Lo spettro
by Jo Nesbø
(*)(*)(*)(*)( )(1,326)
Sono passati tre anni da quando Harry Hole è andato via. Via da Oslo, via dalla Centrale di polizia, via dalla donna che ha amato e ferito troppo, e troppe volte. Ma dai suoi fantasmi no, da quelli non è riuscito a fuggire: l'hanno inseguito a Hong Kong e ora lo reclamano, e Harry non può non rispondere, non può non tornare. Oleg, il figlio di Rakel, il ragazzo che lui ha cresciuto come fosse anche figlio suo, è in carcere. Accusa: l'omicidio di Gusto Hanssen, il suo migliore amico. Movente: secondo gli investigatori, un regolamento di conti nel mondo della droga. Ma Harry non ci crede. Oleg, il suo Oleg, il bambino che lo teneva per mano e lo chiamava papà, può essere diventato un tossicodipendente, ma non un assassino. E a lui non resta che correre a casa, correre contro il tempo, in cerca di una verità diversa da quella già decretata. Una verità che si nasconde tanto nelle maglie dei sentimenti più profondi che legano le persone, quanto nei quartieri dello spaccio, con l'ombra misteriosa di un nemico inafferrabile che lo vuole morto.

All Reviews

194 + 30 in other languages
AnomisAnomis wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)(*)
mela frescamela fresca wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)( )
steam engeniussteam engenius wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)(*)
Spoiler Alert
www.scaffalivirtuali.altervista.org
Tra i più copi romanzi del celebre Harry Hole, sicuramente quello che mi è piaciuto di più tra quelli letti fino ad ora. E ci tengo a precisare che ho seguito nella lettura lo stesso ordine con cui i romanzi sono stati pubblicati, ciò vuol dire che la vena creativa di questo autore è ancora un fiume in piena, dopo ben 9 romanzi. La storia si apre con Harry che vive ad Hong Kong da ormai 3 anni, lontano dalla sua Oslo, dalla stazione di polizia dove ha risolto tanti casi, dalla donna che ama, dal figlio di lei, Oleg, a cui è affezionatissimo. Ed è proprio per il giovane che Harry torna in Norvegia, per salvarlo da un'accusa pesantissima di omicidio per regolamento di conti in un affare di droga in cui il ragazzo sembra immerso fino al collo. L'indagine è appassionante, l'autore riesce a trasmettere al lettore i sentimenti che Harry prova per il ragazzo e per Rakel, la madre di Oleg, la donna che avrebbe anche potuto sposare, se fosse riuscito a condurre una vita normale. É una storia straziante, di loschi personaggi senza scrupoli, di giovani che perdono la dignità e ogni possibilità di vita decorosa per via della droga, di sofferenze sentimentali e anche un po' di speranza. O forse sarebbe più giusto dire illusione, ma questo è un punto molto soggettivo, che chiunque legga questa storia può facilmente mettere in discussione. Il turbinio di sentimenti è tale che lo stesso lettore si associa moralmente e affettivamente a Harry, ha quasi bisogno di credere che sia come pensa lui, che c'è un check in da fare, un aereo da prendere e una normalità da godersi altrove. Un viaggio verso la felicità, o uno sguardo in un'altra direzione, un istante che condanna all'oblio. Letto a un ritmo infernale, nonostante impegni di lavoro, famiglia e quant'altro, ma un simile capolavoro emotivo e investigativo non può aspettare. Meraviglioso.