Madrigale senza suono
by Andrea Tarabbia
(*)(*)(*)(*)( )(103)
Un uomo solo, tormentato, compie un efferato omicidio perché obbligato dalle convenzioni del suo tempo. Da lì scaturisce, inarginabile, il suo genio artistico. Gesualdo da Venosa, il celebre principe madrigalista vissuto a cavallo tra Cinque e Seicento, è il centro attorno a cui ruota il congegno ip... More

Macbetto's Review

MacbettoMacbetto wrote a review
02
(*)(*)(*)(*)( )
"L'odore di donna Maria è un sedimento, e io lavo poco il mio corpo per lasciare che vi germogli. Camminava per i corridoi del castello e tutti noi, e Carlo lo sapeva, ci fermavamo da ciò che stavamo facendo perché il profumo della sua pelle la annunciava e ci stordiva. Ebbe dei figli e il suo profumo cambiò, ma soltanto per poco tempo: divenne madre e il suo corpo ce lo disse attraverso un aroma più mansueto, di donna e non di femmina, i seni diventarono più tondi, i fianchi si allargarono e gli occhi si fecero molli; ma trovata la balia per Emanuele, Maria tornò femmina, si assottigliò, e dal suo corpo di nuovo provenne quella fragranza di biscia che per il principe mio è di lupa, e per i suoi amanti chissà cosa è stato." (pp. 45-46)

"Qual è il senso, Gioachino, di vivere una vita affollata di suoni e di musiche e canti e di non riuscire a ricordare il timbro di una voce?" (p. 271)