Lo spirito oscuro di Shannara
by Edwin David, Robert Napton
(*)(*)(*)(*)( )(216)
Dopo aver distrutto l'Ildatch, il libro demoniaco, insieme alla sorella Brin, il mezzelfo Jair Ohmsford ha subito una radicale mutazione del suo potere. II suo canto non solo riesce a produrre illusioni in chi lo circonda, ma ora riesce a cambiarlo nel profondo, donandogli le sembianze e le capacità di Garet Jax, il maestro d'armi che si è sacrificato per lui durante le avventure di "La canzone di Shannara". Nonostante la distruzione dell'Ildatch però, le forze del male non si sono sopite. I Mwellret hanno comprato i servigi della potente strega Croton per trovare e rapire il druido Cogline e sua nipote Kimber, due vecchi amici di Allanon, druido guida della famiglia di Jair. Ora la strega sta usando tutte le sue arti per far rivelare all'uomo l'esatta ubicazione di Paranor, l'antica fortezza druida, per accedervi e sfruttarne l'enorme forza magica. Jair dovrà lanciarsi in una lotta contro il tempo per la salvezza degli amici, sfidare Mwellert, Malebestie e altre specie mostruose per proteggere la sapienza druidica, e infine confrontarsi con il vero potere della canzone magica.

All Reviews

36 + 1 in other languages
KtuluKtulu wrote a review
00
(*)( )( )( )( )
una graphic novel su soggetto di Brooks, ambientata dopo LA CANZONE DI SHANNARA, di cui riprende molti personaggi!
niente di che, davvero, nemmeno lontanamente paragonabile a un qualunque suo romanzo!

peccato!
RaddickRaddick wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
AndreaAndrea wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
Mirco, l'IngegnereMirco, l'Ingegnere wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
Riempire un buco professionale: i fumetti
Terry Brooks ha costellato la sua vita di successi letterari, grazie alla fortunata intuizione di creare un universo, quello di Shannara, in cui è riuscito a collocare praticamente tutte le sue storie (parte di quelle, poche, che non ci si trovavano, ce le sta portando con la saga che si fa chiamare "Genesi di Shannara"). Shannara ha trovato moltissimi accaniti estimatori nel mondo, tra cui anche un giovane sottoscritto, affascinato da una "Spada di Shannara" che permetteva ad un curioso bambino di nemmeno 10 anni di leggere storie fantasiose ad un livello accessibile. Via via lo stile di scrittura dell'autore è cresciuto, restando tuttavia ad un livello di costruzione mai troppo complessa e a volte fin troppo fortunosa nella realizzazione delle trame. Rimane un autore cui sono affezionato ma la mia "lunga" esperienza di Fantasy non riesce ormai ad apprezzare appieno la semplicità che i suoi lavori in qualche modo presentano. Se e quando posso torno a leggerlo, ma si vede la differenza tra un Terry Brooks e un, pace all'anima sua, Robert Jordan, o George R. R. Martin. Tornando alla Graphic Novel rispecchia queste premesse. La storia è leggera, breve e curiosa (per gli appassionati) in quanto inserita tra un capitolo e l'altro della prolifica produzione Brooks-iana. La lettura della Graphic Novel fugge in meno di una serata, quasi senza lasciare traccia. I personaggi prima della storia hanno certe caratteristiche e alla fine sono identici a se stessi (inevitabile, se si vuole far si che la nuova opera possa essere inserita nel contesto precedente). Nel complesso, gli ho dato la sufficienza solo e soltanto per il mio affetto all'autore. A dirla tutta avrebbe meritato solo la seconda stella.