M. Il figlio del secolo
by Antonio Scurati
(*)(*)(*)(*)(*)(1,069)
"Il 23 marzo 1919, quando a Milano fonda i ""Fasci di combattimento"", Benito Mussolini ha un esiguo numero di sostenitori. È lui stesso ad ammetterlo nelle prime pagine di questo romanzo. La storia della sua ascesa politica negli anni cruciali che portano al delitto Matteotti inizia così. All'epoca Mussolini è un ex leader socialista, un agitatore politico noto alla Pubblica Sicurezza, il direttore ambiziosissimo di un piccolo giornale di opposizione. Poi, per la sua capacità di fiutare il malcontento generale in un'Italia vittima di una democrazia agonizzante, diventa protagonista assoluto, personaggio perfetto di un romanzo documentario che ha una particolarità: niente di quello che è narrato è frutto di fantasia. Accanto ai grandi protagonisti di questa storia, si muove una folla di gregari che sembrano usciti dall'inesauribile creatività di un grande sceneggiatore. Invece no. Anche loro sono personaggi assolutamente reali: ogni cosa detta e pensata, ogni fatto agito si basa sull'evidenza delle fonti documentarie. Il primo fatale capitolo di un dramma destinato a coinvolgere un intero popolo si conclude nel 1924 con l'assassinio del deputato socialista che solo ha avuto il coraggio di sfidare l'arroganza dei fascisti con un memorabile discorso in Parlamento...

Krukmal's Review

KrukmalKrukmal wrote a review
01
(*)(*)( )( )( )
Imbarazzante
Non capisco, proprio non capisco il successo di vendite di questo libro. Vi dico cosa mi è sembrato? La raccolta di appunti di un dottorando in storia, volenterosissimo ma con la penna infelice.
La prosa è poco gradevole, con cambi di registro poco giustificabili. Frequenti richiami, non capisco se per rendere il libro "pop" o solo per una infelice scelta, a brani di canzoni, titoli di libri, citazioni random.
Ma non è la cosa peggiore del libro.
Un libro che ha pretesa di essere un "saggio in prosa" NON PUO' permettersi errori storici marchiani, dei quali il testo è disseminato.
Caro lettore, potrai resistere...ma quando finalmente arriverai alla frase (ricordo più o meno) "Aveva portato il figlio al mare, a Salsomaggiore", capirai di aver buttato soldi. E forse non comprerai più il vincitore del premio Strega.