Marianna Sirca
by Grazia Deledda
(*)(*)(*)(*)( )(314)
L'universo arcaico e immobile della Serra nuorese, la durezza e l'inospitalitàdel clima barbaricino e un ambiente rurale e montano inconciliallilmentediviso fra padroni, servi e banditi costituiscono il paesaggio geografico esociale in cui si svolge la storia della contrastata passione fra duepersonaggi

All Quotations

10
Chiapaneco NazzChiapaneco Nazz added a quotation
07
La pioggia scrosciava finalmente, sollevata dal vento come un velo intessuto di fili d’acciaio, e si contorceva e strideva ricadendo con furore sugli alberi e sui cespugli a loro volta convulsi d’angoscia. Nella radura i lecci secolari, presi entro quella rete d’acqua, si agitavano come ragni enormi nelle loro tele. Sul cielo passavano serpenti di fuoco, passavano mostri incalzati dal vento, e anche la pioggia pareva corresse, fuggisse lontana, di qua e di là, spaventata dalla sua stessa violenza. Tutto fuggiva, spinto da un impeto di terrore; e tutto quello che non si poteva staccare dalla terra, le pietre corruscanti di un fosco riflesso, le macchie, l’erba che ondulava folle, tutto quello che non poteva prendere parte alla fuga si torceva in uno spasimo disperato.
Chiapaneco NazzChiapaneco Nazz added a quotation
07
La pioggia scrosciava finalmente, sollevata dal vento come un velo intessuto di fili d’acciaio, e si contorceva e strideva ricadendo con furore sugli alberi e sui cespugli a loro volta convulsi d’angoscia. Nella radura i lecci secolari, presi entro quella rete d’acqua, si agitavano come ragni enormi More
Elly Chan10Elly Chan10 added a quotation
00
Del resto tutti nella vita siamo così, in carcere, a scontare la colpa stessa di esser vivi.
Elly Chan10Elly Chan10 added a quotation
00
Del resto tutti nella vita siamo così, in carcere, a scontare la colpa stessa di esser vivi.
Princess LolitaPrincess Lolita added a quotation
00
Un giorno, in quaresima, indossò le sue vesti più belle: tra le falde scarlatte del giubboncino si intravedeva il velluto perlato del corsetto come il chicco della melagrana attraverso la buccia spaccata; i bottoni di filograna d'argento dondolavano dall'apertura delle maniche, ciascuno con una perla cilestre nella punta, come in tinti nell'azzurro di quel cielo di marzo.
Princess LolitaPrincess Lolita added a quotation
00
Un giorno, in quaresima, indossò le sue vesti più belle: tra le falde scarlatte del giubboncino si intravedeva il velluto perlato del corsetto come il chicco della melagrana attraverso la buccia spaccata; i bottoni di filograna d'argento dondolavano dall'apertura delle maniche, ciascuno con una perla More
Princess LolitaPrincess Lolita added a quotation
00
Camminarono anche tutto il giorno seguente. Dopo il tramonto giunsero verso il litorale, sotto le falde di un monte desolato, nero sul cielo rosso come un cumulo di carboni spenti. Un paesetto con le casupole grigie affondate in certe buche scure simili a cave di pietra abbandonate, con le strade coperte di polvere gialla, accresceva la desolazione del paesaggio. Più in là tutto cominciò a brillare nel crepuscolo: in fondo alla landa selvaggia del litorale, fra il giallo dorato delle dune e l'azzurro del mare, lunghe chiazze di acqua paludosa vibravano argentee e rosse al riflesso del cielo come enormi pesci guizzanti sulla sabbia.
