Mani calde
by Giovanna Zucca
(*)(*)(*)(*)( )(324)
Davide ha nove anni e proprio non ne vuole sapere di andare a comprare le cose per la scuola, la mamma insiste e quel banale tragitto tra l’abitazione e il negozio si rivelerà fatale. In coma, tra il sonno e la veglia in cui è costretto, Davide sente e “vede” le persone distraendosi con le storie degli altri: storie di ospedale, di chiacchiere in corsia, di infermiere e lotte fra medici, come quel “dottore antipatico” che tenterà l’impossibile per salvarlo. Un legame speciale fatto di empatia e sensazioni destinate a durare si formerà fra il medico e il ragazzino: eppure il primo è un uomo schivo, scorbutico, un dio nel proprio lavoro ma incapace di gestire ogni genere di rapporti umani; l’altro è pieno di vita ma immobile su un letto. Una storia intensa e commovente con la più positiva delle morali: “chi guarisce il prossimo guarisce sé stesso”.

Pucci58's Quote

Pucci58Pucci58 added a quotation
00
Si nasce sempre facendo soffrire. Poifinalmente Davide è uscito, tutto sporco di sangue, muco e uncazzato nero. Avevo qualcuno da difendere e da crescere. DOVEVO INSEGNARGLI A VIVERE. Già, ma come si insegna una cosa che non si sa?
------
Hanno cercato di educarlo al valore delle cose e a meritarle.
-------
Ma l'AMORE è altro. E' la certezza che puoi contare sulla persona che hai accanto. E' la certezza che quella persona la sceglieresti lo stesso a distanza di anni, quando hai visto il meglio e il peggio di lei. E' il fatto che la persona che ami tira fuori il meglio di te.
-------
... lui (Pligi) non ci aveva mai pensato a sposarsi visto ke le mogli prima si innamorano xhè sei misterioro e tenebroso e poi ti scocciano ckè vogliono che diventi diverso ....
La questione caso mai è trovare una fidanzata che non vuole che tu diventi un'altra persona (Davide).
-----
E' di poche parole: è convinto che la parola sia nella maggior parte fonte di malintesi e, come tutti quelli che parlano poco, ascolta molto.
Pucci58Pucci58 added a quotation
00
Si nasce sempre facendo soffrire. Poifinalmente Davide è uscito, tutto sporco di sangue, muco e uncazzato nero. Avevo qualcuno da difendere e da crescere. DOVEVO INSEGNARGLI A VIVERE. Già, ma come si insegna una cosa che non si sa?
------
Hanno cercato di educarlo al valore delle cose e a meritarle.
-------
Ma
More
0