsi trasformato, dallo scarafaggio che era, in un essere umano. Nel corso della notte la creatura che fino al giorno prima sfrecciava tra mucchi di immondizia e canaline di scolo è diventata il più importante leader politico del suo tempo: il primo mi... More

All Reviews

43
TheroadTheroad wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
The Grand WazooThe Grand Wazoo wrote a review
03
MorenaMorena wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)( )
Anche se il primo a venire in mente è Kafka, McEwan si è ispirato e lo ha dichiarato a "Una modesta proposta" di Jonathan Swift in cui si ipotizzava come soluzione alla sovrappopolazione e povertà endemica dell'Irlanda, quella di mettere all'ingrasso i figli dei poveri per farli mangiare ai ricchi proprietari terrieri anglo-irlandesi. Una satira in cui con tanto di supporto di statistiche e calcoli l'autore dimostrava come la pratica avrebbe migliorato nettamente la vita di tutto il paese. Nella satira di McEwan l'Inghilterra vive una fase cruciale di modifica del suo sistema economico, dopo un referendum che ha visto la contrapposizione tra inversionisti (fautori di una teoria economica che vuole ribaltare il sistema monetario, per cui quando lavori devi pagare e quando consumi vieni pagato) e cronologisti (la vecchia scuola per così dire) vinto dai primi il paese, nei panni del suo primo Ministro, deve decidere cosa fare. Succede però che uno scarafaggio prende il controllo del corpo e della mente del primo Ministro e così succede alla gran parte del suo gabinetto, ora l'Inghilterra governata dagli scarafaggi - il cui unico scopo è di creare le condizioni ideali alla loro proliferazione e diffusione - può andare incontro al proprio destino. Il parallelismo tra Brexit e inversionismo è evidente, McEwan non fa mistero delle sue posizioni, il romanzo è divertente, bellissime le pagine in cui lo scarafaggio prende confidenza con il suo nuovo corpo umano e divertenti i vari passaggi che portano alla catastrofe finale. Certo non troviamo nessuna empatia e tentativo di comprensione verso chi ha votato per la Brexit (come invece succede in Proprio come te di Nick Hornby) ma in fondo è una satira e lo è in modo sfacciato e dichiarato, perché dovrebbe essere altrimenti?

A proposito di scarafaggi consiglio la lettura di "Gli scarafaggi non hanno re" di Daniel Evan Weiss, per fortuna nostra vi verrà da dire alla fine della lettura!
ToninoTonino wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)(*)