Princess LolitaPrincess Lolita added a quotation
00
Camminarono anche tutto il giorno seguente. Dopo il tramonto giunsero verso il litorale, sotto le falde di un monte desolato, nero sul cielo rosso come un cumulo di carboni spenti. Un paesetto con le casupole grigie affondate in certe buche scure simili a cave di pietra abbandonate, con le strade coperte More
Princess LolitaPrincess Lolita added a quotation
00
La pioggia scrosciava finalmente, sollevata dal vento come un velo intessuto di fili d'acciaio, e si contorceva e strideva ricadendo con furore sugli alberi e sui cespugli a loro volta convulsi d'angoscia. Nella radura i lecci secolari, presi entro quella rete d'acqua, si agitavano come ragni enormi nelle loro tele. Sul cielo passavano serpenti di fuoco, passavano mostri incalzati dal vento, e anche la pioggia pareva corresse, fuggisse lontana, di qua e di là, spaventata dalla sua stessa violenza. Tutto fuggiva, spinto da un impeto di terrore; e tutto quello che non si poteva staccare dalla terra, le pietre corruscanti di un fosco riflesso, le macchie, l'erba che ondulava folle, tutto quello che non poteva prendere parte alla fuga si torceva in uno spasimo disperato.
Princess LolitaPrincess Lolita added a quotation
00
La pioggia scrosciava finalmente, sollevata dal vento come un velo intessuto di fili d'acciaio, e si contorceva e strideva ricadendo con furore sugli alberi e sui cespugli a loro volta convulsi d'angoscia. Nella radura i lecci secolari, presi entro quella rete d'acqua, si agitavano come ragni enormi More
ElinElin added a quotation
00
Forse oggi verrà, e d'un tratto il giorno tetro le si apriva davanti come una conchiglia scabra con dentro la perla della speranza.
ElinElin added a quotation
00
Forse oggi verrà, e d'un tratto il giorno tetro le si apriva davanti come una conchiglia scabra con dentro la perla della speranza.
ElinElin added a quotation
00
Ella aveva aspettato mesi e mesi ed egli aveva camminato lungamente per arrivare; eppure tutta l'attesa di lei e il cammino di lui erano stati vani se l'orgoglio li divideva ancora.
ElinElin added a quotation
00
Ella aveva aspettato mesi e mesi ed egli aveva camminato lungamente per arrivare; eppure tutta l'attesa di lei e il cammino di lui erano stati vani se l'orgoglio li divideva ancora.
ElinElin added a quotation
00
Questo era dunque l'amore: affanno nascosto nel più profondo del cuore, e schiavitù a questo affanno, eppure era dolce addormentarsi così, legata, col proprio segreto entro il cuore.
ElinElin added a quotation
00
Questo era dunque l'amore: affanno nascosto nel più profondo del cuore, e schiavitù a questo affanno, eppure era dolce addormentarsi così, legata, col proprio segreto entro il cuore.
ElinElin added a quotation
00
[...]quando ogni foglia si agita lamentandosi, non si sa di che, forse di non potersi staccare e volare, forse di doversi un giorno staccare e cadere; e l'ondulare e il risonare del bosco e del vento par che ripetano l'ondulare e il risonare dell'oceano stretto nei suoi lidi e sbattuto invano da un limite all'altro della terra.
ElinElin added a quotation
00
[...]quando ogni foglia si agita lamentandosi, non si sa di che, forse di non potersi staccare e volare, forse di doversi un giorno staccare e cadere; e l'ondulare e il risonare del bosco e del vento par che ripetano l'ondulare e il risonare dell'oceano stretto nei suoi lidi e sbattuto invano da un limite More
ElinElin added a quotation
00
Ma ecco suo padre tornare e i pensieri di lei si ritirano nel loro nascondiglio più segreto: nessuno al mondo deve saperli, e questo non tanto per orgoglio quanto perché lei ama la sua anima come la sua casa, che tutto sia in ordine, pulito, chiuso nelle casse, appartenente a lei sola.
ElinElin added a quotation
00
Ma ecco suo padre tornare e i pensieri di lei si ritirano nel loro nascondiglio più segreto: nessuno al mondo deve saperli, e questo non tanto per orgoglio quanto perché lei ama la sua anima come la sua casa, che tutto sia in ordine, pulito, chiuso nelle casse, appartenente a lei sola.